Jazzitalia - Recensioni - Federica Michisanti Trioness: Isk
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
Federica Michisanti Trioness
Isk



La Filibusta (2017)

1. Hush 05:22
2. Before I Go 04:36
3. Impro 1 03:32
4. Slow March 06:52
5. Further 06:46
6. Impro 5 02:26
7. Reset 05:26
8. Impro 2 01:40
9. Isk 04:50
10. Impro 3 05:20
11. Noise Reduction 04:27
12. Al Jabal 08:22

Federica Michisanti - double bass
Matt Renzi - tenor sax, bass clarinet, english horn, oboe
Simone Maggio - piano

Roma, Groovefarm Studio, 21 e 22 novembre 2015


Esperienza da consigliare, l'ascolto di questo disco. Michisanti è una contrabbassista romana, giovane ma già attiva oltre che nel jazz anche in altri settori (musica leggera, teatro), qui alla sua seconda opera da leader, dopo «Trioness», cd registrato quattro anni prima di questo con una formazione analoga. L'assenza della batteria è determinante per caratterizzare la musica che qui si ascolta, dagli aspetti cameristici in cui prevale una pregevole e non scontata concezione melodica.

Rispetto alla sua opera precedente la musicista ha guadagnato molto in sicurezza e controllo del materiale musicale, e ciò si riflette positivamente sul risultato, per merito anche degli altri componenti il trio, il polistrumentista Renzi che si alterna sapientemente fra strumenti diversi conferendo a ogni brano un'impronta diversa e peculiare, e il pianista Maggio, che sorprende per suono e creatività. Le composizioni, alcune di assorta melodicità (Hush, Slow March), altre astratte, vagamente ornettiane o konitziane (Before I Go, Further, Noise Reduction), sono tutte della contrabbassista, e sono inframezzate da quattro frammenti tratti da un'improvvisazione in studio. Il suono del contrabbasso di Michisanti è meditato, pieno, tondo, corposo, e l'interazione fra i tre è perfetta sin dalle note del brano iniziale. Fra le improvvisazioni la migliore è la prima, che meglio si integra con le composizioni del disco, fra le quali svettano l'eponima Isk dal canto profondo e coinvolgente e la conclusiva Al Jabal, lirica e delicata.

Non resta che attendere una nuova prova di questo trio.

Vincenzo Fugaldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
09/07/2012

4 Stories (Matt Renzi, Stefano Senni, Jimmy Weinstein)- Enzo Fugaldi

27/08/2010

Winds in tunes (Simone Maggio - Emanuele Melisurgo)- Alessandro Carabelli

08/09/2008

Lo schiavo (Armando Sciommeri)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 481 volte
Data pubblicazione: 26/04/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti