Jazzitalia - Marco Tardito Kangaroux Sextet: Jumping With Adriano
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicità su Jazzitalia! (click!)

Brass in Jazz. Palermo unica in Europa con Jon Faddis, unica in Italia, esclusa dal Mibact per il Jazz.

Joey DeFrancesco, 51 Anni, è Improvvisamente venuto a mancare la notte del 26 agosto 2022.

Mimmo Langella pubblica "EAR TRAINING PER CHITARRA e non solo!", il primo manuale di Ear Training dedicato specificamente ai chitarristi.

Master della durata di 12 mesi in Music Industry Management. Direzione: Alceste Ayroldi. .

Prima edizione del Little Jazz Festival: il nuovo progetto degli studenti dell'indirizzo musicale della Scuola Secondaria di Primo Grado dell'Istituto Comprensivo di Fiesso Umbertiano..

Pubblicato dalla Sher Music Co. un nuovo volume della collana Jazz Songbook dedicato alla musica di Steve Khan.

Blue Note Records e Universal Music Group Africa annunciano la creazione del nuovo marchio Blue Note Africa con la pubblicazione dell'album di Nduduzo Makhathini, "The Spirit Of NTU".

Grammy Award 2022: premi postumi (Chick Corea e Lyle Mays), la voce di Esperanza Spalding e i tre "nuovi talenti" Ron Carter, Jack DeJohnette, Gonzalo Rubalcaba.

Stage di Chitarra Flamenco di Manuel Montero nell'ambito del festival Arte in Vivo a San Lucido (Cosenza).

Esce anche in e-book il libro di Alceste Ayroldi sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore delle opere musicali.

Monopoli, sabato 12 marzo - Presentazione libro Alceste Ayroldi.

Nasce Pantuk, sinergia tra Pannonica e Tuk Music.

Alceste Ayroldi pubblica un libro sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore in musica .

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Ultimi aggiunti:

            BATTAGLIA Sergio (sax)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAPORALE Giorgio (chitarra)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            LUCA NECCIARI QUARTETTO (gruppo)
            LUPI Benedetta (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            PELLEGRINO Vincenzo (batteria)
            RUSSO Biagio (piano)
            TATONE Angelo (chitarra)
            THE JAZZ RUSSELL (gruppo)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Marco Tardito Kangaroux Sextet
Jumping With Adriano



Silta Records (2012)

1. 24mila baci
2. Chi non lavora non fa l´amore
3. Una carezza in un pugno
4. Un bimbo sul leone
5. Il problema più importante
6. Si è spento il sole
7. Il ragazzo della Via Gluck

Marco Tardito - clarinet & arrangments
Giorgio Giovannini - trombone
Pier Giorgio Miotto - trumpet
Guido Canavese - piano
Stefano Risso - double bass
Enzo Zirilli - drums



Silta Records
email: info@siltarecords.it
web: http://www.siltarecords.it

 


Non risulta che Celentano abbia mai flirtato con il jazz. Non si possono annoverare nella sua discografia, infatti, esempi di derivazione né di apparentamento con la musica afroamericana. Marco Tardito si è dedicato, perciò, ad un progetto coraggioso e controcorrente provando a rimodellare, a riplasmare brani storici degli anni sessanta e settanta di impronta rock o beat (come si diceva allora) con un gruppo di impostazione e cultura jazzistica.


Ogni traccia ha fisionomia dissimile. Il tema o meglio il "refrain" è illustrato in apertura, a volte e poi abbandonato per un lungo tratto, fino a riaffacciarsi in conclusione con la potenza del mito, della "hit" che ha fatto epoca. In altri casi il motivo è nascosto, reso invisibile per tutta l'introduzione. Improvvisamente sbuca fuori da qualche anfratto e si espande, si dilata per connotare e ridefinire anche quanto è successo prima. Si colgono citazioni fulminanti di altre canzoni o brani noti in alcuni pezzi. In "24 mila baci" si può scoprire, ad un certo punto, una sequenza classica tratta da "Il volo del calabrone". In "Chi non lavora non fa l'amore" si inserisce, in corso d'opera, una cellula de "La notte è piccola" delle gemelle Kessler e si intravvedono il Brasile di Chico Buarque e la bossa nova. In tutto il disco trapela un'ammirazione, una passione non dichiarata per il sound delle vecchie orchestre Rai degli spettacoli del sabato sera dirette da Gianni Ferrio, Enrico Intra o Bruno Canfora, riproposte in scala ridotta con un ensemble di soli sei elementi.

E', invece, ammessa una devozione per Mingus e per il suo gruppo più famoso, quello con Eric Dolphy, dalle stesse note di copertina. Dall'estetica del grande contrabbassista discende, forse, l'idea di strutturare i brani come una successione di scatole cinesi che all'apertura riservano sorprese, in questo caso con il cambio di atmosfera, di tempi, di dinamiche anche all'interno della stessa canzone. Tardito dimostra, però, un sincero rispetto per il repertorio scelto e, pur rivoltandolo, ribaltandone le coordinate sovente, non si permette di stravolgerlo, né di spingersi verso l'atonalità o il rumoristico. Il suo "trattamento" è ben circoscritto nei margini: non esce dalle righe, ma contiene lo stesso diversi livelli di elaborazione o rielaborazione.

Canzoni che, quando sono state pubblicate hanno causato un terremoto nelle acque stagnanti della musica leggera italiana, qui vengono rilette, in un certo senso intellettualizzate e private, giocoforza, dell'alone di novità e di rottura che detenevano all'epoca. Non per questo si deve pensare ad un tentativo di mettere le briglie a Celentano e al suo mondo artistico, semplicemente Tardito ha voluto rivisitare i motivi secondo la sua sensibilità e competenza, ma rispettandone la "sacralità", rendendoli individuabili anche quando "indossano la maschera". Non ha voluto scalfirne, cioè, l'aspetto di icone inossidabili, di veri evergreen, patrimonio comune ad una o più generazioni di ascoltatori e fans della penisola.

Accanto al leader, che si riserva interventi opportunamente strutturati e "saltellanti" con il clarinetto, si impone il trombone dirty, con la sua voce forte, ben caratterizzata, intinta nel blues di Giorgio Giovannini. Il trombettista Pier Giorgio Miotto, da parte sua, svolge un rimarchevole lavoro di sezione: quando esce fuori in assolo dispiega un timbro di tipo orchestrale unito ad un sapiente controllo dello strumento.
A Guido Canavese spettano momenti più quieti, autentiche oasi di calma, allorché i fiati tacciono. Il tastierista torinese ne approfitta per mettere in evidenza un pianismo meditativo, ricco di sfumature e sottintesi.
A Stefano Risso tocca la funzione di riprendere e di ricordare Charlie Mingus, o perlomeno di seguirne il mood espressivo con le dovute cautele. Il bassista si disimpegna nelle parti solistiche con personalità, rivelandosi un puntello ritmico solido per il resto, su cui possono poggiare gli altri strumenti melodici.
Il batterista Enzo Zirilli è continuamente sollecitato nei cambi di tempo e di scenario. Risponde con prontezza alle trasformazioni del clima del brano, quando è chiamato in causa, fornendo colore e sfondo adeguati.

"Jumpin'with Adriano" conferma, in sintesi, le capacità di arrangiatore e band leader di Marco Tardito, un musicista che ha delle idee e sa come tradurle in pratica. E' innegabile, fra l'altro, la sua abilità nel gestire i partner selezionati, poiché riesce a coinvolgerli nella sua maniera di intendere il jazz e la musica in generale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/09/2018

Powell to the people: The music of Bud Powell (Massimo Colombo - Maurizio Quintavalle - Enzo Zirilli)- Alceste Ayroldi

08/09/2013

London Vibes (Joe Pisto)- Francesco Favano

30/09/2012

Plays Subsonica (Barber House)- Enzo Fugaldi

27/09/2011

Lyrics (T.R.E. Tri Razional Eccentrico)- Gianni Montano

18/09/2010

Come se i pesci (Roberto Demo)- Morena Ragone

08/05/2010

The Music Of Claudio Monteverdi (Marco Tardito 'Amarilli Quartet')- Andrea Gaggero

02/05/2010

Un Fratino al Mar (Spelterini) - Alceste Ayroldi

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

25/08/2009

Viaggio (T.R.E (Tri Razional Eccentrico))- Elio Marracci

03/08/2009

Eco Fato (Quilibri') - Fabrizio Ciccarelli

06/06/2009

Essential for finest gourmet (The Original Triology )

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

16/03/2008

The Cube (The cube & Tom Harrell)

27/12/2007

Neapolis (Nico Di Battista - Enzo Zirilli)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.205 volte
Data pubblicazione: 18/08/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti