Jazzitalia - Lionel Belmondo: Hymn Au Soleil - Clair Obscure
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Lionel Belmondo
Hymn Au Soleil - Clair Obscure



BFlat Recordings 2011


1. Cygne Sur L'Eau
2. Story Line
3. 3 + 2 + 3
4. Love Letter
5. Prière Pour Le Salut De Mon Ame
6. Nocturne
7. Epitaphe
8. Darth Fickius
9. Elévation
10. In Diesen Wintertagen
11. L'Ile Aux Cygnes

Lionel Belmondo - sax tenore e soprano, flauto alto
Stéphane Belmondo - tromba
Philippe Gauthier - flauto, fluto alto
Bernard Burgun - corno inglese
Cécile Hardouin - fagotto
Jérõme Voisin - clarinetto, clarinetto basso
François Christin - corno
Bastien Stil - tuba
Sylvain Romano - contrabbasso
Laurent Fickelson - piano, Fender Rhodes
Dré Pallemaerts - batteria e percussioni


Musica classica e jazz si mescolano in questo nuovo lavoro del sassofonista francese Lionel Belmondo. Il leader, coadiuvato da Sylvain Romano al contrabbasso, Laurent Fickelson al pianoforte, Dré Pallemaerts alla batteria, è affiancato anche da un organico per orchestra classica che vede Stéphane Belmondo alla tromba, Philippe Gauthier al flauto, Bernard Burgun al corno inglese, Cécile Hardouin al fagotto, Jérõme Voisin al clarinetto, François Christin al corno e Bastien Stil alla tuba.

Belmondo pesca a piene mani dalla musica classica dei primi del novecento (Arnold Schönberg, Gabriel Fauré), ma anche dai jazzisti (Bill Evans, Michel Petrucciani) mescolando i due generi. I brani sono interamente arrangianti da Belmondo; quelli classici mantengono la loro impronta, mentre quelli jazz come "Story Line" di Bill Evans vengono contaminati perdendo quasi del tutto lo stile che li caratterizza. La formazione dà così vita a questo album d'impronta più classica che jazz. Un lavoro dal quale non emerge nessun solista (tranne Lionel Belmondo), ma nel quale si sente suonare un'ottima orchestra di musica classica.

Più vicini al jazz sono le due composizioni di Belmondo "3+2+3" e "Darth fickius" dove è il tempo (e il leader) a fare da padrone. L'impressione è che nei brani classici Belmondo soffra a staccarsi dalla matrice o non lo faccia per un timore referenziale. Il lavoro finale risulta troppo omogeneo e spersonalizzato; peccato perché con un organico del genere poteva dare vita a un ottimo prodotto finale di diversa foggia.

Cinzia Guidetti per Jazzitalia









Articoli correlati:
25/11/2013

Song Song Song (Baptiste Trotignon)- Alceste Ayroldi

07/10/2012

Roy Hargrove & "The RH Factor": Un Roy Hargrove apparso svogliato finanche fisicamente debilitato, grazie alla sua band, offre una performance nel complesso accettabile. (Achille Brunazzi)

18/09/2010

Canzoni (Andrea Dulbecco)- Morena Ragone

14/03/2010

Origine (Aldo Romano) - Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.812 volte
Data pubblicazione: 08/05/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti