Jazzitalia - Marco Tardito Kangaroux Sextet: Jumping With Adriano
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

In occasione delll'International Jazz Day 2019, a Tricase lo Unit Six Jazz Sextet ripercorre l'hard bop con la guida all'ascolto a cura di Alceste Ayroldi..

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Marco Tardito Kangaroux Sextet
Jumping With Adriano



Silta Records (2012)

1. 24mila baci
2. Chi non lavora non fa l´amore
3. Una carezza in un pugno
4. Un bimbo sul leone
5. Il problema più importante
6. Si è spento il sole
7. Il ragazzo della Via Gluck

Marco Tardito - clarinet & arrangments
Giorgio Giovannini - trombone
Pier Giorgio Miotto - trumpet
Guido Canavese - piano
Stefano Risso - double bass
Enzo Zirilli - drums



Silta Records
email: info@siltarecords.it
web: http://www.siltarecords.it

 


Non risulta che Celentano abbia mai flirtato con il jazz. Non si possono annoverare nella sua discografia, infatti, esempi di derivazione né di apparentamento con la musica afroamericana. Marco Tardito si è dedicato, perciò, ad un progetto coraggioso e controcorrente provando a rimodellare, a riplasmare brani storici degli anni sessanta e settanta di impronta rock o beat (come si diceva allora) con un gruppo di impostazione e cultura jazzistica.


Ogni traccia ha fisionomia dissimile. Il tema o meglio il "refrain" è illustrato in apertura, a volte e poi abbandonato per un lungo tratto, fino a riaffacciarsi in conclusione con la potenza del mito, della "hit" che ha fatto epoca. In altri casi il motivo è nascosto, reso invisibile per tutta l'introduzione. Improvvisamente sbuca fuori da qualche anfratto e si espande, si dilata per connotare e ridefinire anche quanto è successo prima. Si colgono citazioni fulminanti di altre canzoni o brani noti in alcuni pezzi. In "24 mila baci" si può scoprire, ad un certo punto, una sequenza classica tratta da "Il volo del calabrone". In "Chi non lavora non fa l'amore" si inserisce, in corso d'opera, una cellula de "La notte è piccola" delle gemelle Kessler e si intravvedono il Brasile di Chico Buarque e la bossa nova. In tutto il disco trapela un'ammirazione, una passione non dichiarata per il sound delle vecchie orchestre Rai degli spettacoli del sabato sera dirette da Gianni Ferrio, Enrico Intra o Bruno Canfora, riproposte in scala ridotta con un ensemble di soli sei elementi.

E', invece, ammessa una devozione per Mingus e per il suo gruppo più famoso, quello con Eric Dolphy, dalle stesse note di copertina. Dall'estetica del grande contrabbassista discende, forse, l'idea di strutturare i brani come una successione di scatole cinesi che all'apertura riservano sorprese, in questo caso con il cambio di atmosfera, di tempi, di dinamiche anche all'interno della stessa canzone. Tardito dimostra, però, un sincero rispetto per il repertorio scelto e, pur rivoltandolo, ribaltandone le coordinate sovente, non si permette di stravolgerlo, né di spingersi verso l'atonalità o il rumoristico. Il suo "trattamento" è ben circoscritto nei margini: non esce dalle righe, ma contiene lo stesso diversi livelli di elaborazione o rielaborazione.

Canzoni che, quando sono state pubblicate hanno causato un terremoto nelle acque stagnanti della musica leggera italiana, qui vengono rilette, in un certo senso intellettualizzate e private, giocoforza, dell'alone di novità e di rottura che detenevano all'epoca. Non per questo si deve pensare ad un tentativo di mettere le briglie a Celentano e al suo mondo artistico, semplicemente Tardito ha voluto rivisitare i motivi secondo la sua sensibilità e competenza, ma rispettandone la "sacralità", rendendoli individuabili anche quando "indossano la maschera". Non ha voluto scalfirne, cioè, l'aspetto di icone inossidabili, di veri evergreen, patrimonio comune ad una o più generazioni di ascoltatori e fans della penisola.

Accanto al leader, che si riserva interventi opportunamente strutturati e "saltellanti" con il clarinetto, si impone il trombone dirty, con la sua voce forte, ben caratterizzata, intinta nel blues di Giorgio Giovannini. Il trombettista Pier Giorgio Miotto, da parte sua, svolge un rimarchevole lavoro di sezione: quando esce fuori in assolo dispiega un timbro di tipo orchestrale unito ad un sapiente controllo dello strumento.
A Guido Canavese spettano momenti più quieti, autentiche oasi di calma, allorché i fiati tacciono. Il tastierista torinese ne approfitta per mettere in evidenza un pianismo meditativo, ricco di sfumature e sottintesi.
A Stefano Risso tocca la funzione di riprendere e di ricordare Charlie Mingus, o perlomeno di seguirne il mood espressivo con le dovute cautele. Il bassista si disimpegna nelle parti solistiche con personalità, rivelandosi un puntello ritmico solido per il resto, su cui possono poggiare gli altri strumenti melodici.
Il batterista Enzo Zirilli è continuamente sollecitato nei cambi di tempo e di scenario. Risponde con prontezza alle trasformazioni del clima del brano, quando è chiamato in causa, fornendo colore e sfondo adeguati.

"Jumpin'with Adriano" conferma, in sintesi, le capacità di arrangiatore e band leader di Marco Tardito, un musicista che ha delle idee e sa come tradurle in pratica. E' innegabile, fra l'altro, la sua abilità nel gestire i partner selezionati, poiché riesce a coinvolgerli nella sua maniera di intendere il jazz e la musica in generale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/09/2018

Powell to the people: The music of Bud Powell (Massimo Colombo - Maurizio Quintavalle - Enzo Zirilli)- Alceste Ayroldi

08/09/2013

London Vibes (Joe Pisto)- Francesco Favano

30/09/2012

Plays Subsonica (Barber House)- Enzo Fugaldi

27/09/2011

Lyrics (T.R.E. Tri Razional Eccentrico)- Gianni Montano

18/09/2010

Come se i pesci (Roberto Demo)- Morena Ragone

08/05/2010

The Music Of Claudio Monteverdi (Marco Tardito 'Amarilli Quartet')- Andrea Gaggero

02/05/2010

Un Fratino al Mar (Spelterini) - Alceste Ayroldi

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

25/08/2009

Viaggio (T.R.E (Tri Razional Eccentrico))- Elio Marracci

03/08/2009

Eco Fato (Quilibri') - Fabrizio Ciccarelli

06/06/2009

Essential for finest gourmet (The Original Triology )

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

16/03/2008

The Cube (The cube & Tom Harrell)

27/12/2007

Neapolis (Nico Di Battista - Enzo Zirilli)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.061 volte
Data pubblicazione: 18/08/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti