Jazzitalia - Daniel J. Levitin: Il mondo in sei canzoni
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)


Daniel J. Levitin

Il mondo in sei canzoni
Codice edizioni, 2009

Un libro dove non si parla di jazz, di rock o di classica in particolare. Il lavoro di Daniel Levitin ha la pretesa (riuscita) di indagare tutta la musica prodotta dall'uomo. Mentre nel precedente lavoro, Fatti di musica (Codice edizioni, 2008), Levitin trattava i meccanismi che portano una canzone a installarsi come un programma –o un virus- nella nostra testa, qui il discorso si fa ancora più ambizioso e va a sviscerare quelli che -fin dall'alba dell'umanità- costituiscono gli archetipi del comportamento umano in relazione all'attività musicale. Per far questo introduce una innovativa "teoria delle sei canzoni". Amicizia, gioia, conforto, conoscenza, religione, amore: sei tipologie di brani che hanno plasmato nel corso dei millenni la natura dell'uomo.

Daniel Levitin, psicologo cognitivo e un neuroscienziato che oggi insegna presso la McGill University di Montreal, possiede un solido background alternativo come chitarrista rock, compositore e arrangiatore. Per questo libro si è confrontato con gli studi di settore e, insieme, fedele ai propri trascorsi, con calibri del pop come Sting, Joni Mitchell, David Byrne e Paul Simon.
Levitin pesca gli esempi per dimostrare le sue teorie, a volte complesse, tra i brani pop/rock più celebri dagli anni Sessanta ad oggi; gli stessi che hanno condito (e condizionato) la sua esistenza, come la nostra, stabilendo con il lettore una forte base comune di esperienze.

Nel suo lavoro fa cortocircuitare analisi cerebrali, storia recente, indagini antropologiche, note sociologiche e altri saperi multidisciplinari per dimostrare che siamo individui cantanti ancor prima che parlanti. Discorsi che raggiungono l'essenza intima dell'uomo, i suoi processi mentali profondi, la chimica del corpo; che affondano nel DNA dell'individuo, nella sua evoluzione, tirando in ballo i tempi lunghissimi della storia millenaria. Gli esperimenti, condotti ascoltando un pezzo musicale gradito all'orecchio, dimostrano in quale modo si attivino le stesse aree neuronali e si scatenino i medesimi processi chimici generati dalle esperienze di piacere intenso, come si provano per un cibo appetitoso o per il sesso. Al centro ci sono la dopamina, l'ossitocina. Questione di sostanze, più che di "sentimenti". Oppure ancora di un tutto più consistente della somma delle parti. E l'autore conclude dimostrando l'importanza sociale della musica per la comunità umana, su basi profondamente diverse rispetto a quelle abituali negli studi di storia della musica o di sociologia.

Ritengo che siano stati proprio il canto e il movimento sincrono e coordinato a creare i più forti legami tra i primi umani, o proto-umani, e che grazie a ciò i nostri antenati siano poi giunti alla formazione di comunità più numerose, fino alle società come le conosciamo oggi.

Molti sono i passaggi in cui l'indagine di Levitin tocca aspetti vitali della musica nera come la pratica nella canzone religiosa del canto asincrono responsoriale, che copre generi che vanno dal gospel al jazz, a tutta la black music (call and response), per arrivare al pop contemporaneo. Oppure in quest'altro esercizio di uso comune: i musicisti jazz citano la musica altrui continuamente, un trucco che hanno preso in prestito dai grandi compositori, inclusi Haydn e Mozart, che incorporano parti di altre composizioni nelle proprie.

Lettura da meditazione.

Franco Bergoglio per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.478 volte
Data pubblicazione: 06/01/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti