Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit´┐Ż

Giampiero Boneschi e il suo Complesso
Trio Gambarelli - Mojoli - Boneschi
Eraldo VolontŔ e la sua Orchestra

Jazz in Italy In the 40s


Riviera Jazz Record - 2000 ę

1. Sixth avenue express
2. Tuxedo junction
3. Why do I lie to myself about you?
4. Moonlight becomes you
5. Oh Lady be good
6. Malinconica ispirazione
7. I wonder where my baby is tonight
8. Back door rag
9. Moderato in Re minore
10. Honeysuckle rose
11. I'm free
12. Boogie woogie per tre
13. Body and soul
14. I want to be happy
15. I'm beginning to see the light
16. Truckin'
17. Original woogie
18. Boogie and swing
19. Al gelo
20. Leave us leap
21. Apple honey
22. Boneschiana
23. Stringendo (On the Sunny Side of the Street)

Giampiero Boneschi: piano
Franco Cerri:
guitar
Michele D'elia:
bass
Giuseppe "Pinun" Ruggieri:
drums
Franco Mojoli:
clarinet
Claudio Gambarelli:
drums
Roberto Nicolosi:
arranger, bass
Giorgio Poli:
bass
Gorni Kramer:
bass (18)
Nino Impallomeni, Carlo Aspesi, Vincezo De Bernardis:
trumpets
Athos Ceroni:
trombone
Pietro Spairani, Rinaldo Ferri:
altosax
Eraldo VolontŔ, Rocco Montaruli:
tenor sax
Gino Morgan:
guitar
Rino Santolini:
bass
Gil Cuppini:
drums
Henghel Gualdi:
clarinet (23)
Paolo Mezzaroma:
violin
Enrico Cuomo:
drums


Franco Mojoli, Claudio Gambarelli, Eraldo VolontŔ e un giovanissimo Giampiero Boneschi, sono i protagonisti di questo CD della Riviera Jazz Records dedicata al jazz italiano inciso nell'immediato dopoguerra.

Erano musicisti, VolontŔ nato nel
1918, Mojoli nel 1914 e Gambarelli nel 1907, che avevano iniziato la loro attivitÓ giÓ negli anni trenta (Gambarelli addirittura negli anni Venti) con orchestre importanti e che entrarono anche in sala d'incisione lasciandoci ottimi dischi: Mojoli, eccellente clarinettista e altosassofonista, con l'orchestra Nuovo Ritmo di Michele D'Elia (il suo assolo in I Saw Stars che sarÓ oggetto di una riedizione su Riviera fu, per l'epoca, straordinario), Gambarelli con i Sette Assi del Ritmo di Cosimo Ceglie, e infine Eraldo VolontŔ con la big band di Enzo Ceragioli accanto a Piero Cottiglieri altro eccellente sassofonista che Ŕ possibile ascoltare nel CD RJR 001 con I Maestri del Ritmo.
Tra questi musicisti, troviamo il giovanissimo Giampiero Boneschi, (era nato nel
1927), una promessa sicura.

Si era messo in luce a diciassette anni nel corso delle trasmissioni di Radio Tevere, un'emittente radiofonica con sede a Milano, solo formalmente gestita dall'EIAR ma in realtÓ sottomessa alle direttive propagandastaffel nazista.

"Fummo ingaggiati dall'EIAR per suonare solo ed esclusivamente jazz - ricorda Boneschi -. Ci sembrava di sognare ma quei programmi e soprattutto il jazz servivano a camuffare l'emittente da radio filoamericana. Attraverso quei microfoni i fascisti facevano propaganda occulta. Ma questo lo venimmo a sapere molto dopo. I complessi che, fra il 1944 e la primavera del 1945 suonarono negli studi di Radio Tevere a Via Rovani, erano il Quartetto di Tullio Mobiglia con Eraldo Romanoni, Giorgio Poli e Claudio Gambarelli, un quintetto con Nino Culasso alla tromba, Glauco Masetti al sax alto, Franco Cerri alla chitarra, Regolo Rovero alla batteria ed io al pianoforte."

Un mese e dieci giorni dopo quel
25 aprile del 1945 che vide la fine della guerra, la Columbia aprý ufficialmente le porte al jazz e il 4 giugno Giampiero Boneschi chiese a Michele D'Elia, Franco Cerri e "Pinun" Riggieri di accompagnarlo in una serie di incisioni che furono le prime realizzate in Italia dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Boneschi aveva diciotto anni. Gli undici brani in cui Ŕ accompagnato dalla sola sezione ritmica (con di volta in volta D'Elia, Giorgio Poli, Gorni Kramer e Roberto Nicolosi al contrabbasso, "Pinun" Ruggieri e Claudio Gambarelli alla batteria e l'onnipresente Franco Cerri, quasi coetaneo di Boneschi, alla chitarra), dimostrano le sue notevoli capacitÓ di solista messe in valore anche nello splendido trio Gambarelli, Mojoli, Boneschi, negli otto brani incisi per Odeon, Boneschi, sotto contratto in esclusiva con Columbia, era stato "ceduto" temporaneamente ad Odeon.

Franco Mojoli Ŕ stato un grande musicista, forse tra i maggiori rivelatisi in Europa negli anni trenta. Di lui si ricordava spesso Roberto Nicolosi, studioso, oltrechŔ protagonista del jazz di quegli anni.

"Era un grande clarinettista. Di lui ricorder˛ sempre un episodio molto significativo. Quando ascoltammo per la prima volta un'incisione di Andy Kirk con un assolo del clarinettista John Harrington, a me e a Livio Cerri, increduli, sembrava di ascoltare Mojoli. Ma, allo stesso Mojoli, il disco fece una grande impressione. Lui che in vita sua non aveva mai ascoltato quel musicista, impallidý e disse "ma questo sono io!". Infatti lo stile di Mojoli, il suo modo di fraseggiare, era quasi identico a quello del clarinettista americano".

Oltre che lo stesso Boneschi, gli ultimi quattro brani, due della grande orchestra diretta da Eraldo VolontŔ con Gilberto Cuppini alla batteria e i due di Boneschi, Boneschiana e Stringendo mettono in luce anche il sassofonista tenore Eraldo VolontŔ nelle incisioni sotto suo nome, il clarinettista Henghel Gualdi che aveva inciso l'anno precedente i suoi primi dischi per Durium e l'eccellente violinista Paolo Mezzaroma. In Stringendo Mezzaroma emerge come ottimo violinista e va ad aggiungersi agli altri eccellenti solisti di questo strumento che l'Italia ha prodotto negli anni Trenta e Quaranta grazie all'influenza di Joe Venuti e StÚphane Grappelli.

Con Cesare Galli, Agostino Valdambrini, Americo del Ventura, Romero Alvaro, Sergio Almangano, Giovanni Ferrero, Max Springher, Alfio e Rocco Grasso, William Righi, Armando Camera, Gianmario Guarino, Rino Fornai, Otello Bocconi, Nino Capodieci, Gino Massa, Athos Micheli e Walter Notari, Mezzaroma Ŕ stato tra i migliori violinisti di jazz. A questi musicisti, molti dei quali purtroppo poco conosciuti, sarÓ dedicato uno dei prossimi Cd della Riviera Jazz Records.
Adriano Mazzoletti






Articoli correlati:
05/05/2014

Beginnin of modern jazz in Milano (AA. VV.)- Marco Losavio

03/02/2014

Jazz al Nord (AA. VV. - Jazz In Italy in the 30s, 40s & 50s)- Valeria Loprieno

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

22/04/2010

The Rise of Dolce Vita - Roman New Orleans Jazz Band, Benny Goodman Sextet, Sistina Street Swingers, Bricktop (AA.VV. - Jazz in Italy in The 50s)- Franco Bergoglio

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

26/12/2009

Jazz in Italy (Gilberto Cuppini Groups/Orchestra di Ritmi Moderni diretta da Francesco Ferrari)- Luca Labrini

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della CiviltÓ Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle pi¨ importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato pi¨ o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto źswing all'italiana╗." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che per˛ non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilitÓ ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrÓ nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica Ŕ veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in pi¨ di cinquant'anni i nomi pi¨ prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i pi¨ famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei pi¨ noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me Ŕ rimasta un hobby non una vera professione perchŔ la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che Ŕ troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande CesÓri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico CesÓri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto CesÓri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento


Questa pagina Ŕ stata visitata 14.096 volte
Data pubblicazione: 27/01/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti