Jazzitalia - Tiziano Zanotti: Gestire lo Spazio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Echoes 2007
www.ediechoes.com

Tiziano Zanotti
Gestire lo Spazio


1. The opener
2. Dettagli
3. Gocce
4. Episodio II
5. Piece informe
6. Hands
7. Afternoon in solo
8. Dirty
9. Harry
10. Gestire lo spazio I
11. Forma mentis
12. Gestire lo spazio II
13. Blue
14. Gestire lo spazio III (Dedicato a Bruno Maderna)
15. Gestire lo spazio IV

Tiziano Zanotti - basso elettrico a 6 corde, piano acustico





Tiziano Zanotti
è da lungo tempo un apprezzato didatta. Culmine di questa sua importante attività è il manuale "Bassista contemporaneo" in ben quattro volumi, ma il musicista bolognese ha al suo attivo altri apprezzati testi. Vanta inoltre collaborazioni prestigiose in ambito pop e classico e ha portato avanti interessanti esperienze di sperimentazione jazzistica.

Dopo alcuni dischi incisi in duo, fra cui quel "Tarabuk", per basso e fisarmonica (con Marco Lo Russo) che ha avuto entusiastiche accoglienze dalla critica, Zanotti tenta ora l'avventura in solitario, con "Gestire lo spazio". Un disco molto particolare ed insolito (per fortuna!) basato com'è su composizioni per solo basso elettrico, con qualche apparizione del piano e sottolineate con un moderato e piacevole uso dell'elettronica.

Un disco decisamente utile, forse necessario, per chi usa o sta imparando ad usare lo strumento e interessante da un punto di vista musicale. E' evocativo, sottilmente malinconico. A lungo andare, però si avverte certa ripetitività che nuoce al progetto. La musica sembra avvitarsi un po' su sé stessa L' atmosfera iniziale, pur suggestiva in virtù della bella sonorità delle sei corde, finisce alla lunga per raffreddarsi. L' effetto finale ricorda quelle partite a tennis tutte giocate a fondo campo, con grande abilità, ma nelle quali sembra che poco accada.

Peccato, perché nelle rapide incursioni al piano Zanotti mette in luce un bel lirismo che fa pensare al miglior Beirach.

In ogni caso un progetto coraggioso.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia







Articoli correlati:
03/02/2009

Mediterranean Accordion...Live (Marco Lo Russo)

23/12/2007

Influences (Tiziano Zanotti e Alessio Alberghini)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.760 volte
Data pubblicazione: 21/01/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti