Jazzitalia - Joe Pisto: In Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Belfagor Label – JP1 - 2006
Joe Pisto
In Jazz


1. Bye Bye Blackbird
2. Skylark
3. Nica's Dream
4. All Of Me
5. African Song
6. Yatra – Ta
7. Moody's Mood
8. You Don't Know What Love Is

Joe Pisto - voce, loop machine
Alessandro Altrocca - piano
Paolo Ghetti - contrabbasso
Massimo Manzi - batteria





In Jazz è l'album di debutto del cantante Joe Pisto, accompagnato dal pianoforte di Alessandro Altarocca, il contrabbasso di Paolo Ghetti e la batteria di Massimo Manzi. Prodotto dallo stesso e uscito nello scorso anno per la Belfagor Label, per quest'opera prima Pisto ha scelto la via del live immortalando sei brani più due bonus tracks da un concerto tenutosi a S. Giovanni in Persiceto nell'agosto del 2005. Per l'occasione i quattro sono andati sul sicuro, proponendo un repertorio abbastanza classico fatto di ben sette standard e un solo brano originale.

Si parte subito con un tema tanto caro a Miles Davis, Bye Bye Blackbird dell'accoppiata HendersonDixon, reinterpretato qui in una versione più veloce e sostenuta che dà l'opportunità al vocalist di esibirsi, esposto il tema, in un bel virtuosismo scat ripreso successivamente dal piano di Altarocca. Tra un evergreen e l'altro, dalla lenta Skylark alla più ritmata Nica's Dream, la voce di Pisto sembra calzare adeguatamente al tappeto offerto dai suoi tre compagni di viaggio, senza però riuscire a dare, a parere di chi scrive, un'impronta personale significativa. Il momento più interessante si ha con l'arrivo del brano a firma dello stesso cantante, African Song in cui, grazie anche all'uso di una loop machine, riesce a ricreare una originale atmosfera dal sapore africano attraverso la sovraincisione di più voci, e con la seguente Yatra - Ta della cantante brasiliana Tania Maria. Infine le due bonus tracks, incise in studio questa volta, con due duetti di piano e voce.

Ciò che rimane in definitiva è un album comunque piacevole ed elegante grazie alla bravura dei suoi interpreti, sempre puntuali e precisi, ed al gusto e alle buone doti che lo stesso Pisto dimostra di avere, anche se rimane il convincimento che osando un po' di più si sarebbe potuto lasciare un segno ancora più profondo.
Luca Labrini per Jazzitalia








Articoli correlati:
18/06/2017

Premio Massimo Urbani: Il salernitano Federico Milone vince la XXI edizione, un'edizione di "grande tenacia e forza di volontà"

04/05/2016

Tsunamici (Tsunami Trio (C. Uboldi, V. Della Fonte, M. Manzi))- Niccolò Lucarelli

20/09/2015

6:35 Am (Felice Clemente Trio)- Niccolò Lucarelli

21/07/2014

Storie d'amore non troppo riuscite (Claudia Cantisani)- Francesco Favano

08/09/2013

London Vibes (Joe Pisto)- Francesco Favano

16/06/2013

Barbara Casini: il concerto "Agora ta" con la Colours Jazz Orchestra e l'intervista che ripercorre la carriera di una straordinaria artista. (Viviana Falcioni)

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

31/03/2013

Live At The Loft_01 (Fabio Morgera)- Achille Brunazzi

16/12/2012

Cinema (Andrea Fascetti) - Francesco Favano

22/07/2012

"...qualità non indifferenti il cui valore evidenzia una scelta verso uno stile innovativo e contemporaneo senza mai perdere di vista la "storia"..." (Viviana Falcioni)

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

22/02/2012

Friends (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

17/06/2011

Jazzsonic (Dario Cecchini) - Alceste Ayroldi

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

23/04/2011

My Life (Mauro Bottini 4tet) - Eva Simontacchi

02/04/2011

Anyway (Berardi Jazz Connection) - Luca Labrini

20/03/2011

Triangular View (Marco A. Ricci, Mike Del Ferro, Massimo Manzi)- Alessandro Carabelli

26/02/2011

The Spinning 5tet featuring Mike Melillo Sale sul palco per inaugurare il programma del 2011 del Fano Jazz Club (Viviana Falcioni)

24/12/2010

Self Portrait (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

04/06/2010

One Way (Vittorio Sabelli) - Alceste Ayroldi

13/12/2009

To Flow in The Jazz (Alamagian Jazz Quartet) - Alceste Ayroldi

08/12/2009

4+1 (Federico Missio)- Alessandro Carabelli

08/12/2009

Profumo d'Africa (Paolo Ghetti)- Alessandro Carabelli

07/12/2009

Verosimilmente (M.E.F. (Manzi, Esperti, Faraci))- Rossella Del Grande

26/07/2009

Interactions (Dino Plasmati Open Trio) - Giuseppe Mavilla

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

07/04/2009

Jazz Prologo (Giuly Modesti, Alle Montecchi)

28/02/2009

Helios (Alessandro Altarocca 4tet)

28/12/2008

Drums And Jao (Jazz Art Orchestra)

03/11/2008

E-Ray (Stefano Leonardi)

15/08/2008

Tell me the story (Solarino / Manzi QuartetQuintet)

15/08/2008

Recital Trio (Recital Trio)

09/04/2008

Organ Trio Plus Guests (Vito Di Modugno)

24/03/2008

Identità (Massimo Manzi)

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

26/05/2007

Intervista e recensione del concerto dei "Quadrivision", ovvero Marco Ricci, Massimo Manzi, Alberto Mandarini e Roberto Cecchetto. Un nuovo progetto nato principalmente attraverso un rapporto di amicizia e stima reciproca e che mira alla ricerca di un suono amalgamanto ma costituito da elementi individuali chiaramenti distinguibili. (Eva SImontacchi)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

22/05/2005

Intervista tripla a Danilo Rea, Massimo Manzi ed Enzo Pietropaoli. Abbiamo posto lo stesso schema di domande a tutti e tre gli artisti rilevando molte affinità nell'approccio e nella visione attuale della musica, nei fattori predominanti che hanno influenzato le proprie scelte artistiche... (Marco Losavio)





Video:
Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival 2013 - Minor Swing
"Minor Swing" (Django Reinhardt) rearranged & performed by Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival, XXIII Edition, 2013 - Monteroduni,...
inserito il 31/10/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 3644


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.546 volte
Data pubblicazione: 27/12/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti