Jazzitalia - Michael Blake: Hellbent
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Michael Blake
Hellbent



Autoproduzione
Recorded live in Vancouver, Canada, on february 25 2007
Mastered by Chris Gestrin at Public Alley 421

1. Mr. John (M.Blake)
2. Hellbent (M. Blake)
3. Like father, Like Son (M.Blake)
4. The Two Steps (Kresten Osgood)
5. Flipper (M. Blake)
6. WigWise (D. Ellington)
7. I Want You Back (The Corporations)

Michael Blake - sax tenore
Steven Bernstein - tromba e slide trumpet
Marcus Rojas - tuba
G. Calvin Weston - batteria


Inizia tutto con un respiro. Quasi l'alitare di un divinità che dispensa vita attraverso il suo soffio. Poi l'ancia del sassofono inizia a vibrare e il suono etereo del tenore del leader ci introduce in questo nuovo disco in cui sono proprio gli strumenti a fiato a determinarne la direzione musicale.

Sin dalla sua militanza tra le fila di una delle ultime incarnazioni dell' innovativo gruppo dei Lounge Lizards, all'inizio degli anni Novanta, il tenorsassofonista Michael Blake ci ha abituati a scelte stilistiche coraggiose e lungimiranti. A confermare questa propensione musicale del musicista canadese giunge ora questa incisione live, registrata a Vancouver nel febbraio del 2007, che lo vede affiancato da tre partner musicali provvisti di affine attitudine musicale ed intrepido spirito di ricerca: Steven Bernstein è uno dei rarissimi specialisti della slide trumpet, una tromba in cui l'altezza delle note non è determinata da pistoni ma da una piccola coulisse. Ciò conferisce allo strumento possibilità timbriche inusitate come i glissati e i suoni vocalizzati, peculiarità simili a quelle di un trombone. Marcus Rojas, semplicemente il più richiesto suonatore di tuba in circolazione, è un musicista che si muove tra numerose ed eterogenee formazioni, ai quali ha prestato il suono grasso e burbero del suo strumento. Questo trio di fiati è completato dalla presenza del batterista Calvin Weston, altro gitano musicale che con Blake e Bernstein aveva già condiviso incisioni e concerti nei ranghi dei Lounge Lizards.

La presenza di tre fiati e le loro relative combinazioni contribuiscono a conferire a molti brani il colore e l'andatura di una caracollante brass band. Le linee melodiche di Blake e Bernstein, che si affiancano e sovrappongono in un continuo dialogo tra le parti, sostenute dalla voce grossa di Rojas, si incontrano in composizioni dall'andamento gospel Mr.John, dalla progressiva stratificazione volumica, Hellbent o dalla swingante natura come l'ellingtoniana WigWise. Like Father, Like Son è invece, un passionale e sofferto tributo al padre di Blake, a cui questo disco è rispettosamente dedicato.

Annunciato da un solo di Weston, completa il quadro I Want You Back, vecchio brano funky dei Corporations reso celebre dai Jacksons 5, dalla spiccata personalità ritmica.

Un modo per dare idea dell'ampio bacino di stimoli a cui questa formazione dal forte temperamento collettivo attinge per creare vivide esecuzioni in cui sono la personale espressione artistica dei musicisti e la ricerca timbrica degli strumenti ad indicare la via.

Nico Conversano per Jazzitalia







Articoli correlati:
09/02/2015

Brass Bang! (Fresu - Petrella - Rojas - Bernstein)- Alceste Ayroldi

19/10/2014

Union Square (Ben Allison, Michael Blake, Rudy Royston)- Valeria Loprieno

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

22/08/2010

Gezmataz 2010: Al "concerto sovente imbarazzante e per omaggiare un pezzo vivente di storia del jazz" dell'Ornette Coleman Quartet in cui "problemi di emissione e di articolazione del fraseggio rendono diversi assoli degli abbozzi incompiuti", si contrappongono "abilità tecnica, personalità spiccata, doti compositive non comuni, musicalità assoluta, rispetto e stima reciproca, voglia di divertirsi e divertire..." della Brass Bang! di Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Steven Bernstein e Marcus Rojas. (Andrea Gaggero)

24/04/2010

Open (Tommaso Cappellato)- Gianni B. Montano







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.608 volte
Data pubblicazione: 18/08/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti