Jazzitalia - Il Qui e l'ora : Merlino, Prando, Chiaberta
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Un'orchestra per Pino Daniele special guest: Tony Esposito e Tullio De Piscopo a Bari per un concerto dedicato al grande musicista e in favore dell'Alzheimer.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Il Qui e l'ora
Merlino, Prando, Chiaberta



Autoproduzione - 2010


1. Una quaglia qualunque*
2. Minor mood
3. Searchin' happiness*
4. Il qui e l'ora
5. Troviamo il perchè*
6. Margherita e la neve*
7. Dolce sorriso
8. Swoop
9. Honey

Davide Merlino - vibrafono
Simone Prando - contrabbasso
Riccardo Chiaberta - batteria
Guido Bombardieri - sax soprano, clarinetto basso


Il trio "Mu", che si può ascrivere con un po' di approssimazione al genere "Nujazz", si contraddistingue per la sua composizione: vibrafono più basso e batteria, piuttosto inconsueta nel panorama jazzistico europeo. Malgrado la formazione, però, non è l'aspetto percussivo ad essere favorito. La musica che si ascolta in questo disco è, infatti, caratterizzata da melodie aggraziate, punteggiate da un accompagnamento sostenuto, ma non sovraesposto e traboccante. Si può dire che vengano privilegiati i temi, tutti originali, a firma dei tre musicisti, intrisi sovente da una vena delicata e nostalgica. Su questi motivi il gruppo elabora una esecuzione attinente e rispettosa, sottolineando le sfumature, i sottintesi presenti negli stessi pezzi. Si va da valzer malinconici come in "Il qui e l'ora"o nel "Dolce sorriso" a brani con un andamento funkeggiante come"Swoop", alla proposta di ritmi latini in "Minor mood". Una mescolanza di climi e stili diversi, aggregati da una comune ispirazione in una sintesi collettiva funzionale.

Si segnalano in particolare "Una quaglia qualunque", dotata di una melodia severa e di un dialogo vibrafono-clarinetto basso, immerso in un'atmosfera scarna, priva di abbellimenti, di fronzoli, quasi a ricordare il duo Eric Dolphy-Bobby Hutcherson, ma in un contesto molto meno "avant-garde". "Troviamo il perchè" ha fra i protagonisti il sax soprano. Comincia con un tempo lento con lo strumento a fiato che espone il tema e il vibrafono che ricama arpeggi in sottofondo. Poi, piano piano, il tempo si modifica. Entrano basso e batteria prima con cautela, poi con più decisione. Si arriva ad un funky-soft e il soprano coglie note più alte, per poi ritornare nell'alveo del motivo cantato all'inizio, suggerendo un'aria quasi di rimpianto. Il cd si chiude con "Honey", la più zuccherina, non poteva essere altrimenti, fra le tracce. Protagonista assoluto è il vibrafonista che confeziona una canzone orecchiabile, gradevole, con un finale di echi ed effetti ottenuti con il pedale, molto evocativi

Davide Merlino è in possesso di una tecnica sicura. Privilegia gli accordi sospesi, gli ambiti riflessivi e sognanti, per lanciarsi, al momento opportuno, in assoli felicemente strutturati ricchi di note ben staccate e distinte. Simone Prando suona il basso con una cavata potente ed espressiva, uscendo in interventi discorsivi e pieni di sentimento. Riccardo Chiaberta è il più estroverso dei tre e determina con il suo eloquio piuttosto sovrabbondante, con un accompagnamento teso e incalzante, un qualche sovraccarico nella leggerezza, nella morbidezza, se così si può dire, dei vari brani senza snaturarne la peculiarità. L'ospite, Guido Bombardieri, si dimostra subito eco-compatibile con i partners. Con i suoi due strumenti fornisce un timbro in più nelle quattro tracce in cui è presente. Lavora molto sul registro centrale dei due fiati, arrivando più in alto quando vuol far salire la temperatura della musica, ma è un innalzamento momentaneo, poi tutto torna su atmosfere più contenute o trattenute.

Giunti ad un altro capitolo della loro storia, i Mu confermano l'appartenenza ad un jazz introspettivo, lirico il giusto, non trascinante o convulso, ma fluido e conciliante, con una cura particolare per il suono e per l'impaginazione complessiva delle composizioni.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/04/2017

Ugly Beauty (Collettivo T. Monk)- Gianni Montano

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

10/08/2015

Resalio (Zeitgeber Ensemble)- Nicola Barin

19/10/2014

Chutzpah (Tiraboschi - Zambelli - Prando)- Nina Molica Franco

08/06/2013

Mauro Ottolini Sousaphonix: "Bix Factor": "Mauro Ottolini riesce a coniugare ricerca musicale, impegno artistico e capacità di divertire non solo il pubblico, ma anche e soprattutto sè stesso e la band che lo circonda." (Roberto Biasco)

20/05/2013

Percussion Trio (Davide Merlino)- Gianni Montano

22/02/2012

Passaggi Circolari (Stefano Zeni)- Eva Simontacchi

03/12/2011

Sensilenti (Mu)- Gennaro Pasquariello

23/11/2008

Assalto in Jazz (Assalto in Jazz)

18/02/2008

Dialogues (Carlo Magni – Guido Bombardieri)

18/08/2006

Mise en Abyme (Alan Zamboni)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.846 volte
Data pubblicazione: 08/05/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti