Jazzitalia - Recensioni - Federica Michisanti Trioness: Isk
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Marque Lowenthal e le uniche tappe pugliesi del nuovo combo del leggendario batterista Peter Erskine, il quartetto della pianista e vocalist statunitense Diane Schuur e il gruppo capitanato dal bassista abruzzese Maurizio Rolli con Otmaro Ruiz nel ricco programma del Beat Onto Jazz Festival 2017.

Il compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra Richard De Rosa, dirige la Saint Louis Big Band in un raffinato repertorio di standard jazz e brani originali.

La nota pianista, compositrice, didatta Geri Allen, è scomparsa. Era stata in tour a maggio in Italia in duo con Enrico Rava.

BargajazzFestival 2017 – in cammino... Un anno di pausa per il concorso e spazio ad un festival incentrarto su produzioni originali e di ricerca..

Toquinho, Alessandro Quarta & Selma Hernandes a Parabita con il tour "50 anni di successi".

Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters.

Premio Massimo Urbani, il salernitano Federico Milone vince la XXI edizione, un'edizione di "grande tenacia e forza di volontà".

XIV edizione della rassegna Gezmataz: concerti internazionali, workshop di musica d'insieme e di fotografia di scena si susseguono in quattro giorni dedicati al jazz e alle sue espressioni.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            BOTTALICO Roberto (sax)
            CHIOZZI Alberto (batteria)
            DELTA TRIO (gruppo)
            DESIDERI Fabrizio (sax e clarinetto)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PAVIGNANO Daniele (batteria e percussioni)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            SALVADORI Mattia (tromba)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            ZORZI Riccardo (batteria)
Federica Michisanti Trioness
Isk



La Filibusta (2017)

1. Hush 05:22
2. Before I Go 04:36
3. Impro 1 03:32
4. Slow March 06:52
5. Further 06:46
6. Impro 5 02:26
7. Reset 05:26
8. Impro 2 01:40
9. Isk 04:50
10. Impro 3 05:20
11. Noise Reduction 04:27
12. Al Jabal 08:22

Federica Michisanti - double bass
Matt Renzi - tenor sax, bass clarinet, english horn, oboe
Simone Maggio - piano

Roma, Groovefarm Studio, 21 e 22 novembre 2015


Esperienza da consigliare, l'ascolto di questo disco. Michisanti è una contrabbassista romana, giovane ma già attiva oltre che nel jazz anche in altri settori (musica leggera, teatro), qui alla sua seconda opera da leader, dopo «Trioness», cd registrato quattro anni prima di questo con una formazione analoga. L'assenza della batteria è determinante per caratterizzare la musica che qui si ascolta, dagli aspetti cameristici in cui prevale una pregevole e non scontata concezione melodica.

Rispetto alla sua opera precedente la musicista ha guadagnato molto in sicurezza e controllo del materiale musicale, e ciò si riflette positivamente sul risultato, per merito anche degli altri componenti il trio, il polistrumentista Renzi che si alterna sapientemente fra strumenti diversi conferendo a ogni brano un'impronta diversa e peculiare, e il pianista Maggio, che sorprende per suono e creatività. Le composizioni, alcune di assorta melodicità (Hush, Slow March), altre astratte, vagamente ornettiane o konitziane (Before I Go, Further, Noise Reduction), sono tutte della contrabbassista, e sono inframezzate da quattro frammenti tratti da un'improvvisazione in studio. Il suono del contrabbasso di Michisanti è meditato, pieno, tondo, corposo, e l'interazione fra i tre è perfetta sin dalle note del brano iniziale. Fra le improvvisazioni la migliore è la prima, che meglio si integra con le composizioni del disco, fra le quali svettano l'eponima Isk dal canto profondo e coinvolgente e la conclusiva Al Jabal, lirica e delicata.

Non resta che attendere una nuova prova di questo trio.

Vincenzo Fugaldi per Jazzitalia






Articoli correlati:
09/07/2012

4 Stories (Matt Renzi, Stefano Senni, Jimmy Weinstein)- Enzo Fugaldi

27/08/2010

Winds in tunes (Simone Maggio - Emanuele Melisurgo)- Alessandro Carabelli

08/09/2008

Lo schiavo (Armando Sciommeri)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 333 volte
Data pubblicazione: 26/04/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti