Jazzitalia - Fulvio Falleri: Jazz compositions for solo saxophone
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Fulvio Falleri
Jazz compositions for solo saxophone


Sample #1 - Goodbye New York
Sample #2 - Borderline
Sample #3 - Four steps in Central Park



Hyperprism - Casa editrice specializzata nella produzione di testi antichi e contemporanei, opere e spartiti musicali, testi didattici, Cd e audiolibri
Promoter Hyperprism: Francesco Calvani

Solo chi frequenta costantemente la pratica dell'insegnamento-non solo musicale- sa quanto è importante coniugare il materiale di lavoro con la qualità estetica; la bellezza, insomma. Ho sempre pensato che in ogni processo di formazione il contenuto del "corpus" di studi con cui ogni allievo si confronta non sia più importante di fattori come, ad esempio, lo sviluppo di una curiosità sempre viva; la costruzione di un rapporto di amore reale con ciò che si studia; la gratificazione personale e la costanza dell'interesse; la tensione continua verso la qualità e il bello. Mi sento di poter affermare che il presente libro - un vero e proprio workbook - è stato concepito da un musicista e da un'insegnante che riconosce l'importanza e, ancor più, la "decisività" di tutto questo. È, infine, un vero piacere poter affermare che l'autore è un collaboratore e un amico come Fulvio Falleri.
Ramberto Ciammarughi


photo by Francesco Calvani








Articoli correlati:
28/10/2013

New Music For Trio (Ramberto Ciammarughi feat. Miroslav Vitous, Gerald Clever)- Alceste Ayroldi

14/04/2013

Piani Diversi (Susanna Stivali)- Marco Losavio

01/11/2010

Errante (Stefano Cantini) - Alceste Ayroldi

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

17/12/2007

Il pianista assisiate Ramberto Ciammarughi, da anni assente dai "grandi palchi" del jazz umbro, è tornato! E lo ha fatto nel migliore modo possibile. Il suo trio...le sue musiche. Con lui, sul palco dell'Hotel Gio' Jazz Area - nell'ambito del programma del Jazz Club Perugia - hanno suonato Miroslav Vitous al contrabbasso e Fabrizio Sferra alla batteria... (Marcello Migliosi)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.940 volte
Data pubblicazione: 14/06/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti