Jazzitalia - John Hollenbeck Jazz Bigband Graz feat. Theo Bleckmann: Joys & Desires
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intuition (2005)
John Hollenbeck Jazz Bigband Graz feat. Theo Bleckmann
Joys & Desires


1. The Bird with Coppery Keen Claws
2. Just Like Him; Abstinence
3. Jazz Envy
4. After A Dance Or Two, We Sit Down For A Pint With Gil And Tim
5. Garden Of Love
6. Maxfield

Theo Bleckmann - vocals, electronic effects
Christian Bachner - tenor and soprano saxophones, flute
Robert Friedl - alto and soprano saxophones, clarinet
Klaus Gesing - tenor and soprano saxophones, bass clarinet
Martin Harns - baritone saxophone, bass clarinet
Heinrich Von Kalnein - alto and soprano saxophones, flute
Jorg Engels, Axel Mayer, Karl Rossman, Horst-michael Schaffer - trumpets, flugelhorns
Robert Bachner, Wolfgang Messner, Hans Radinger, Reinhard Summerer - trombones
Oliver Kent - piano
Uli Rennert - keyboards
Henning Sieverts - bass, cello
John Hollenbeck - drums, compositions



Il batterista, il cantante e la big band! Sarebbe riduttivo e puerile definire così semplicemente i soggetti principali di questo "Joys & Desires", che vede protagonisti John Hollenbeck, percussionista americano, nonché compositore autore di tutti i sette brani di cui si compone il cd, dedito a sfide musicali tutt'altro che scontate, ogni qualvolta si trova ad incidere un nuovo lavoro. Accanto a lui, troviamo un'orchestra europea, austriaca nella fattispecie, la Jazz Bigband Graz, diretta da Heinrich von Kalnein e da Horst-Michael Schaffer, e Theo Bleckmann, interprete, compositore e primo attore in ambiti quali il teatro e la musica, nativo in Germania, ma da anni trasferitosi nella culla mondiale dell'avanguardia artistica, in quel di New York.

Il progetto stupisce e sorprende per il ruolo che all'interno di esso ha la Jazz Bigband Graz. Un ruolo per nulla canonico o già ascoltato, in "Joys & Desires" la bigband è un laboratorio di suoni, frutto di idee sviluppate ed elaborate senza il classico prontuario o manuale di cui da sempre si sono servite gli ensemble di questa natura. Sollecitati dal flusso ritmico di Hollenbeck, i musicisti della JBBG si inerpicano lungo quei sentieri, apparentemente costretti, per un numero consistente di strumentisti, ma dove invece è usuale e semplice imbattersi per vie brulicanti di stimoli e da dove si arriva a scorgere orizzonti nuovi e ricchi di risorse che non attendono altro che di essere sfruttati. Sono ancora una volta quelle strade del jazz senza confini e limiti sui quali si sporge, assaporandone i colori, le atmosfere e i sapori un grande talento come quello di Theo Bleckmann. Con lui la parola si fa recitazione e canto arrivando a scomodare perfino un poeta visionario come William Blake di cui viene riprese il testo nel brano "The Garden of Love", episodio n.3 della trilogia "Joys & Desires".

Nelle note del libretto allegato John Hollenbeck scrive tra l'altro:- ho sempre desiderato comporre musica che fosse naturalmente accessibile a tutti- e il brano che apre l'album "The Bird with Coppery Keen Claws" sembra non voler indisporre l'ascoltatore, infatti la voce recitante di Bleckmann, anche se filtrata, si accompagna ad un ritmo ripetitivo, per nulla sostenuto o invadente, addolcito dai suoni di una natura incontaminata come di un paesaggio nordico. Il desiderio di Hollenbeck, di cui dicevo prima, non trova però completo riscontro in questa produzione perché gia dalla seconda traccia il suono si fa più elaborato e il magma sonoro inizia a rifluire attraverso ritmo e fiati all'unisono. E' "Just Like Him", e da qui in poi la musica continuerà a farsi sempre più ingombrante e ribollente fino a ricordarci il clima di assoluta libertà espressiva della Chicago dell'AACM, nella prima parte di "Jazz Envy". La seconda parte del brano si snoda attraverso suoni più elettrici e tecnologici con la batteria di Hollenbeck in bella evidenza.

Un improvviso flusso di energia di ritmo e fiati funky apre "After A Dance Or Two, We Sit Down For A Pint With Gil And Tim" ma è solo il preludio ad una melodia eterea e sognante appena disturbata dal rullare di un tamburo. La voce di Theo Bleckmann è splendida protagonista attraverso il testo di William Blake in "The Garden Of Love", prima recitato e poi cantato con un finale in crescendo. "Maxfield" è il brano conclusivo che riassume il linguaggio musicale di questo album, un brano fatto di varietà di temi e giri armonici, di incastri di fiati, pianoforte e cori che si integrano per esprimersi in continuità infinita prima dello splendido solo al sax tenore di Klaus Gesing. Anche questa volta il batterista Hollenbeck ha fatto centro…deliziatevi ai suoni frizzanti e intriganti di "Joys & Desires".
Giuseppe Mavilla per Jazzitalia






Articoli correlati:
08/09/2017

Elegy (Theo Bleckmann)- Alceste Ayroldi

20/09/2015

A clear midnight, Kurt Weill and America (Julia Hülsmann 4tet & Theo Bleckmann)- Alceste Ayroldi







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 1.569 volte
Data pubblicazione: 21/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti