Jazzitalia - Menconi, Fioravanti, Bagnoli: From east to west
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


Abeat records - 2008
Menconi, Fioravanti, Bagnoli
From east to west


1. Samuel
2. Venti Alisei
3. The Fool on the hill
4. Azbi
5. Romeo e giulietta
6. From east to west
7. O Scioco
8. Edith
9. Bandeyer

Alessio Menconi - chitarra
Riccrdo Fioravanti - contrabbasso
Stefano Bagnoli - batteria




Via Pasubio, 6
21058 Solbiate Olona (VA)
tel/fax +39 0331 376380


"From east to west" è un ottimo lavoro con molte buone peculiarità dalla propria parte. Si dovrebbe accennare innanzitutto alla semplice line-up, che da sola entusiasma e dà garanzia di alto profilo al disco che si ha fra le mani. Il duo Fioravanti - Bagnoli è ormai da tempo consolidato: assieme costituiscono un organico ritmico e melodico (giacché chi scrive è fermamente convinto, fra le altre cose, anche della melodicità intrinseca allo stile di un batterista come Bagnoli) che non lascia nulla al caso, dove la struttura dell'accompagnamento è formata da un preciso equilibrio fra espressione ed intenzione, che conferisce al lavoro ricchezza, solidità e precisione.

D
'altro canto non è da meno la presenza di un chitarrista come Menconi, forse uno dei più creativi improvvisatori di cui l'Italia possa farsi lustro e, come dimostrano i brani qui registrati, intelligente compositore. La chitarra di Menconi, dal suono caldo e ricco di pathos, è sicuramente il tratto distintivo di questo lavoro. Ciò che colpisce di questo artista è il suo lasciarsi trasportare ed al contempo a rapire anche con poco note penetranti. Colpisce la sensibilità espressiva con cui costruisce un monologo che sembra rivolto direttamente a chi l'ascolta; stupisce la maniera con cui elude la tecnica fine a sé stessa a favore di un profondo confronto con il brano e con il lirismo insito in esso.

Un altra caratteristica importante, molto evidente, sta nell'aver scelto di restare legati alla formazione classica del trio senza comunque sacrificare la possibilità di invenzioni ed idee più originali, anche se ciò non si traduce in una cieca ricerca della novità e del non-sentito. I movimenti, le dinamiche e gli scambi fra le voci in coro sono snelli e liberi: la forma è moderna. Paradossalmente, nonostante la generale dolcezza del suono ed il carattere fluido dei brani, il lavoro dei tre trova eco nella fusion e nel jazz-rock; si avverte infatti una tensione sottostante la trama del corpo sonoro che spesso tende a rivelarsi e farsi strada, soprattutto nei momenti solistici, creando una bella contrapposizione con il dolce languore che caratterizza i brani dell'intero disco.

Se lo stile più genuino di Menconi traspare dai quattro brani scritti di suo pugno, fra cui è assolutamente da segnalare "Venti Alisei", la maggior libertà creativa il trio la trova nei brani non originali, fra cui figurano una inaspettata "The fool on the hill" dei Beatles e la stupenda "Romeo e Giulietta" di Nino Rota. Breve ma magnifico momento è invece "Azbi", di Fioravanti, costituito da un semplice scambio di tema fra chitarra e basso dominato da un suono sospeso e un po' malinconico, ma in grado di toccare realmente l'animo di chi ascolta.

L'ultima composizione è invece una sorta di colpo di coda, dal ritmo più marcato e presente: "Bandeyer" di Bagnoli, ed è chiaro, non poteva che esser suo. La chiusura del brano, e quindi quella dell'intero lavoro, è semplicemente geniale: in contrasto con le tracce precedenti ed il loro suono più indefinito, sembra convogliare quella tensione cui si è accennato, per concentrarla e ispessirla, come a voler controbilanciare improvvisamente tutto l'assetto del disco.

"From east to west", in sostanza, ha tutte le carte in regola per risultare come una delle più felici produzioni di questo anno.
Achille Zoni per Jazzitalia






Articoli correlati:
19/07/2015

Messina Sea Jazz 2015: "Quattro serate all'insegna del jazz, otto formazioni, una grande orchestra e un unico prezioso fil rouge: la Sicilia." (Nina Molica Franco)

02/06/2014

Sketches of Miles (Alessio Menconi)- Gianni Montano

01/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Mario Caccia, Abeat Records: "...attualmente l'industria discografica è ormai polverizzata, così come sono ormai entrate in declino tutte le figure professionali che gravitano attorno alla valorizzazione e commercializzazione della musica..." (Alceste Ayroldi)

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

15/09/2013

Desertico (Paolo Fresu Devil 4et)- Alceste Ayroldi

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2013

Un Altro Viaggio (Stefano Bagnoli We Kids Trio)- Marco Losavio

21/04/2013

Paolo Fresu Devil Quartet: "...una formazione che si conferma ai massimi livelli del jazz italiano e internazionale, riuscendo a coniugare una ricerca musicale raffinata ed innovativa con la capacità di catturare emotivamente un vasto pubblico." (Roberto Biasco)

07/10/2012

Portraits (Fabio Crespiatico)- Matteo Mosca

12/02/2012

'S Wonderful (Lara Iacovini Quartet)- Rossella Del Grande

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

24/04/2011

Harmonitaly (Federico Bertelli - Riccardo Arrighini trio)- Gianni B. Montano

06/03/2011

Intervista a Diego Baiardi: "...il mondo in questo momento abbia bisogno di forme artistiche che elevino, dunque se un disco ti eleva a livello vibrazionale, ti porta su di un piano di pace e apertura spirituale. Un disco ha la possibilità di modificare delle vibrazioni e di riportare l'ascoltatore su di un piano più positivo, meditativo." (Eva Simontacchi)

04/12/2010

Moti ondosi (Diego Baiardi quartet)- Gianni B. Montano

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

19/06/2010

Say The Truth (Gabriele Boggio Ferraris Quartet)- Rossella Del Grande

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

19/04/2009

"Let's Get Lost: Chet Baker ed il Messaggio nella Bottiglia" nell'ambito del Piacenza Jazz Fest ideato da Luca Bragalini con conferenza e concerto con il Paolo Fresu. (Stefano Corbetta)

08/03/2009

Sunday Afternoon (Andrea Dulbecco Trio )

15/02/2009

Time Pieces for piano (Amato Jazz Trio )

21/12/2008

Stylus Q (Stylus Q)

25/08/2008

Liquid Places (Mauro Negri Quartet)

21/06/2008

Note Basse (Riccardo Fioravanti Quartet)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

20/03/2008

Humanity (Tom Harrell - Dado Moroni)

19/03/2008

Changing Walking (Fausto Ferraiuolo Trio)

16/03/2008

The Cube (The cube & Tom Harrell)

27/12/2007

Private Tales (Zara - Goloubev - Zanoli)

16/06/2007

Unquiet Serenade (Carlo Nicita / Rosario di Rosa Sextet)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

14/01/2007

Aphrodite (Alessandro Carabelli Group (featuring Franco Ambrosetti))

01/06/2006

Pasion/a.s. (Tangoseis)

24/05/2006

Musica (Antonio Zambrini)

01/05/2006

Italian Trumpet Summit a Chiasso: "L'evento ha indubbiamente rappresentato una evidente dimostrazione dell'ottimo livello raggiunto dai jazzisti italiani che meritatamente si sono imposti in ambiti internazionali, riscuotendo i meritati riconoscimenti e consensi." (Bruno Gianquintieri)

19/03/2006

Passaggi (T.R.E. (Tri Razional Eccentrico))

04/02/2006

A. Menconi - Faso - C. Meyer (A. Menconi - Faso - C. Meyer)

27/12/2005

Standard Trio (Alessio Menconi)

23/12/2005

Senza parole (Ettore Martin quartet e Les quartettes strings)

22/08/2005

Songs (Mario Zara)

14/07/2005

Bill Evans Project (Riccardo Fioravanti Trio)

10/06/2005

Intimate Conversation (Marilena Paradisi - Piero Leveratto)

02/01/2005

MAG Trio (Pensieri Circolari)

01/11/2004

Le note richiamano versi (JP Band)

05/07/2004

Around Satchmo (Stefano Bagnoli Brushtime Trio)

21/04/2004

Casa Moderna (Massimo Nunzi)

21/06/2003

Super Star Triok (Moroni - Moriconi - Bagnoli)

03/07/2002

A Jazz Story di Stefano Bagnoli con la Dream Band (Abeat records)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.455 volte
Data pubblicazione: 23/08/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti