Jazzitalia - Municipale Balcanica: Fòua
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ethnoworld (MIT2009)
Municipale Balcanica
Fòua


1. Arlecchino - 4:53
2. Odessa Bulgarish - 3:00
3. (Intro) Dio è Zingaro - 4:16
4. Dio è Zingaro - 4:21
5. Ale Brider - 2:34
6. Fòua - 4:32
7. (Intro) Hava Nagila - 3:44
8. Hava Nagila - 4:04
9. Carovana - 5:22
10. Araber Tanz - 6:01
11. Unique sun, Unique blood! - 4:09
12. Rigoudon - 3:52
13. Alì bienvenù - 5:53
14. Pinuccio - 5:36

Giorgio Rutigliano - basso elettrico
Raffaele Tedeschi - chitarra elettrica, folk, acustica e voce
Raffaele Piccolomini - sax tenore
Michele De Lucia - clarinetto
Paolo Scagliola - tromba
Armando Giusti - sax tenore e sax soprano
Livio Minafra - fisarmonica e pianoforte
Michele Rubini - tuba
Alessandro Paparella - grancassa e chitarra classica
Luigi Sgaramella - batteria e djambè
Nicolò Marziale - darabuka e tammorra

Guest


Pino Minafra - tromba in 3 e 14
Filomena De Leo - voce recitante in 3 e voce in 4 e 14
Anna Cellammare - voce in 4 e 14
Carlo Porfido - violino in 5 e 8
Michele Marzella - trombone 3, 4, 6, 13 e 14


Fòua, grazie. Questa semplice parola macedone dà il titolo al primo lavoro discografico della Municipale Balcanica. La banda, composta da ben 11 elementi provenienti dai comuni di Terlizzi, Ruvo e Corato, imperversa in territorio pugliese già da un po' di tempo, portando con sé una carica di allegria travolgente e contagiosa.



Riprendendo il folclore della banda di paese meridionali e mescolandolo alle influenze della musica popolare più disparata, l'organico attinge tanto dalla tradizione Yiddish (Odessa Bulgarish) e Jewish (Ale brider) quanto a quella ebraica (Hava nagila) e klezmer (Araben tanz), fino ad arrivare ai lidi francesi con Rigoudon. Le altre composizioni portano la firma del figlio d'arte Livio Minafra, pianista e fisarmonicista alla ribalta della scena jazzistica nazionale già da alcuni anni (anche nel 2006 è stato presente tra i nuovi talenti nella classifica Top Jazz stilata della rivista Musica Jazz).

Tutti i 14 brani spaziano tra i generi, passano con disinvoltura dal folk al free jazz (c'è persino una divagazione rockeggiante in Ali bienvenu!), e danno così vita ad una forma di "caos organizzato": gli 11 ragazzi riescono ad esprimere con le note un concetto che in tanti hanno provato a spiegare a parole. L'imponente sezione fiati (sassofoni tenore e soprano, tromba, clarinetto e tuba) e l'altrettanto nutrita ritmica (oltre a basso e batteria, ci sono grancassa, djembe, darabuka e altre percussioni) permettono un costante rimescolio di carte, e lasciano spiazzato l'ascoltatore.

L'improvvisazione è elemento centrale nella idea musicale della Municipale Balcanica, e raggiunge il suo apice nelle performance live, ma queste escursioni melodiche vengono sempre ricondotte sui binari del tema, grazie ad un evidente sforzo in fase di arrangiamento (anch'esso curato da Minafra). La traccia di apertura non poteva dunque che chiamarsi Arlecchino, figura emblematica della mescolanza e della follia che, vista con altri occhi, diventa ragione. "Pazzi, tutti pazzi / quelli normali" recita una strofa del pezzo succitato, e in effetti proprio la lucida pazzia ha spinto la Municipale Balcanica verso orizzonti così longevi da apparire nuovi, alla riscoperta di tradizioni e costumi che il tempo sembrava aver sopito, ma che fanno parte del dna intrinseco della nostra cultura di cittadini del mondo.

Fòua è quindi un ringraziamento, come si deduce anche dalle note di copertina, che l'ensemble vuol volgere ai Balcani ma soprattutto alla musica, vero trait d'union tra popoli e culture, anche distanti tra loro, che in fondo non sono così diversi.

Nel disco sono presenti diverse guest (su tutte Pino Minafra) che contribuiscono a rendere ancora più estesa una formazione chilometrica, e rendono ancor meglio l'idea di musica d'ensemble che permea tutto il lavoro.

Il cd contiene inoltre un simpatico video amatoriale di Arlecchino, girato nella campagna pugliese, che dà un assaggio dello spirito che anima questa giovane formazione.
Alberto Francavilla per Jazzitalia







Articoli correlati:
23/09/2018

Talos Festival 2018: "Il festival pugliese muta, evolve, si trasforma, e assume negli anni recenti la connotazione di uno straordinario esempio di politica culturale." (Vincenzo Fugaldi)

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

12/03/2017

Born Free (Livio Minafra & Louis Moholo - Moholo)- Enzo Fugaldi

27/11/2016

Sole Luna (Livio Minafra)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

25/03/2012

Intervista con Pino Minafra: "...generosità nel suonare, duttilità, saper leggere, saper sporcare, saper pulire la musica, ma soprattutto avere un sacro fuoco..." (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

16/11/2008

Intervista a Livio Minafra: "Non c'è niente di più bello che la fantasia. In particolare se non è la fantasia dei sogni nel cassetto ma è quella dei lenti ma profondi cambiamenti. Credo che oggi non esista più la musica, e né le musiche e neppure i generi o gli stili. Oggi esistono le persone e per distinguersi la gente ha bisogno che la musica sia autobiografica. La gente ha bisogna che l'artista sia totale con la sua personalità artistica ed umana." (Fabrizio Ciccarelli)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

13/01/2007

La dolcezza del grido (Livio Minafra)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.973 volte
Data pubblicazione: 30/03/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti