Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Giotto Music LM104 - 2004

Gianni Coscia - Renato Sellani
Galleria Del Corso
(live)


1 - Non dimenticar le mie parole
2 - Le foglie morte
3 - Dinah
4 - Polvere di stelle
5 - Dolce Giorgia Marrone
6 - My funny Valentine
7 - Amore baciami
8 - Da te era bello restar
9 - Laura

Gianni Coscia:
Accordion
Renato Sellani:
Piano

Gianni Coscia - Renato Sellani, fisarmonica - piano, un duo che sfoggia lirismo, poesia, fantasia, uno spaccato d'Italia che in silenzio è passata negli anni forgiandosi attraverso le vite di coloro che hanno fatto dell'arte e della musica ragione di espressione interiore divenuto poi espressione di una socità coinvolta nel periodo più buio del secolo scorso. Ma è sempre nei momenti più bui che un lampo fornisce luce, speranza, energia. Ed è quello che a quel tempo fecero Gorni Kramer e Alberto Semprini, fisarmonica - piano, un duo a cui in qualche modo si isprira questo progetto, con i dovuti distinguo. Nove brani, nove magnifiche interpretazioni, dense di note, musica, emozioni, ache negli spazi, nei silenzi, nelle intenzioni, negli accenni.

Non dimenticar le mie parole, fluida, meravigliosamente antica, un'icona. Le Foglie Morte, in una semplicità disarmante vi risiede una gemma riportata alla sua naturale lucentezza. Polvere di Stelle, un film in bianco e nero d'altri tempi che però non finisce mai di commuovere. My Funny Valentina e Laura, immortali canti d'amore eseguiti riuscendo a ridurli alle uniche note necessarie e fondamentali per renderli essenza. Amore baciami, Da te era bello restar, swing d'altri tempi che segnano nell'aria il loro andamento morbido e fluttuante. Dinah e Dolce Giorgia Marrone (ovvero Sweet Georgia Brown) virtuosi esempi di fox-trot e blues.

Semprini diceva di sentirsi un "acrobata da circo senza rete" quando suonava con Kramer il quale rispondeva in modo spavaldo "suona, suona, non aver paura...". Ed è così che anche Sellani e Coscia, ora clown, ora acrobati, trattengono il pubblico costantemente col fiato sospeso, lo sguardo in alto, meritando un pauso alla fine di ogni numero.
Marco Losavio per Jazzitalia













Invia un commento



COMMENTI
Inserito il 10/9/2010 alle 19.28.31 da "luigicarniglia"
Commento:
SALVE AMICI VI SCRIVO DALL'ARGENTINA
VOLEVO SAPERE LA DATA DI INCISIONE DEI 78 GIRI DI KRAMER-SEMPRINI
UN ABRACCIO FORTE
LUIGI CARNIGLIA BUENOS AIRES
 

Questa pagina è stata visitata 7.352 volte
Data pubblicazione: 27/12/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti