Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Giulio Stracciati
Free Three


1. Bye Bye Blackbird 5'02''
2. The Shadow Of Your Smile 5'23''
3. Lazy Bird 3'57''
4. Memories Of Istambul (J.Egri) 5'57''
5. My Funny Valantine 4'14''
6. Ouverture (G.Stracciati) 3'21''
7. Giant Steps 2'23''
8. In Your Own Street Way 7'11''
9. No Greater Love 4'21''
10. Folk 1 (G.Stracciati) 2'58''

Giulio Stracciati - guitar
Janos Egri - bass
Piero Borri - drums



web: www.philologyjazz.it
email: philology@philologyjazz.it
Phone : +39 733 236148
Fax : +39 733 271988
Mobile : +39 333 9659646
 


Se si suona con coinvolgimento, se la musica spicca il suo volo densa dell'intimità di chi l'ha prodotta, quando giunge all'ascoltatore non può non farsi notare. E' come osservare con i propri occhi una storia, ce ne sono tante, tutte uguali, ma se se ne riconosce l'autenticità allora si rimane, a propria volta, coinvolti. E' ciò che capita ascoltando lo scontato disco di Giulio Stracciati. Già, scontato come potrebbe essere un qualsiasi lavoro che si presenta con un trio chitarra, contrabbasso e batteria e con una sfilza di standard suonati ovunque e da chiunque. L'ascolto quindi deve necessariamente mettere da parte la pretesa di percepire novità, idee geniali che facciano gridare al miracolo, sarebbe controproducente e non sortirebbe effetti positivi. Se invece ci si pone dinanzi a questo album con rilassatezza e con il "semplice" proposito di voler ascoltare un buon jazz ben suonato allora si potrà ascoltare una musica fluida, articolata secondo gli stilemi classici rispettati ed assimilati in modo molto adeguato, con un ottimo controllo dinamico e dei suoni, con una padronanza di linguaggio ragguardevole e, perchè no, con delle invenzioni estemporanee che lasciano anche spazio a sprazzi di novità piacevoli come l'arrangiamento di My Funny Valentine, l'interplay di Memories of Istanbul, i momenti con la chitarra classica di Ouverture e Folk I.



Il chitarrismo di Stracciati fa riecheggiare fraseggi della scuola di Mick Goodrick, Joe Diorio, basati innanzitutto sulla elevata pulizia delle note, l'uso delle dita, i rapidi spostamenti tonali che rendono meno scontate le soluzioni adottate, lo sfruttamento delle triadi, l'andamento obliquo delle frasi. Poi c'è il senso del respiro, il suono della chitarra che, come una voce, rispetta un'esigenza fisica, quella di prendere fiato, principio di cui il grande maestro è Jim Hall e che Stracciati ha assimilato riportandolo in modo naturale nel suo modo di suonare senza perdere in virtuosismo, anzi, riuscendo a prendere velocità in modo molto più consistente ma senza affanno, quindi con timing notevole. La capacità di attendere che il suono abbia finito il suo corso, la mancanza di fretta, possibili grazie a molta tecnica nel tocco, alla solida consapevolezza delle dinamiche disponibili. Ma tutto questo vuol dir poco o nulla se poi non lo si condisce con quell'ingrediente citato all'inizio: l'intimità, la propria anima musicale che rende il tutto comunque unico, forte di un'identità che anche se può tardare dal punto di vista prettamente stilistico (impresa oggi titanica!) sicuramente non manca dal punto di vista della musicalità, del gusto e dell'impronta impressa al suono globale.

Il merito quindi di "Free Three" è nell'essere riuscito a trasmettere, ad arrivare, a non restare lì, nel lettore, a suonare senza che l'ascoltatore se ne accorgesse. Al contrario cattura l'attenzione, impone la ricerca del silenzio per potersi far ascoltare meglio. Altro merito è quello di aver offerto a chi scrive (e speriamo davvero a tanti altri) l'opportunità di conoscere la raffinatezza di un batterista come Piero Borri, eccellente, fondamentale nel permettere che Stracciati abbia potuto esprimersi nel modo descritto e la possenza e precisione dell'ungherese Janos Egri al contrabbasso. Due musicisti che hanno contribuito in modo determinante al raggiungimento del suono globale, risultato a cui ogni trio ha il dovere di ambire.

Good for you, Giulio!
Marco Losavio per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/04/2011

Tandem (Marco Poggiolesi, Ferdinando Romano) - Cinzia Guidetti

20/02/2011

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Enzo Fugaldi

11/12/2010

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Francesco Martinelli

06/06/2010

Non Sono io (Musiche di Luigi Tenco) (Tiziana Ghiglioni)- Gianni B. Montano

24/04/2010

Miriam (Gianfranco Menzella Quintet)- Rosanna Perrone

05/04/2010

Every Song (Alice Claire Ranieri Quartet) - Laura Mancini

19/10/2009

Non solo parole confuse (Tiziana Bacchetta) - Alceste Ayroldi

26/09/2009

Reflection(s) On Monk (Norberto Tamburrino) - Luca Labrini

12/09/2009

Debandade (Bettina Corradini Jazzen Group) - Alceste Ayroldi

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

30/06/2009

Let's move on (Venanzio Venditti) - Augusto Pallocca

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

06/06/2009

Orfeu Negro (Effetto Musica Ensemble Incontra Claudia Marss)

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

12/04/2008

Choros Cariocas (Irio De Paula)

11/04/2008

O Tom Brasileiro (Luiz Lima)

23/02/2008

Hustle And Bustle (Marco Contardi Quartet)

04/02/2008

Pensiero – Omaggio a Gino Paoli (Marilena Paradisi) - include un intervista a Marilena Paradisi.

23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

02/11/2007

Change the World (Alice Claire Ranieri Quartet)

01/07/2007

Encontro (on Jobim) (Phil Woods - Irio De Paula)

09/05/2007

Told Notes (Alberto Iovene)

07/04/2007

Sozinho Ao Vivo (Irio De Paula)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

15/05/2006

Import Export (Larry Franco Quartet)

22/04/2006

Almeno tu... (Fovèa Jazz Project)

25/03/2006

Intervista a Giulio Stracciati: "Fondamentalmente, cerco di rappresentare un mio mondo. Con gli anni e le esperienze cambiano le sfumature di gusto e gli arricchimenti che provengono dalle varie collaborazioni e ascolti di altri artisti." (Alceste Ayroldi)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

03/09/2005

Makin Whoopee - Stormy Weather (Andrea Pozza)

28/08/2005

A Night in Vienna (Nuevo Tango Ensamble)

21/06/2005

Threni (Pericle Odierna Quartet)

27/03/2005

WB3 (Walter Beltrami Trio)

22/02/2005

Four for Jazz (I. De Paula - F. Bosso - M. Moriconi - M. Manzi)

21/02/2005

Recado (Irio De Paula - Gianni Basso)

20/02/2005

Lembrando Wes Montgomery (Irio De Paula)

17/10/2004

BargaLee (Orchestra BargaJazz & Lee Konitz)

16/10/2004

Small Day Tomorrow (Michela Lombardi)

13/09/2004

Introducing...Larry Franco, Jazz Singer! (Larry Franco)

19/07/2004

Duetando (Irio De Paula)

23/04/2004

In anteprima, il nuovo CD di Nicola Mingo 'Power Guitar' pubblicato per la Philology con Antonio Faraò, Dario Rosciglione, Michael Rosciglione e Gegè Munari.

13/03/2004

Once I Loved (Irio De Paula - Fabrizio Bosso)

22/01/2004

Realidade Real (Luiz Lima)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.192 volte
Data pubblicazione: 03/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti