Jazzitalia - Recensioni - Geo Progulakis Trio: Good Start
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Roy Hargrove!! Il geniale trombettista statunitense è deceduto il 2 novembre 2018. Il cordoglio dei musicisti e della comunità tutta in ricordo del suo grandioso talento..

Nuovo appuntamento di Storie di Vinile, interamente dedicato a Ennio Morricone per il suo novantesimo compleanno.

Giordano in Jazz Winter 2018: Bollani, Cincotti, Level 42, Alex Han e il gospel natalizio per l'edizione winter 2018, nella stupenda cornice del Teatro Umberto Giordano e non solo..

26ma edizione di Umbria Jazz Winter: nel cartellone i più bei nomi del jazz italiano e personaggi di culto del jazz americano. Una edizione che si segnala anche per alcune esclusive. .

Jazz Concept: Forme e Linguaggio Moderno del Jazz. workshop intensivo dedicato allo studio melodico del linguaggio jazzistico a cura del CEMM.

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Antonino (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
Geo Progulakis Trio
Good Start



GP (2015)

1. Flicker
2. Good Start
3. Bla Bla
4. 26 Hope
5. Letter To My Dad
6. Arica
7. Unstable Balance
8. Vino Veritas
9. Microwaved Salad

Geo Progulakis - pianoforte
Luca Rosenfeld - contrabbasso
Zan Tetickovic - batteria



Sarebbe una storia da raccontare quella del giovane Geo Progulakis: nato in Cile, una parte di vita vissuta in Italia (dove ha avuto il tempo per aggiudicarsi nel 2010 il premio del pubblico del concorso Chicco Bettinardi) e in Perù, e dal 2011 accolto tra le braccia della cosmopolita New York. L'altalena tra Americhe ed Europa risuona nelle corde del suo pianoforte e nelle composizioni del suo solido lavoro discografico.

Tecnica impeccabile che attrae quanto di meglio vi è in circolazione nei due emisferi, che s'accoppia perfettamente a un ampio vocabolario, che tiene a mente i lemmi più forbiti accostandoli a un linguaggio sobriamente dinamico. L'uso dei registri medi sottolinea la sua conoscenza della musica classica, anche contemporanea, della tradizione jazzistica, con ampi squarci di modern mainstream di marca newyorkese, come si ascolta nel brano eponimo. E non dimentica la sua infanzia vissuta accanto a ritmi e sonorità latini, che echeggiano nelle fughe e nell'impasto armonico-ritmico della focosa "Bla Bla", così come sottendono le maglie di "26 Hope", che pone l'accento sul proficuo legame con Luca Rosenfeld, che lega con corde dense e dardeggianti, il dialetto del leader e le rutilanti risoluzioni timbriche di Zan Tetickovic.
 
Progulakis è magistrale nei cambi di tempo e ritmici ("Letter To My Dad"), sciorinando legati, pause e spezzature fragorose che danno carne a delle composizioni agili e fresche.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 592 volte
Data pubblicazione: 13/12/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti