Jazzitalia - Simone Faliva : Il quinto chicco del melograno
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Un'orchestra per Pino Daniele special guest: Tony Esposito e Tullio De Piscopo a Bari per un concerto dedicato al grande musicista e in favore dell'Alzheimer.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Simone Faliva
Il quinto chicco del melograno



believe digital (2011)

1. Invocazione alla musa
2. Meduna 11
3. Emozioni qui con te
4. La porta del Paradiso
5. Beet H
6. Microwave hot vov
7. Kwadrat x
8. Un secondo in più
9. ...un minuto in più
10. B.B.track

Simone Faliva - compositore, tastiere varie, piano wurlitzer, computer, percussioni
Paolo Canova - voce
Alessandro Arcuri - contrabbasso
Andrea Massarotto - sax e flauto
Matteo Titotto - chitarre

Produzione propria 2010

E' difficile definire questo disco, tentare di avvicinarlo alle produzioni di altri musicisti, inserirlo in un genere, una corrente, perché si colloca come un'opera al di fuori degli schemi. Cominciamo osservando la cover. E' quella propria dei dvd e contiene un cd. Superata la prima leggera perplessità, si osservano all'interno, oltre alle foto del suo gruppo di collaboratori, undici illustrazioni di Marco Bassan e Sonia Lemke, ispirate ai testi del compositore padovano. I titoli dei brani, poi, sono criptici o, comunque, piuttosto oscuri a cominciare da quello che fornisce il nome al disco: "Il quinto chicco del melograno"; ma quanti chicchi ha, mediamente, il melograno?

Andiamo, però, ad analizzare le undici tracce. In "Invocazione alla musa" (reminiscenza omerica?) si ascolta la voce bene impostata di Paolo Canova declamare versi di stampo classico, mentre al di sotto un piano elettrico discorsivo ed evocativo, accompagna l'attore.
In "Meduna 11" Faliva si impegna con l'organo hammond, ma anche con le percussioni, in un pezzo che prevede cambi di tempo e di atmosfere, con un intermezzo jazz, l'intervento di un pianoforte classicheggiante e un pedale di basso che entra in scena all'improvviso sul finale.
Sfiora il funky "Emozioni qui con te". La ritmica lavora in un modo quasi canonico, tranne poi lasciare spazio ai soli archi. C'è posto, ancora, per la partecipazione al rito di un flauto dolce e per una rincorsa finale piena di swing.
Si scatena un temporale elettronico ne "La porta del paradiso", ottenuto con i marchingegni del leader. Il suono ruvido del sax tenore di Andrea Massarotto sembra provenire da lontano e rimane distante, pur crescendo di intensità. E', comunque, svincolato dai rumori ambientali, dalle percussioni fuori contesto, dai versi che ricordano come " i veri puristi…sanno suonare a spartito, ma non riescono a suonare un pezzo solo con il cuore…". Didascalici, retorici, ma, a conti fatti, condivisibili.
Una chitarra blues entra in scena in "Chicco". E' una piccola parentesi. Subito dopo l'elettronica ha il sopravvento, suggerendo l'arrivo di uccelli spaziali che stridono in un'altra dimensione. Il piano accelera il tempo. Successivamente il sax improvvisa liberamente e le parole diventano ammonitrici sotto un effetto eco.
Silenzio completo all'esordio di "Beet H". Dopo questa pausa, escono fuori segnali di diversa frequenza a- musicali o extra-musicali. La tempesta radioattiva dopo la quiete….
In "Microwave hot vov" sono ancora i suoni intergalattici a occupare l'introduzione. Fischi, gorgoglii, noise….Un violoncello con le sue note lunghe, ottenute con l'archetto, ci fa ritornare sulla terra in un altro secolo, in un secondo…"Adesso sono in trasformazione....sono l'attimo di un'espressione...". Questo annuncio forte caratterizza la parte centrale della traccia, seguito da altre affermazioni sempre in rima, mentre la musica ondeggia fra accenni di una cantilena solenne vagamente ayleriana ad altri momenti rumoristici in una miscela assolutamente e volutamente disomogenea.
Compare una nenia antica in arabo nell'intro di "Kwadrat x", ma lo sfondo è ancora tipicamente al di là del presente, proiettato in un futuro incerto e ansiogeno.
Si avverte un calo di tensione e di idee nel breve "Un secondo in più" e in "...un minuto ancora", dove si coglie un respiro elettronico. Faliva è stanco, ansima o sta raccogliendo le idee?
La risposta si avverte in "B.B. Track", dove per quindici minuti non accade nulla: assenza completa di qualsiasi segno sensibile. In teoria l'ascoltatore (come ha rivelato l'autore) dovrebbe pensare a tutto quanto ha ascoltato prima. In realtà tutti sono assaliti dal panico, pensando di aver scaricato una copia difettosa del disco....Dopo un'attesa spasmodica si alternano e si contrastano una chitarra blues della più bella specie (b.b. sta per B.B. King?), una chitarra latina e l'apocalisse elettronica che tutto abbraccia e (dis)omologa. Fine.

Per un cd così complesso è difficile comporre una valutazione secca e unidirezionale. Cominciamo da quello che funziona, dalle note positive. L'originalità con cui vengono messi di fronte stili tanto lontani, anche all'interno di uno stesso brano; la cura con cui sono organizzate le varie sequenze con una attenzione continua per il dettaglio, mascherata dall'intento di costruire un cocktail apparentemente casuale di mondi musicali quasi incomunicabili.
Passiamo ai limiti, a quello che non va: Simone Faliva ha confezionato un piatto ricco di sapori utilizzando molti ingredienti dell'origine più disparata. E' arduo racchiudere in un discorso unitario così tante ispirazioni diverse. L'ascoltatore non può immaginare mai, a conti fatti, cosa succederà di volta in volta "dietro l'angolo". E' una scelta coraggiosa, questa, ma rischiosa, soprattutto se la si utilizza come opzione procedurale, quale metodo di lavoro. Ed ancora: c'è un intento didascalico, oratorio un po' ingenuo nel recitativo. Il messaggio veicolato è, in certi casi, troppo diretto e poco convincente.

In conclusione "Il quinto chicco del melograno" è un disco che non si può ignorare. Ha sicuramente dei difetti, ma è realizzato con intelligenza e vuol far sentire "il suono della passione" in alternativa "al silenzio dell'alienazione".
 
Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/08/2018

Non disperdere nell'ambiente (Simone Faliva)- Gianni Montano

07/01/2014

Bertibello (Simone Faliva)- Francesco Favano

02/02/2013

Sordità Selettive (Simone Faliva)- Gianni Montano

17/11/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. II (Simone Faliva)

30/01/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. I (Simone Faliva)

01/11/2003

LEZIONI (Organo Hammond): Nuovo spazio didattico dedicato all'organo hammond. Il primo articolo racconta la storia del mito di questo strumento. (Simone Faliva)







Inserisci un commento



COMMENTI
Inserito il 23/6/2011 alle 23.45.17 da "simone.faliva"
Commento:
il disco è in vendita per.€ 9.99 sui maggiori store on line (itunes, amazon, etc...)
 

Questa pagina è stata visitata 2.742 volte
Data pubblicazione: 17/06/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti