Jazzitalia - Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman: If Not - Omaggio A Mario Schiano
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman
If Not - Omaggio A Mario Schiano



Terre sommerse (2012)

1. indicazioni contro
2. If Not Ecstatic We Refound
3. Lover Man
4. Dicintencello vuje
5. A Sud
6. Caatinga
7. G
8. DQ
9. Dadà
10. Accarezzame
11. Corale
12. If Not Ecstatic We Refound
13. Song

Il doppio trio di Angelo Olivieri e Alipio C Neto
Angelo Olivieri - Tromba, pocket trumpet
Alipio C Neto - sassofono tenore, soprano curvo
Silvia Bolognesi - contrabbasso
Roberto Raciti - contrabbasso
Marco Ariano - Batteria, percussioni, effetti
Ermanno Baron - Batteria

Maria Pia De Vito - voce
Eugenio Colombo - sassofono soprano, flauto
Pasquale Innarella - sassofono contralto
Ivano Nardi - Batteria, oggetti
Giancarlo Schiaffini - Trombone


"Se Mario Schiano avesse studiato con regolarità e metodo il suo strumento avremmo avuto una copia dei tanti musicisti ben preparati, inappuntabili, che girano nel circuito jazzistico, ma non avremmo mai avuto uno come Mario Schiano..." Così si esprimeva Bruno Tommaso a pochi giorni dalla scomparsa del suo amico e compagno di tante avventure musicali. L'importanza del sassofonista napoletano nel panorama nazionale trascende, come è ovvio, gli aspetti meramente tecnici. La sua influenza su tutta la scena nostrana consiste nel movimento, nell'agitazione che ha provocato nel jazz italiano, causando vere e proprie scosse telluriche in un ambiente che viveva di stabilità e di consolidate certezze. A quattro anni dalla morte, un gruppo di coraggiosi e competenti musicisti, riuniti sotto il titolo di "Progetto Guzman", volendo così ricordare il luogo di un concerto mitico svoltosi a Orbetello nel 1969, confezionano un disco di rara intensità e bellezza dedicato all'artista partenopeo. Il cd è stato inciso dal vivo presso l'auditorium della scuola di musica di Testaccio e si configura, nelle intenzioni, come un esplicito omaggio.
Innanzitutto sono stati analizzati e catalogati gli elementi tipici dell'estetica di Schiano: canzoni napoletane della tradizione più classica, riprese magari per ironizzarci sopra o per "tradire il modello" con deferente affetto; motivi legati al mondo del night club, dove il sassofonista aveva lavorato prima del suo trasferimento a Roma e a cui era rimasto, comunque, legato; la rilettura sgangherata degli standards, più vilipesi che onorati, o forse rispettati perchè "rovinati", "minati alle basi"; l'improvvisazione pura, senza vincoli di sorta; le melodie di Schiano di carattere popolare o popolaresco.



Su queste strutture, più o meno definite, si sviluppa una serie di tracce in rapporto con il mondo espressivo di Mario Schiano direttamente, con l'esecuzione di temi a lui particolarmente cari o indirettamente con originals ispirati alle sue preferenze musicali.

Il merito di questa operazione va in larga parte a Paolo Carradori che ha spinto e promosso questa "non" celebrazione, perché non si può celebrare un personaggio di questa tipologia e, ovviamente, ai musicisti coinvolti nell'impresa.

Il nucleo portante dell'incisione è formato da due trii quasi speculari: basso e batteria da una parte, la tromba e il sassofono dall'altra. I due gruppi più che fronteggiarsi si amalgamano in una "fusione a caldo" foriera di un sound ben organizzato, pieno di forza e di energia, attraverso una liaison sotterranea o patente con il blues, un allacciamento avvertibile con i suoni del meridione e, ca va sans dire, un "bagno" inevitabile nel crogiuolo della "New Thing" afroamericana.
Si distingue, come solista, la voce abrasiva e lirica dell'ottone di Angelo Olivieri. Gli risponde dall'altro lato il suono ispido e afrobrasiliano, onnicomprensivo stilisticamente, mutevole al diversificarsi delle situazioni, del sassofonista, di adozione portoghese, Alipio C Neto.
La Bolognesi e Raciti, da parte loro, dialogano con una profondità e una leggerezza di tocco da manuale del contrabbasso contemporaneo.
Marco Ariano ed Ermanno Baron sono in un continuo assolo e in permanente tensione. Non possono permettersi pause o divagazioni e si dimostrano sempre presenti sul pezzo.
Ai due trii si affiancano musicisti come Eugenio Colombo e Giancarlo Schiaffini, che hanno condiviso, fra l'altro, con Schiano la militanza nell'Italian Instabile Orchestra e sono particolarmente in vena, come sempre gli succede. Inoltre è ospite speciale Pasquale Innarella, uno degli allievi prediletti, protagonista di diverse edizioni delle "Controindicazioni", la rassegna dedicata ai creativi che non trovavano spazi in altri festival istituzionali, prodotta dall'attività instancabile di promotore artistico del musicista campano. Ci sono pure la cantante Maria Pia De Vito in una stralunata e quasi sofferta "Dicitencello vuie" e il batterista e non solo Ivano Nardi, impegnato ad aggiungere "rumori", per mezzo della percussione di oggetti impropri, a tutto l'insieme.

Curiosamente, ma non tanto, alcuni brani vengono denominati come " Composizioni estemporanee". Si percepisce, qui, una scelta ben precisa, già enunciata da Eugenio Colombo in una recente intervista a radio 3: "Non mi piace il termine improvvisazione assegnato a determinata musica. Il nome stesso fa pensare a un qualcosa di non pianificato, di scarsamente progettuale, di "buttato là come viene" senza la necessaria cura e consapevolezza da parte dei musicisti".

Sono, in sostanza, settantun minuti di grande jazz, perchè di questo si tratta, dove succede di tutto nel nome di Schiano, ma si va anche oltre la sua eredità, si supera l'insegnamento del maestro(che sicuramente rifiutava questo ruolo) per comporre una musica tanto libera nella costruzione, nello sviluppo, quanto rigorosa nel ribadire l'assunto "If not ecstatic we refund". E qui materiale per andare in estasi ce n'è in abbondanza; non c'è rischio di rifondere alcunché a chicchessia...

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/08/2018

Moresche e altre invenzioni (Maria Pia De Vito & Burnogualà Large Vocal Ensemble)- Alceste Ayroldi

05/02/2018

Migrantes (Pasquale Innarella Quartet)- Alceste Ayroldi

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

18/09/2016

Oltremente Festival. Itinerari di Jazz Contemporaneo: "La terza edizione del festival si è svolta in tre serate al Molo di Levante, affiancata da un laboratorio musicale sull'improvvisazione e la musica d'insieme condotto da Giancarlo Schiaffini." (Vincenzo Fugaldi)

24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

26/01/2015

Dialogo (Silvia Bolognesi - Angelo Olivieri)- Nicola Barin

05/01/2015

A World Apart (Stefano Maltese Open Sound Ensemble)- Francesco Favano

28/09/2014

Almost Jazz (Jocopo Pierazzuoli & The Kings Of Fire)- Nina Molica Franco

02/06/2014

Suoni dal carcere (Maria Pia De Vito, Silvia Bolognesi)- Alceste Ayroldi

19/05/2014

Il Mandorlo (Silvia Bolognesi Almond Tree)- Monica Mazzitelli

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

29/12/2013

Shibui (Enrico Fazio Critical Mass)- Gianni Montano

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

13/06/2013

Forward (Gabriele Buonasorte)- Gianmichele Taormina

10/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gabriele Buonasorte: "...il jazz oggi è una straordinaria miscellanea di linguaggi differenti da plasmare liberamente attraverso la propria ispirazione del momento." (Alceste Ayroldi)

14/04/2013

Uomini Di Terra (Pasquale Innarella 4et)- Alceste Ayroldi

17/03/2013

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati: "Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze." (Alceste Ayroldi)

02/02/2013

E non chiamatelo Jazz (Giancarlo Schiaffini)- Gianni Montano

20/01/2013

Live In Ventotene (Salis, Schiaffini, Kasirissafar)- Gianni Montano

31/12/2012

Intervista con Elisabetta Antonini: "Essere artista significa anche fare un certo tipo di vita, cercare un equilibrio, avere uno sguardo curioso verso il mondo..." (Vincenzo Fugaldi)

23/12/2012

Saragolla (Test Quintet)- Gianni Montano

08/12/2012

Gabriele Buonasorte Quartet: Al Teatro della Dodicesima, per la rassegna Friday Sounds Good, Gabriele Buonasorte Quartet ha presentato in anteprima il nuovo progetto discografico. (Alberto Bitonti)

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

30/09/2012

Silentium (Francesco Negro Trio)- Enzo Fugaldi

16/08/2012

Hear In Now (Mazz Swift, Tomeka Reid, Silvia Bolognesi)- Gianni Montano

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

10/03/2012

Sweet Dream Baby (Baap!)- Rossella del Grande

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

22/02/2012

Air (Francesco Lo Cascio, Alipio C Neto, Federico Ughi) - Cinzia Guidetti

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano

20/11/2011

.audrey (Riggio Ensemble with Tom Harrell)- Alessandro Carabelli

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

06/11/2011

Holidays In Siena (Sabei Mateen - Silvia Bolognesi)- Enzo Fugaldi

18/09/2011

Intervista con Filomena Campus: "L'amore per il jazz c'e' sempre stato, ma la spinta fu l'incontro con Paolo Fresu e Maria Pia De Vito ai seminari jazz di Nuoro. Capii immediatamente che il jazz era la mia strada, e la mia vita cambiò radicalmente." (Alceste Ayroldi)

11/09/2011

Wind & Slap (Giancarlo Schiaffini Sebi Tramontana)- Gianni Montano

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

24/12/2010

Ethos (Quartetto Alborada) - Alceste Ayroldi

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

17/10/2010

Sud America (Colombo-Bozzolan Duo)- Gianni B. Montano

31/07/2010

Directly From Heart (Massimo Pirone) - Marco Buttafuoco

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

13/05/2010

Supuesto Blue (Marcello Benetti)- Rossella Del Grande

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

01/02/2010

The Spiritual Man (Open Orchestra Featuring John Tchicai) - Giuseppe Mavilla

08/11/2009

Effetto Ludico (Alessandro Sacha Caiani) - Alceste Ayroldi

11/10/2009

Blog (Antonello Sorrentino s.t. Quintet) - Giuseppe Mavilla

13/09/2009

Lunaria (Luca Aquino) - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

28/06/2009

Guitto Gargle (Guitto Gargle) - Enzo Fugaldi

28/06/2009

Echoes (Angelo Olivieri) - Gianni B. Montano

28/06/2009

Magique (Hot Tune) - Roberto Biasco

06/06/2009

Caos Musique (Olivieri/Courtois/Ariano/Pulli)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

27/12/2008

VARIi (Silvia Bolognesi Living Quartet)

03/11/2008

Slide Family (Mauro Ottolini - Beppe Calamosca)

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

07/09/2008

Nadir - Oidè (Angelo Olivieri)

18/05/2008

L'uomo del 300 Gilera (Pasquale Innarella Jazz Quartet Feat. Beppe Caruso)

18/05/2008

The Piano Room (Francesco Gazzarra)

16/03/2008

Uncrying Sky (Stefano Pastor)

23/02/2008

A24 (A24)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

14/11/2006

Zumertsayt – Summertime (Lee Colbert)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

12/06/2005

Workshop di Maria Pia De Vito al CEMM di Bussero: "...Una giornata senza dubbio fruttuosa per tutti i presenti, che hanno avuto modo di attingere all'esperienza e al know-how di una docente di alto livello, grande preparazione e serietà, e chiara eloquenza nelle spiegazioni..." (Eva Simontacchi)

11/12/2004

Intervista a Maria Pia De Vito: "...Io penso che per cantare oggi qualcosa che è stato scritto e cantato in maniera magistrale sessant'anni fa, ci voglia una grossa maturità..." (Cinzia Eramo)

12/08/2003

Tumulti (Maria Pia De Vito)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

31/08/2002

Nel Respiro (Maria Pia De Vito)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.539 volte
Data pubblicazione: 15/10/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti