Jazzitalia - Lusi / Masciari Quartet: Gotha 17
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(h) Records 2008
Lusi / Masciari Quartet
Gotha 17


1.Symposium (L. Masciari)
2.Giangi`s Swing (G.Lusi)
3.Intro (L. Masciari)
4.Teneramente (G.Lusi)
5.Ramla Bay (L. Masciari)
6.Intro (P. Iodice)
7.Siamo Spiacenti (L. Masciari)
8.Loving The Blues (G.Lusi)
9.Interruzioni Telefoniche (L. Mascari)

Gianluca Lusi - alto and soprano saxes
Luigi Masciari - guitar
Luca Pirozzi - double bass
Pietro Iodice - drums
special guests:

Pino Iodice - piano
Aldo Bassi - trumpet, flugelhorn



Se la ricerca di nuovi spazi sonori e di melodizzazioni originali hanno reso impervia la strada delle blue notes nell'ultimo trentennio, se le antologie musicali degli ultimi quaranta anni includono sempre – tra i brani più significativi – pentagrammi di Coltrane, Mingus, Monk, Hancock, Evans, forse il motivo andrebbe ricercato in una latente sterilità della produzione jazzistica strettamente intesa, nella fragilità di un movimento – quello hard bop – nelle cui atmosfere possenti e policrome probabilmente alcuni artisti si sono un po' smarriti, nel tentativo di pseudosperimentazioni pirotecniche, contaminazioni con folk, street music, smooth, hip hop e quantaltro.



L
e note dei maggiori esponenti del bop non hanno certamente lasciato indifferenti Gianluca Lusi e Luigi Masciari, veri jazz-addicted e veri appassionati di sicuri punti di riferimento per cui suonare e ascoltare, nel desiderio di recuperare il senso di un discorso che tante volte ci è parso interrotto.

"Gotha 17" può essere accolto come intelligente rivisitazione di quel jazz, ispirato ad una dinamicità, ad un'assoluta vitalità creativa distinta da un modus originale quanto sintatticamente ricco e gradevole, eclettico nell'esplorazione delle armonie, levigate in maniera sensibile e tecnicamente elegante. Peraltro, il contributo offerto dalla ritmica di Luca Pirozzi e Pietro Iodice, dal pianismo elegante di Pino Iodice e dal buon gusto del trombettista Aldo Bassi appare di sicuro degno di attenzione, intenso e necessario per la realizzazione di un progetto di tale intenzione stilistica.

L'ampia spazialità della loro ricerca conferma e amplifica la disarmante nitidezza di un album davvero attento, "ben suonato", talora rabbioso, veemente, comunque sempre cromaticamente ben delineato nell'intensità espressiva nei passaggi più intimi.

Tanto indurrebbe – a parere di chi scrive – a considerare la prova come una delle più riuscite nel panorama jazzistico italiano del 2008.

In un periodo in cui il jazz sembra aver preso strade d'incontro con altri generi musicali (rock elettrico, punk, new age, funky, tango, elettronica, pop, sottogeneri caraibici, e via dicendo) proponete la rilettura d'un linguaggio che, a mio avviso, è uno dei più definiti e "viscerali", l'hard bop. Prosecuzione d'uno stile nella convinzione che questo ancora possa dare molto?

Effettivamente l'hard bop costituisce il filo conduttore del nostro primo lavoro. Credo che il confronto con la tradizione sia un passaggio quasi inevitabile per approcciare in maniera personale e consapevole linguaggi diversi e contaminati. Non è un caso che all'inizio del nostro percorso abbiamo deciso di trasfondere in un lavoro discografico la consapevolezza musicale che abbiamo finora maturato. Si tratta di un punto di partenza, dell'inizio di un viaggio di ricerca ed esplorazione, che necessariamente parte dalla rielaborazione e dalla personale rilettura del linguaggio della tradizione. Se e quali siano le potenzialità ancora inespresse dell'hard bop non sta a noi dirlo: finché ci saranno musicisti che troveranno interessante e stimolante relazionarsi a questo linguaggio e persone capaci di emozionarsi all'ascolto, l'hard bop avrà ancora qualcosa da dare.

Quali musicisti considerate punti di riferimento del vostro sound?

Anche se ascoltiamo veramente di tutto, dalla classica al rock, il modello di riferimento più immediato per questo lavoro-anche se certamente inarrivabile- è stato il jazz anni ‘60- dalle atmosfere raffinate di Shorter a quelle più "brucianti" del quintetto di Cannonball Adderley, senza mai dimenticare gli insegnamenti di Parker e dei boppers; più in generale si può dire che il nostro sound nasce dall'incontro delle diverse esperienze musicali di ognuno dei musicisti che ha collaborato con la propria creatività a questo progetto.

Com'è nato il vostro progetto?

(Risponde Gianluca Lusi) Per caso. Ho conosciuto Luigi Masciari frequentando il laboratorio d'improvvisazione diretto da Maurizio Giammarco; nonostante il suo carattere un po' "introverso" l'intesa è stata immediata......Anni dopo decidemmo che era ora di mettere nero su bianco il percorso fatto fino ad allora realizzando per l'appunto "Gotha 17".

Perché "Gotha 17"?

(Risponde Luigi Masciari) Spesso dietro titoli che incuriosiscono perché di non immediata comprensione, non si nasconde nulla di particolarmente significativo: si tratta di idee venute fuori per scherzo o per caso. Così è stato non solo per il titolo del CD, ma anche per alcuni titoli dei brani che lo compongono. Spesso- e così è stato anche per "Gotha 17"- più che dal significato sono attratto dal suono delle parole che si combinano. 17 poi è il mio(nostro) numero fortunato.

Le improvvisazioni sono frutto di estri estemporanei o sono state concordate?

Tutto il disco è stato realizzato in poche ore di concordato: c'è stato ben poco, perchè secondo noi l'improvvisazione è una componente fondamentale del processo creativo nel jazz e dunque la creatività deve essere lasciata libera di fluire nell'ambito delle strutture. Naturalmente ciò è possibile quando si ha alle spalle una sezione ritmica solida e affiatata, per questo è stato fondamentale per noi l'apporto di due musicisti del calibro di Luca Pirozzi e Pietro Iodice che hanno messo a nostra disposizione talento, musicalità ed epserienza con entusiasmo e sincera partecipazione.

Parliamo degli arrangiamenti e della natura compositiva dei nove brani?

La nostra intenzione era quella di ricreare un clima mainstream, ma allo stesso tempo non troppo sovrastrutturato; quindi non abbiamo realizzato veri e propri arrangiamenti, cercando piuttosto di puntare sul feeling, sulla immediatezza e su un po' di sano interplay. Per quanto concerne la natura compositiva dei brani, il disco spazia da pezzi all'apparenza più tradizionali ad altri in cui è più evidente la ricerca di una sonorità più vicina alle recenti evoluzioni dell'hard bop.

Per quale motivo al quartetto s'è aggiunta la presenza di Pino Iodice e Aldo Bassi, musicisti preparati e di notevole creatività?

Le necessità sonore legate alla realizzazione del disco ci hanno consentito di collaborare con musicisti che stimiamo e che sicuramente hanno contribuito col loro fondamentale apporto alla valorizzazione dei brani. La rilettura ed interpretazione dei brani da parte di questi due musicisti di riconosciuto talento ci ha regalato una prospettiva diversa, che a nostro parere ha reso il disco più completo ed interessante.

Quali ricordi sono ancora vivi della registrazione dell'album?

(Risponde Gianluca Lusi) Dato che non avevamo mai suonato in ensemble i brani che dovevamo registrare c'era molta curiosità rispetto a quello che sarebbe stato il risultato;ricordo un'atmosfera divertente e rilassata, fondamentale per far scorrere la musica;la stessa atmosfera che poi abbiamo ritrovato nelle esibizioni live che hanno fatto seguito all'uscita del disco.

Come immaginate il futuro delle blue notes?

(Risponde Luigi Masciari) Mi tornano in mente le parole di Paolo Conte: "Scusa paga tu non si guadagna con le note blue......."

Progetti in vista?

Stiamo proseguendo il percorso intrapreso con "Gotha 17"; è in lavorazione un nuovo disco nel quale intendiamo continuare il dialogo con artisti che siano in grado di arricchire la nostra continua ricerca sonora.

Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/08/2018

Scilla Jazz Festival: "Una formula semplice ma vincente, quella prescelta dal giovanissimo festival calabrese: un luogo suggestivo ove tenere i concerti, l'attenzione per il jazz di qualità e l'entusiasmo contagioso del direttore artistico." (Vincenzo Fugaldi)

18/07/2017

Verdi's Mood (Cinzia Tedesco)- Gianni Montano

05/11/2016

Psychedelic Light (Antonio Tosques & Pietro Iodice Lithium J Quartet)- Gianni Montano

26/01/2015

Sonata per luna crescente (Giuliana Soscia & Pino Jodice Duet)- Nina Molica Franco

12/10/2014

Thematico Quartet : "Un tema per ogni brano e il Thematico Quartet tesse le fila di una costante linea melodica che nonostante i diversi stili che caratterizzano i brani, si mantiene come tratto comune e peculiare." (Nina Molica Franco)

02/02/2014

Intervista a Luca Pirozzi: "L'importante è avere voglia di esplorare, di giocare con la musica, e cercare di non mettere dei paletti che escludono visioni più ampie e rischiano di auto-ghettizzarsi in ambiti particolari di genere." (Alceste Ayroldi)

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

19/05/2012

Precipitevolissimevolmente (Stefano Scarfone)- Gianmichele Taormina

20/03/2011

Paris Jazz (Chantons! (Awa Ly, A. Valiante, V. Serangeli)) - Alceste Ayroldi

24/12/2010

Do It (Gianni Di Crescenzo) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

24/12/2010

#2 (Alessandro Gwis) - Alceste Ayroldi

18/11/2010

Like a Bob Dylan (Cinzia Tedesco) - Fabrizio Ciccarelli

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

28/07/2010

Megalitico (Gavino Murgia 5tet) - Alceste Ayroldi

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

21/11/2009

Testasghemba (Germano Mazzocchetti Ensemble) - Cinzia Guidetti

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2009

Fires 'n Pyres (Federica Zammarchi) - Luca Labrini

05/09/2009

Que la Fete Commence (Gianni Savelli Media Res)- Gianni B. Montano

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

13/08/2008

High Tension (PJ5et Special Project )

24/12/2007

Bindi in Jazz (Cristiana Polegri)

28/01/2007

Argentina: escenas en big band (Javier Girotto, PMJO Parco della Musica Jazz Orchestra)

07/12/2006

Il Festival "Itinerari Sonori", alla sua prima edizione è stata quest'anno una delle manifestazioni musicali di maggior rilievo per L'Abruzzo. (Carlo Laurenzi)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

13/09/2006

Edmar Castaneda Trio incanta Alberobello nell'ambito della IV Edizione del Sovrano Festival. In uno scenario da favola, il piccolo grande Edmar travolge i presenti con un vero e proprio uragano musicale alimentato dagli infaticabili e creativi Marshal Gilkes e Dave Silliman. (Marco Losavio)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

29/06/2006

Pietro Condorelli Quintet e il trio formato da Roberto Gatto, Daniele Scannapieco e Julian Oliver Mazzariello allo Ueffilo Jazz Club: "Due grandi eventi in meno di una settimana: in totale, 8 tra i migliori musicisti attualmente presenti nel circuito nazionale..." (Alberto Francavilla)

04/06/2006

Three-Dimensional (Gianluca Lucantonio Quartet)

06/01/2006

Viaggio (Gianluca Lusi Trio)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

14/12/2005

Easy (Pietro Condorelli)

18/12/2004

Intervista a Cinzia Tedesco: "...Faccio jazz a tempo pieno da una decina d'anni, ma i primi tempi sono stati anni di studio, di confronto e di crescita con molti musicisti..." (M. Lombardi)

17/12/2004

Intervista a Pietro Iodice: "...Il mio obiettivo, il mio sogno, è quello che la gente ascoltandoti possa dire: "lo riconosco". Credo sia la meta per tutti i musicisti..." (Franco Giustino)

15/04/2004

Suspended (Pino Iodice Project)

28/12/2002

New Steps (Pino Iodice Project)





Video:
Gavino Murgia Sardicity - Su gabilli ? - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Su gabilli ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruffcamera...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3398
Gavino Murgia Sardicity - Non ho tempo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Non ho tempo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3312
Gavino Murgia Sardicity - Chi ha fatto miao - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Chi ha fatto miao ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruf...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3315
Gavino Murgia - Il Dio del Buon Frate - Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Il Dio del Buon Frate - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gr...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3538
Gavino Murgia Momak Dj Gruff Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity Gavino Murgia Momak Dj Gruff Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3338
Gavino Murgia Sardicity - Senza Titolo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Senza Titolo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3321
Gavino Murgia Trio -Intrighinu- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 3018
Gavino Murgia Trio -Pane Caiente- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2928
Gavino Murgia Trio -Mamuth Stones- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 3007
Gavino Murgia Trio -Adarre- European Jazz Expò 2007
GAVINO MURGIA TRIO Gavino Murgia . sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers Marcello Peghin . chitarra Pietro Iodice . batteria...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2918
Gavino Murgia Trio -Part A- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2796
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 2758


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.768 volte
Data pubblicazione: 14/02/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti