Jazzitalia - Ibrahim Electric Meets Ray Anderson: Again
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Stunt Records 2007
Ibrahim Electric Meets Ray Anderson
Again


1. Funkorific
2. Splash
3. Red Room
4. Lobi
5. Skip It
6. En Kold Fra Kassen
7. Blue Balls
8. Absinthe

Ray Anderson - trombone
Niclas Knudsen - chitarra
Jeppe Tuxen - Hammond b3 organ
Stefan Pasborg - batteria





U
n secondo incontro scoppiettante quello tra gli Ibrahim Electric ed il trombonista chicagoano Ray Anderson. Già il primo rendez-vous soffiava una musica torridamente intonata. Altrettanto robusta è la musica che si ascolta in Again; venata da sonorità tanto inattese, quanto gradite ben governate dai tamburi e dai cimbali di Pasborg e dalle felici tessiture dell'hammond di Tuxen.
Un affastellarsi di suoni a volte rabbiosi e ben tracciati dalle graffianti incursioni di Anderson (Funkorific), oppure ironicamente suadenti, agrodolcemente insaporite dai long drink sonori degni di un night club degli anni '60 (Red Room). Si attraversano differenti stadi e dimensioni: sfilacciate dalle mani della chitarra di Knudsen, morbidamente rock, e tornite dai tempi incalzanti di Pasborg che sostiene il flusso espressivo di Ray Anderson (Lobi, con le sue sapienti pause, e Skip it, funk - sardonica). Psichedelicamente orientate dall'ottimo Jeppe Tuxen con l'incalzante hammond (Blue Balls).
Groove ed interplay abbondano copiosamente e non danno tregua a chi ascolta. Musica suonata come si deve, opportunamente percussiva, priva di sbavature. La scuola danese afferma sempre di più il suo ordine, seppur prendendo le distanze dalle blue notes - forse apparendo irridente ed irriverente - ma con tanta nuova linfa vitale.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia








Articoli correlati:
30/12/2012

Jazz&Wine of Peace Festival 2012: Ray Anderson-Marty Ehrlich Quartet e Manu Katche': una verve, una grinta, un groove, come ben poche volte capita di assistere per il primo, un repertorio non vario, senza picchi per il secondo. (Giovanni Greto)

12/06/2010

Young Jazz Festival 10 con al direzione artistica di Gianluca Petrella: "La rassegna fulginate si distingue tra le iniziative italiane per il proposito di coinvolgere esperienze artistiche giovani con un'attenzione a proposte poco o per niente inflazionate, ma senza isolarle dall'esperienza dei maestri. Un punto di forza del jazz è la capacità di innovarsi grazie all'affermarsi di nuovi talenti, che nei casi più felici contribuiscono a perpetuarne la tradizione e ne determinano anche l'evoluzione e l'apertura." (Vincenzo Fugaldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.715 volte
Data pubblicazione: 22/02/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti