Jazzitalia - Filippo Bianchi : Il secolo del jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Filippo Bianchi
Il secolo del jazz

Bacchilega editore, 2008
248 pagine

In primis due parole sulla Bacchilega di Bologna, che si conferma punto di riferimento per l'editoria sulla musica nera americana, con titoli ricchi di commistioni con la letteratura, come per il recente volume dedicato dall'accoppiata Minganti e Rimondi al poeta Amiri Baraka. Un taglio culturale che si conferma anche con la pubblicazione del lavoro di Filippo Bianchi.



Il Secolo del jazz
sintetizza in poche parole quello che ha significato la musica afroamericana per il Novecento. Dichiarato, fin dalle primissime pagine, l'omaggio a Eric J. Hobsbawm, autorevole storico inglese nonché appassionato, studioso e navigato conoscitore di cose jazzistiche. La definizione del Novecento come secolo breve coniata da Hobsbawm, dalla quale discende quella di Bianchi di secolo del jazz è affascinante. Per me poi riveste un personale motivo d'orgoglio l'aver già focalizzato questo binomio tempo storico/musica come centrale nell'interpretazione critica in Jazz! Appunti e note del secolo breve, uscito nel febbraio dello scorso anno.

Bianchi si muove ad alti livelli: quelli in cui si misura "lo stato dell'arte" del mondo jazz e dove spesso si passa con deliziosa nonchalance dall'argomento contingente al filosofico. In questo Bianchi è sicuramente uno tra gli autori più titolati del nostro Paese, con le credenziali date dalla sua decennale militanza giornalistica in ambito musicale e dall'esclusivo angolo visuale di direttore di Musica Jazz, più che una rivista una istituzione per appassionati e addetti al settore.

La prima parte del libro, denominata opportunamente editoriali traccia le coordinate. La prima inevitabile, riguarda il secolo ormai concluso: colonna sonora il jazz sia sui titoli di testa che su quelli di coda, scrive l'autore. Poi le pagine sgranano via via i numerosi risvolti cinematografici, letterari, le sfide poste dal futuro e i topoi della critica: l'improvvisazione, il jazz come esperanto musicale universale, la morte per mancanza di creatività periodicamente annunciata ma il cui funerale forse non è ancora stato celebrato. Il pregio dell'autore risiede nell'affrontare questi temi riuscendo costantemente a veleggiare al largo dai luoghi comuni, dalle secche del già detto.

La seconda parte del libro vede l'autore provare lo stato dell'arte e dei convincimenti esposti in precedenza con interviste effettuate a selezionatissimi protagonisti (dal decano Sonny Rollins, a Steve Lacy, per giungere agli sperimentatori europei come Evan Parker e Han Bennink).

Seguono ancora altre interviste a scrittori, attori, registi, filosofi…Il jazz visto dall'esterno, dai non addetti ai lavori, uno sguardo spesso altrettanto profondo.

Scrive nella postfazione Gino Castaldo elencando i meriti di Filippo Bianchi: parla di jazz, parla di musica, e lo fa benissimo, ma questa è solo una frizzante e rigogliosa maschera. E ancora: le sue arguzie, i suoi perversi sillogismi, la spietata razionalità (…) con cui analizza le cose è del tutto politica. Insomma, un libro intelligente, che parla del jazz, del suo mondo e del mondo in generale, con a volte un accenno di disincantato pessimismo, in sintonia con codesti mala tempora

Franco Bergoglio per Jazzitalia







Articoli correlati:
19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

09/03/2014

Il "caso" Amanda Palmer: tra favola e mercato: Internet oggi e la possibilità di far "pesare i sentimenti alternativi: la prossimità, l'empatia, la solidarietà." (Filippo Bianchi)

14/07/2013

Il jazzista suona la sua vita: "...una bella storia è irresistibile e, con un po' di fortuna, sempre più persone vorranno ascoltarla." (Filippo Bianchi)

03/04/2013

Il jazz non è una setta, è un mondo...: "...il jazz è un po' come quelle fidanzate con cui si passa volentieri il tempo ma che ci si vergogna di esibire in pubblico." (Filippo Bianchi)

03/04/2013

Il mio Faraone: "Pharoah Sanders mi ha spalancato la porta del jazz, fino ad allora socchiusa, facendo emergere una fonte che la vita avrebbe poi rivelato inesauribile..." (Filippo Bianchi)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

22/04/2012

Quattro chiacchiere con Filippo Bianchi: "Il jazz è contemporaneamente un luogo di "tradizione", con tutto il suo peso, e un luogo di "creazione", con tutti i rischi impliciti nelle anticipazioni." (Alceste Ayroldi)

20/11/2011

101 Microlezioni di Jazz (Filippo Bianchi e Pierpaolo Pitacco)- Alceste Ayroldi

23/01/2011

Hot Jazz and Cool Media: The musical Persuaders. "La pubblicità plasma una profonda simbiosi tra i frutti del consumismo americano e il jazz, campione riconosciuto della cultura del Paese." (Franco Bergoglio)

24/10/2010

Hot Jazz and Cool Media, il jazz nella società della comunicazione di massa. Attracverso l'analitico: "...appena varcato l'Atlantico nasce quel processo di fascinazione reciproca che interessa gli intellettuali e il jazz...Il jazz confrontato con la musica europea appare iconoclasta, eretico e altro ancora." (Franco Bergoglio)

26/09/2010

Hot Jazz and Cool Media, Il jazz nella società della comunicazione di massa: "Il mondo stava per lasciarsi alle spalle gli anni Cinquanta quando il poeta Attilio Bertolucci, dalle pagine di un noto rotocalco, si pose una domanda capace di innescare una fitta serie di correlazioni tra il jazz e il Novecento..." (Franco Bergoglio)

26/09/2010

Hot Jazz and Cool Media, il jazz nella società della comunicazione di massa. Highbrow and lowbrow. Ovvero: l'elefante e la tigre: "Sarebbe stimolante indagare a fondo sul come hanno maneggiato il jazz, nei suoi primi faticosi anni, altri "tipi" di intellettuali, rispetto a quelli usualmente interpellati appartenenti alle categorie dei fan e dei critici; potremmo cercare il jazz nelle pagine di filosofi, sociologi, storici, romanzieri, giornalisti di costume e così via." (Franco Bergoglio)

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

26/06/2009

Dove si annida il jazz (Jazz - Giorgio Gaslini - Pop, Rock e Jazz...) (C. Malatini, L. De domizio Durini, A. Bernardini) - Franco Bergoglio

28/03/2009

Il suono in figure - Pensare con la musica (Giorgio Rimondi )

05/07/2008

Jazz! Appunti e Note del Secolo Breve. (Franco Bergoglio )

01/05/2008

Gli esiliati del jazz, tratto dal libro "Jazz! Appunti e Note del Secolo Breve". "Tra i molti intellettuali e artisti americani fuggiti all'epoca delle persecuzioni maccartiste e stabilitisi in Europa, molti sono i musicisti di colore. Qui hanno trovato un maggior rispetto per la loro dignità umana e artistica, ma quasi nessuno di loro può essere considerato un profugo "politico"." (Franco Bergoglio)

24/02/2008

Intervista a Fulvio Albano, sassofonista, arrangiatore e direttore del Festival di Avigliana: "Sono un musicista prima di tutto, vivo di e per la musica. il jazz è la mia musica, la amo profondamente. per me ha un significato che va al di là di possibili spiegazioni razionali...Secondo me il jazz incarna perfettamente la sintesi tra istinto e razionalità; è una musica che ti lascia ampia libertà creativa pur soggiacendo a un insieme di regole che la rende fruibile e comprensibile." (Franco Bergoglio)

17/08/2007

LEZIONI (storia): Be bop: il suono dello sfollagente: "E' la polizia che picchia sulla testa dei neri che ha ispirato il bop. Ogniqualvolta uno sbirro colpisce un nero con il suo manganello, questo maledetto bastone fa: Bop Bop!…Be Bop!… Mop Bop!. E il nero urla: Uoool Ya koo! Ou-o-o! e il maledetto poliziotto ne approfitta per continuare a picchiare: Mop!Mop! Be Bop! Mop!. Tale è l'origine del bebop; il ritmo dei colpi sulla testa del nero è passato direttamente nell'interpretazione che danno del beBop trombe, chitarre e sassofoni" (Franco Bergoglio)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.930 volte
Data pubblicazione: 04/02/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti