Jazzitalia - Recensioni - Enrico Cogno: Jazz inchiesta: Italia - Il Jazz negli anni '70
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Ben Riley, batterista di Thelonious Monk.

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

Secondo appuntamento per la rassegna del The Empty Space presso RED Eventi di Gusto di Molfetta, con la presentazione del nuovissimo disco della vocalist Francesca Leone.

Chick Corea, Steve Gadd, Dave Douglas, Carla Bley, Steve Swallow e molti altri i protagonisti di Giordano In Jazz Winter Edition 2017.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)


Enrico Cogno

Jazz Inchiesta: Italia - Il Jazz Negli Anni '70
Postfazione e discografia a cura di Roberto Arcuri
Arcana Edizioni – 2015

Il libro di Enrico Cogno è stato pubblicato una prima volta nel 1971 e ora viene riedito da Arcana in una versione corredata da una postfazione di Roberto Arcuri e da una serie di recensioni di "Dischi nuovi", tratti dalla rivista "Musica jazz", risalenti più o meno alla stessa epoca. Il testo non ha grosse pretese di sistematicità e riunisce, così, come flash dotati di una loro autonomia, una serie di interviste a musicisti, giornalisti e addetti ai lavori, accanto al resoconto di un'inchiesta volta allo scopo di sondare la conoscenza del jazz, in specie quello del nostro paese, fra la gente comune. Francamente questa è la parte meno riuscita, perché raccoglie un numero ridotto di testimonianze, che contengono rilievi e risposte più o meno similari. Nulla di interessante, né di veramente significativo, insomma, anche per l'esiguità del campione preso in esame.

Pure una breve storia della nascita e dell' affermazione della musica afroamericana in Italia risulta fuori tema in questo volume, destinato ad occuparsi, già dal titolo, dell'attualità di quel decennio che andava ad incominciare.

Dalle interviste o dalle argomentazioni degli interlocutori di Cogno, invece, si possono ricavare tanti spunti di riflessione e di approfondimento. Viene sollevato, anzitutto, il problema dell'educazione musicale. Dagli anni settanta ci sono stati positivi cambiamenti a livello dei conservatori, dove, ormai, il jazz è largamente accettato, anche con corsi di laurea specifici. Non si può dire lo stesso per quanto riguarda i programmi della scuola dell'obbligo, ancora carenti sotto questo punto di vista.

Per tanti musicisti, poi, accanto alla professione nella musica leggera, si affianca, da dilettanti "L'amore per il jazz,,,, che per loro costituisce una lieta vacanza", come sostiene Arrigo Polillo. Allora l'orchestra della Rai e non solo dà lavoro a fior di solisti, come Mario Pezzotta, Dino Piana, Gianni Basso...Oggi non è più così e pochissimi riescono a vivere con la loro arte improvvisativa. Per il direttore di Musica jazz, comunque, questa bivalenza non produce frutti succosi, proprio per l'atteggiamento disimpegnato riservato dai medesimi all'area extra-professionale.
All'inizio di quel decennio è forte, inoltre, la contrapposizione fra conservatori e modernisti, anche se alcuni nomi insospettabili dimostrano aperture impensabili verso la new thing. Meraviglia assai, infatti, leggere che un trombettista mainstream come Oscar Valdambrini si è adeguato al free dopo averlo "maturato a gradi, facendolo decantare"... Roba da strabuzzare gli occhi!
Il libro racchiude, inoltre, ritratti misteriosi e affascinanti, come quello di Umberto Cesàri, mitico genio degli 88 tasti, rinchiuso nel suo appartamento milanese da cui non esce mai, alla stessa stregua del leggendario pianista sull'oceano di Alessandro Baricco.

Ci sono, poi contributi sferzanti, decisamente polemici, come quello di Franco Pecori, batterista e intellettuale a tutto tondo, schierato a spada tratta a favore dell'avanguardia, contro le tendenze reazionarie dei passatisti. Pure Marcello Rosa non scherza affatto con uno sfogo acceso contro la televisione di stato e i funzionari di quel periodo.

La postfazione di Roberto Arcuri inquadra il libro nell'ambito socio-culturale in cui è germinato, con l'emergere dell' onda lunga del '68 e il manifestarsi dello scontro ideologico fra tesi opposte in anni di fermento e di contrapposizione anche violenta. Si tratta di una sorta di relativizzazione di determinati concetti critici e artistici, non solo culturali, ma probabilmente Enrico Cogno non era particolarmente interessato a questo tipo di prospettiva o forse non era neppure del tutto consapevole della posta in gioco.

Sono illuminanti, infine e decisamente problematiche, difficili da passare sotto silenzio, le recensioni allegate come parte finale del volume. In queste, Polillo, ad esempio, taglia letteralmente il cappotto addosso a Steve Lacy, non uno qualunque, per intenderci, ritenendo che il sopranista non sappia distinguere, in soldoni, "La musica dal rumore". Sempre lo stesso Polillo scrive, rispetto ad un disco di Azzolini, che" certe fumisterie di illustri personaggi d'oltre Atlantico, come Don Cherry, Sun Ra o Steve Lacy, fanno un poco ridere"...

In conclusione "Jazz inchiesta: Italia" si legge velocemente, grazie allo stile giornalistico dell'autore e ci riporta a considerare un periodo storico segnato da grande movimento e da notevoli mutazioni, non solo in campo musicale e a immmedesimarci in quelle ferventi discussioni all'ultimo sangue, di cui si è persa, purtroppo o per fortuna, l'abitudine.

Gianni Montano per Jazzitalia






Articoli correlati:
05/05/2014

Beginnin of modern jazz in Milano (AA. VV.)- Marco Losavio

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

29/05/2011

Jula in Concert - Jula De Palma live al Teatro Sistina di Roma (Jula De Palma)- Pietro Scaramuzzo

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

03/08/2009

Amigos (Gio' Marinuzzi)- Cinzia Guidetti

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

15/08/2008

Jass & Jazz & More (Marcello Rosa)

20/04/2008

Marcello Rosa & Bepi d'Amato Jazz Heritage: le strade maestre del jazz italiano. Stregata la platea del comunale di Mercato S. Severino dal quintetto del trombonista: "...tra un aneddoto e un brano, ci hanno raccontato un pezzo importante della storia del nostro jazz, omaggiando Romano Mussolini e i tempi in cui si scorrazzava su di un furgone rappezzato, senza tregua dalle Alpi alla Sicilia..." (Olga Chieffi)

19/03/2008

Stasera Jazz (Arrigo Polillo)

04/02/2008

Pensiero – Omaggio a Gino Paoli (Marilena Paradisi) - include un intervista a Marilena Paradisi.

28/06/2007

Nuova gallery con le foto di Marco D'Amico.

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)

15/06/2006

16 giugno 2005: un anno fa la scomparsa di Henghel Gualdi lasciava un grande vuoto oggi ancora più forte. Jazzitalia lo ricorda attraverso le testimonianze di: Nando Giardina della Doctor Dixie Jazz Band, Renzo Arbore, Pupi Avati, Lele Barbieri, Luigi Barion, Gianni Basso, Franco Cerri, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Gianni Giudici, Annibale Modoni, Marcello Rosa, Jimmy Villotti...





Video:
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da - visualizzazioni: 3511
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da - visualizzazioni: 3468
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da - visualizzazioni: 3485
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da - visualizzazioni: 3562
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da - visualizzazioni: 3406
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 3176


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.665 volte
Data pubblicazione: 27/11/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti