Jazzitalia - Luca Cacucciolo: Kind Of Illusion
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(h) Records - CDH 984.2
Luca Cacucciolo
Kind Of Illusion


1. Lullaby For Sara
2. Beijing's Dream
3. Loopy Girls
4. Three Weeks
5. Fallin' Snow Dance
6. Nowhere, Nobody, Never
7. Elizauma
8. Kind Of Illusion
9. Joe's Smile

Luca Cacucciolo - piano
Mattia Magatelli - contrabbasso
Riccardo Tosi - batteria
Francesco Bearzatti - sax


Questa non può essere considerata una recensione e nemmeno un'intervista. E' una conversazione con un mio carissimo amico.

Si tratta di Luca Cacucciolo. Luca è un pianista e compositore, nato a Bari 34 anni fa. Si occupa di jazz da una quindicina d'anni, dopo una solidissima preparazione classica con il Maestro Flavio Peconio di Bari e dopo aver frequentato i corsi di Nico Marziliano e Davide Santorsola presso la Scuola "Il Pentagramma", sempre a Bari. Si specializza con Ettore Fioravanti, Enrico Pieranunzi e Franco D'andrea, frequentando i seminari di Siena Jazz. Il jazz diventa ben presto tutt'uno con la sua vita.

Conosco Luca da qualche anno, da quando si è trasferito a Milano. Ricordo il nostro primo incontro in un club dove mi ero recata ad ascoltare un "Tribute to Bill Evans", in trio. Il gruppo era composto da Ferdinando Faraò, alla batteria, Stefano Scopece al basso e per l'appunto Luca Cacucciolo al pianoforte. Conoscevo già da tempo Ferdinando e Stefano e, da appassionata che sono della musica di Bill Evans, mi ero precipitata ad ascoltarli, finita la mia lezione al "serale" di piano jazz.

Ma quella serata finì con qualcosa di totalmente imprevisto per me: la mia prima jam session, accompagnata da Ferdinando e da Stefano. E con Luca seduto di fianco a me, per farmi coraggio.

Sono momenti che, per chi vive il jazz come lo vivo io, non si scordano più. Così è nata la nostra amicizia. Ci tengo molto a raccontare questo episodio, perché da quel momento ho trovato in Luca un amico generoso che mi ha sempre incoraggiata e che mi ha anche insegnato tante cose.

E' da tempo che Luca mi parlava del suo nuovo disco "Kind of Illusion". Un lavoro che ha avuto una lunga gestazione, ma che finalmente ha visto la luce ed il risultato è stato di grande soddisfazione.



Si tratta di un lavoro realizzato con il suo trio, insieme a Mattia Magatelli al contrabbasso e Riccardo Tosi alla batteria. Special guest: Francesco Bearzatti al sax.

Il disco presenta tutti brani originali composti da Luca, eccettuato solo il primo pezzo (Lullaby for Sara), composto da Mattia Magatelli, ed una ghost track, Eu Sei Que Vou Te Amar, di Antonio Carlos Jobim e Vinícius de Moraes. Luca ama molto la musica di Jobim, ma trattandosi dell'unica cover sul proprio cd, ha preferito optare per la "ghost track".

L'idea è quella di ascoltare il cd assieme e di commentarlo, brano per brano, ma ... come vedete abbiamo anche divagato parecchio. Chiedo a Luca come fa a comporre. Mi spiega che compone solo su ispirazione, perché gli sarebbe davvero impossibile creare musica in altro modo. Per questo motivo ci vuole tempo, prima di riuscire a disporre del numero sufficiente di pezzi per creare un nuovo disco.

La seconda track (Beijing's Dream) rievoca il viaggio in Cina che Luca fece lo scorso anno. Ricordo perfettamente quando me ne parlò per la prima volta, una sera che eravamo al Leoncavallo, qui a Milano. Riprendiamo quel discorso da dove lo avevamo lasciato. Fu un viaggio strano, mi racconta Luca. Un altro mondo per davvero, totalmente diverso dal nostro, anche a causa dei grossi problemi di comunicazione incontrati… nessuno che parlasse inglese… un vero senso di smarrimento in un posto sconosciuto dove nessuno riesce a capirti né tu a capire loro…Luca mi racconta di avere composto questo brano in un momento di forte nostalgia, proprio quando si trovava a Pechino. Pensava ad una ragazza con la quale gli sarebbe piaciuto iniziare una storia, una volta tornato in Italia. Si sentiva trasportato lontano dalla malinconia, ma anche dalla suggestione di una passione ancora tutta da vivere, consapevole di trovarsi però in un posto così distante e così diverso, con quegli odori, con quei colori così insoliti. La sua musica dà proprio questa sensazione. Un totale contrasto. Ma durante questo viaggio, non ci accorgiamo di passare da una realtà all'altra. E' questo l'aspetto che maggiormente mi colpisce, ascoltando questo brano. Mi ritrovo quasi senza nemmeno pensare ad evocargli di avere provato la medesima sensazione leggendo un libro, parecchi anni fa: Il Pendolo di Foucault di Umberto Eco. Eco riusciva, attraverso la sua narrazione, a trasportare il lettore in momenti temporalmente molto distanti fra di loro, ma esattamente allo stesso modo di Beijing's Dream: senza far avvertire il "passaggio"…

Anche il pezzo che segue, Loopy girls, ha a che fare con la sfera sentimentale. Qui Luca riflette sulla propria oggettiva difficoltà nel relazionare con persone che non abbiano il suo stesso feeling. Si mette in discussione, lui per primo, ma mette in discussione anche le donne e la loro volubilità o la loro mancanza di comprensione… Chi è alla fine "quello sbagliato"? Il nostro discorso si trasforma in una serie di riflessioni fatte a voce alta. Luca si è reso conto di aver scelto la musica come propria compagna, assegnandole un ruolo che viene prima di qualunque altra cosa, anche a costo di grosse rinunce. Tuttavia, a differenza di altri artisti che ho conosciuto e che si pongono al centro del proprio universo, Luca si considera (forse anche troppo) responsabile delle situazioni che ha vissuto, e si pone continui perché.

Il brano successivo "Three Weeks" segue lo stesso filo conduttore. Tre settimane per chiedersi se è possibile diventare "normali", uguali a tutte le altre persone… Tre settimane per arrivare alla consapevolezza di come si è fatti dentro. Dalle sue parole e dalle considerazioni severe che fa, emerge chiaramente che Luca talvolta giudichi la propria sensibilità artistica come una mancanza, anziché una dote….

Il quinto brano "Fallin' Snow Dance" è una ballad dalla struttura armonica alquanto complessa. La ascoltiamo attentamente e ci riconcentriamo sulla musica. Ma di nuovo, come in ogni conversazione spontanea, gli argomenti mutano rapidamente, compaiono e scompaiono senza che ce ne rendiamo neanche conto. La musica è certamente il filo conduttore, ma nel caso di Luca la musica è anche la sua vita e ci troviamo quindi a parlare di lui da bambino e di suo padre, grande appassionato di jazz. Fu proprio grazie a lui che Luca iniziò ad interessarsi seriamente alla musica, all'età di 12 anni. Poi un flash: il racconto di un'emozione unica, incredibile, che Luca provò all'età di 17 anni, quando assistette ad un concerto dal vivo di Miles Davis.

Di nuovo riprendiamo a parlare delle composizioni presenti su questo cd. I temi sono semplici, minimalisti, orecchiabili. Quasi mi sento in colpa nel pronunciare questo aggettivo, "orecchiabile", riferito alle sue melodie. Perché mi pare di sminuirne la bellezza. Invece Luca lo apprezza. Anzi, lo trova calzante. Mi dice che gli fa piacere quando magari qualcuno, dopo aver ascoltato qualche suo pezzo, sia subito nella condizione di canticchiarlo. Personalmente, trovo che la semplicità nel comporre una linea melodica sia un grande pregio. Pochi sanno comporre così. Sono pennellate che descrivono emozioni, sensazioni, ricordi in maniera nitida e riconoscibile.

Siamo già arrivati al settimo brano, "Elizauma", una bossa, un altro pezzo assai complesso armonicamente. Luca mi conferma di amare molto la bossanova.

Il brano che segue è un suo tributo a John Coltrane, il jazzista che per Luca rappresenta il massimo punto di riferimento. Ci sono due dischi, mi confessa Luca, che a suo avviso sono le opere più grandi di tutta la storia del jazz: A Love Supreme, di John Coltrane e You Must Believe in Spring, di Bill Evans. Due opere diversissime. Due opere fondamentali. La prima è intrisa di energia e spiritualità, un'opera che proietta "verso il cielo", verso il sublime. La seconda invece un'opera tormentata, dalla quale emerge tutta la fragilità dell'essere umano, un'opera terrena, impregnata di malinconia e di grandissimo dolore. Anche qui vi è un enorme contrasto: fede e speranza da una parte, disperazione e vuoto dall'altra. Sentimenti totalmente contrapposti che tuttavia caratterizzano l'essere umano con tutte le sue contraddizioni. E Luca è molto sensibile in entrambe le direzioni. E' attratto da entrambi questi poli, paradiso e inferno, in un certo senso. 

Divago. Domando a Luca cosa ne pensi del free jazz, un linguaggio che a me pare molto lontano dal suo mondo. Luca mi conferma di non "sentirlo". Si considera un musicista mediterraneo, melodico, sebbene talvolta sappia creare anche delle sonorità più acide e "cattive". Mi fa capire comunque che, proprio per le caratteristiche difficilmente inquadrabili di questo genere musicale, risulti molto arduo distinguere (nel panorama contemporaneo ed europeo) artisti mossi da un'ispirazione profonda ed onesta (sia pure totalmente distanti dal circoscritto fenomeno del free jazz nero delle origini), da altri musicisti che forse hanno adottato questa strada solo come "atteggiamento" (se non addirittura come paravento dietro cui celare qualche lacuna…).

Ma ecco l'ultima track del cd: il nono brano, Joe's Smile, che si fonde con la ghost track. "Joe's smile" … è il sorriso di Giuseppe, un allievo di Luca. Giuseppe è un ragazzo tetraplegico, in grado di muovere solo due dita. Luca ha inventato un modo "diverso" per insegnargli la musica ed è stato ripagato proprio dal suo sorriso, il giorno che Giuseppe è riuscito a fare due note.

Ed ecco la ghost track: Eu Sei Que Vou Te Amar. Tra le varie versioni esistenti del pezzo di Jobim/De Moraes, quella che ha particolarmente ispirato Luca si trova sull'album "Lagrimas Negras" realizzato da Bebo Valdes con il cantante flamenco Diego el Cigala. Si tratta di una versione in spagnolo, eseguita in trio. E' un pezzo che gli piace molto, pur essendo completamente fuori contesto, rispetto a tutti gli altri brani del suo cd.

Quante cose che ci siamo raccontati. Ora domando a Luca di parlarmi delle sue svariate esperienze musicali e delle diverse formazioni in cui suona, anche se alcune di esse mi sono già familiari:

Per primo, il "Luca Cacucciolo Trio", con Mattia Magatelli e Riccardo Tosi, più Francesco Bearzatti come special guest.

Quindi la big band "Avant Orchestra", diretta da Marco Fior, trombettista. Luca aveva sempre suonato in contesti più piccoli. Iniziare a suonare in una big band, simile alle grandi orchestre di Duke Ellington o di Count Basie, per lui è stata una grandissima emozione ed è stata l'opportunità di sperimentare un approccio alla musica completamente diverso. Ormai sono circa tre anni che Luca è entrato nella Avant Orchestra.

Luca si considera un musicista creativo. Mi spiega che in una big band invece ti accorgi di essere "al servizio della band" stessa e capisci che devi lasciare maggiore spazio alla creatività di tutti.

Una recente collaborazione che ha riscosso un grande successo lo scorso mese di novembre è stata proprio la serie di concerti tenuti dalla grande cantante Mary Setrakian, qui a Milano, accompagnata per l'appunto dalla Avant Orchestra.

Sempre in tema di canto, Luca è considerato un ottimo accompagnatore al pianoforte. Lo dice con semplicità, senza apparire immodesto. Ma la riprova di questa sua abilità sono le sue svariate collaborazioni con bravissime cantanti. Una fra tutte, Monica Della Vedova.

Tornando alle formazioni strumentali, abbiamo il quintetto "Europe Connection", con Luca Cacucciolo al piano, Gaetano Partipilo al sax, Yuri Goloubev al basso, Gianlivio Liberti alla batteria e Alberto Parmegiani alla chitarra. Con questa formazione uscirà presto un nuovo cd, ormai pronto per essere pubblicato.

Un altro trio classico, l' "Interplay Trio", un tributo a Bill Evans, di cui vi accennavo all'inizio, insieme al batterista Ferdinando Faraò e al bassista Stefano Scopece.

Un quartetto, "New Feel Quartet", con Francesco Bianchi al sax (Francesco milita da diversi anni anche nella Avant Orchestra), Mattia Magatelli al basso e Michele Salgarello alla batteria.

Ma bisogna anche aggiungere alcuni gruppi funky o di latin jazz, due generi che Luca ama molto.

Si è fatto sera. E' inverno e il buio è arrivato in fretta. Luca si congeda (rimandando per l'ennesima volta una spaghettata che gli ho proposto da almeno un paio d'anni). Capiterà sicuramente un'altra occasione. Mi dice di avere incastrato tutta una serie di impegni, per questa serata, una delle poche, rarissime sere libere che, nella sua vita totalmente dedicata alla musica, può riservare ai rapporti interpersonali, agli amici, alle ragazze.

Lo capisco e per questo non insisto.

Mentre attende l'ascensore, Luca mi parla ancora di musica, di Brad Mehldau. … Ci tiene a dirmi che questo artista è uno dei suoi preferiti. Lo considera un mito in trio, ma lo trova grandissimo anche come sideman in varie formazioni (mi cita ad esempio il quintetto di Kurt Rosenwinkel e l'album "Deep Song", un disco che, a suo avviso, è un capolavoro). Me lo dice entrando in ascensore…

Ci salutiamo con un abbraccio affettuoso.

E' la tua serata di libertà, ciao Luca. Divertiti.

Rossella Del Grande per Jazzitalia







Articoli correlati:
18/03/2018

Thinking Beats Where Mind Dies (Danilo Gallo Dark Dry Tears)- Enzo Fugaldi

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

21/09/2017

Rumori Mediterranei XXXVII Edizione: "Lo storico festival del meridione italiano è arrivato alla XXXVII edizione, dopo alcuni anni di incertezze e di svolte, inaugurando un nuovo corso organizzativo." (Vincenzo Fugaldi)

08/01/2017

Why Not? (Lanfranco Malaguti)- Gianni Montano

08/01/2017

Il mondo che verrà (Raffaello Pareti "The Roar at the Door")- Gianni Montano

04/06/2016

Solo (Carmine Ioanna)- Gianni Montano

26/10/2015

Sixth Sense (Roberto Gatto Quartet: A. Cohen, F. Bearzatti, D. Weiss))- Gianni Montano

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

05/07/2015

Live In France (Francesco Bearzatti & The Bears feat. Eric Surmenian and Manu Roche)- Enzo Fugaldi

11/05/2015

Ore Blu (Francesco Aroni Vigone Trio)- Laura Scoteroni

11/05/2015

Stella By Starlight (The Splay Trio)- Laura Scoteroni

05/01/2015

Elements (Seven Steps Quintet)- Gianni Montano

26/10/2014

The Beat Goes On (Elisabetta Antonini)- Alceste Ayroldi

28/09/2014

Ankara Live (Odwalla)- Alessandra Monaco

06/07/2014

Walter Beltrami Kernel Panic: "...un concerto energico e travolgente. Un quintetto di forte personalità individuali e con un collettivo animo rock, sperimentale e audace." (Valeria Loprieno)

25/05/2014

Imagine (Martux_m Crew)- Alessandra Monaco

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

16/03/2014

Roberto Gatto Special Quartet: "Gatto, Cohen, Bearzatti, Weiss: una performance che è stata costellata da preziose perle musicali, da fraseggi intensi e improvvisazioni originali." (Valeria Loprieno)

23/12/2013

Danza Pagana (Massimo Barbiero - Claudio Cojaniz)- Marco Buttafuoco

22/09/2013

Varandas Do Chiado (Massimo Cavalli)- Francesco Favano

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

09/06/2013

Monk'n'nroll (Francesco Bearzatti Tinissima 4et)- Marco Losavio

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

07/10/2012

Postural Vertigo Quintet: "Bravura, tecnica, rapidità di pensiero e un ardimentoso senso improvvisativo per una musica che sgorga sincera, genuina e che trova uno sviluppo armoniosamente perfetto." (Giovanni Greto)

15/07/2012

Cromosoma Alfa (Otello Savoia Dispair 5et)- Vincenzo Fugaldi

24/06/2012

Mo' Avast Band (Mauro Gargano)- Gianni Montano

18/03/2012

Miracolo Live (Phenomenalias)- Enzo Fugaldi

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

16/01/2012

The Roar At The Door (Raffaello Pareti)- Alessandro Carabelli

13/01/2012

Around Ornette (Giovanni Falzone Quintet) - Alceste Ayroldi

18/12/2011

Intervista con Giovanni Falzone: "Oggigiorno mi capita spesso di sentire molte cose che mi fanno pensare che ci sia la tendenza a far diventare il jazz un po' musica di maniera, e c'è poca autenticità sia nei gesti, sia nel preparare un progetto, sia nel suono delle cose che si sentono in giro." (Eva Simontacchi)

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

23/01/2011

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet. All'Auditorium Parco della Musica, un'esperienza dal vivo con "X (Suite for Malcolm)". "Una performance caratterizzata da grande libertà espressiva, come è nello stile del quartetto di Berzatti e dalla notevole varietà delle composizioni e delle atmosfere, legate da un filo conduttore ma non strettamente interdipendenti. Emerge in maniera efficace il messaggio di libertà e dignità portato avanti dal leader afroamericano." (Laura Mancini)

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

23/10/2010

X (Suite for Malcolm) (Francesco Bearzatti Tinissima 4et feat. Napoleon Maddox)- Gianni B. Montano

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

31/07/2010

Double Face (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

31/07/2010

Visionary (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

25/07/2010

Beat Spirit (Claudio Cojaniz – Francesco Bearzatti)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

07/03/2010

Tamed (Antonio Flinta Trio & Quartet) - Alceste Ayroldi

14/11/2009

Racconti all'anice - Frammenti di Jazz: "Questo spettacolo è capace di commuovervi. E' capace di farvi provare la disperazione ed il dolore. Ma anche di farvi divertire e di farvi capire l'assoluta pienezza della vita di chi poté respirare unicamente "il jazz", quello vero, in un periodo ed in una dimensione che oggi ci sembrano far parte del mito." (Rossella del Grande)

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

05/09/2009

Timoka (Walter Beltrami) - Marco Losavio

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

18/01/2009

The Birth (Sandro Fazio), Incipit (Giuseppe Finocchiaro), Geometrie Semplici (Fabrizio Mandolini)

13/08/2008

Clusone Jazz Festival: "La ventottesima edizione del festival ha avuto come sempre la sua conclusione con una tre giorni finale ambientata a Clusone e dintorni. Un festival che presta attenzione nei confronti delle nuove tendenze e dei giovani musicisti." (Roberto dell'Ava)

22/07/2008

Suite For Tina Modotti (Francesco Bearzatti Tinissima Quartet)

16/03/2008

Way Out (Europe Connection)

21/10/2007

Love for sale (Luca Flores)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

18/08/2007

Vik and The Doctors of Jive al Blue Note: "L'interpretazione dei vari brani da parte di Vik è dinamica e ricca a livello coreografico. Partecipano alle gag anche i fiati. Vik recita mentre canta, utilizzando una pronuncia in puro stile "broccolino"..." (Eva Simontacchi)

28/06/2007

Nuova gallery con le foto di Marco D'Amico.

11/03/2007

I Colori del Mare (Daniela Schächter)

03/02/2007

Mary Setrakian con la Avant Orchestra, quando Broadway incontra il Jazz in Italia: "Arriva cantando, senza microfono, ma perfettamente udibile, e si avvia verso il palcoscenico per raggiungere l'Orchestra lungo il corridoio centrale tra le poltroncine del Teatro delle Erbe. Carica di energia e positività, la sua comparsa è elettrizzante." (Eva Simontacchi)

03/02/2007

Intervista a Mary Setrakian: "...lavoro sul "bisogno". Il "bisogno" è qualcosa che si ha da piccoli, da bambini. Il bisogno di essere amati, il bisogno di essere visti, il bisogno di essere ascoltati, il bisogno di essere qualcuno. Ci sono molti tipi di bisogno diversi, e l'attore si deve collegare alla sensazione di bisogno e deve cantare e parlare attraverso quella sensazione..." (Eva Simontacchi)

28/01/2007

Stolen Days (Francesco Bearzatti Sax Pistols)

28/01/2007

Circle (Michelangelo Decorato Trio)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

19/12/2006

Ampio Respiro (Daniela Panetta, Sandro Cerino)

20/11/2006

Ecologic Island (Mauro Ottolini)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

01/09/2006

Il Bizart Trio a Bari in Jazz: "Elevati livelli di fluidità e coesione, impianti ritmici che vanno oltre la tradizione, sapientemente disegnati da Aldo Romano che ha mantenuto costantemente il drumming su quote di alta raffinatezza e poesia." (Alceste Ayroldi)

09/08/2006

Chante (Aldo Romano)

01/06/2006

Blue Berceuse (Ico Manno)

30/05/2006

Adoration (Chat Noir)

13/05/2006

Indigo4 (Gianluca Petrella)

07/05/2006

Ostinato (Paolo Di Sabatino Ark Trio)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

02/05/2006

On Tour - Live 2004 (Actis Band)

31/03/2006

Ancora Sogni (Mario Piacentini Trio)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

28/01/2006

Left Hand... Right Hand (Sabino Fino)

01/01/2006

Liricordo (Renato Strukelj )

10/12/2005

Night Funk (Tommaso Genovesi Quartet)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

30/09/2005

Intervista a Francesco Bearzatti: "...io sono rockettaro d'animo. Ho trascorso la mia infanzia nella provincia friulana, dove con i coetanei ascoltavamo Led Zeppelin, i Deep Purple, poi è arrivato il punk, Ramone, Sex Pistols, eccetera..." (Antonio Terzo)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

10/07/2005

Dialogs, mostra di grandi tele di Arturo Carmassi - featuring Francesco Bearzatti, Marco Tamburini e Achille Succi: "...Un viaggio - anzi tre - attraverso le "grandi tele" che il maestro toscano ha realizzato dagli anni '90 ad oggi, nella sua ricerca incessante verso le possibilità espressive del segno e della creazione..." (A. Terzo, F. Albanese)

01/07/2005

Innovazione e tradizione a Terniinjazz 2005 con i "Sax Pistols" di Francesco Bearzatti "...Un progetto che riesce ad applicare la migliore improvvisazione di matrice jazz ad un repertorio rock moderno..." e il piano di Abdullah Ibrahim: "...Superba, nondimeno, la performance, il cui finale a note sospese merita il sentito applauso dei presenti." (Antonio Terzo)

07/05/2005

Francesco Bearzatti e il suo Bizart Trio insieme a Enrico Rava: "...La musica del quartetto è una musica larga, che respira, fatta anche di pause, di spazi aperti…ma soprattutto è una musica dove trovano posto senza sopraffarsi a vicenda, anzi, arricchendosi reciprocamente in un'autentica contaminazione..." (Vito Mancino)

06/12/2004

Hope (Bizart Trio)

31/10/2003

Chiaroscuro (Pierpaolo Manca - Claudio Kettmeier)

21/09/2003

A Gezziamoci 2003 di scena il Bizart Trio con la sua 'musica non convenzionale': "Francesco Bearzatti, Emmanuel Bex ed Aldo Romano intraprendono il "loro" viaggio all'interno della "loro" musica, definita da essi stessi poco convenzionale, proprio come il nome dato al trio..." (Dino Plasmati)

12/04/2003

Virus (Francesco Bearzatti Trio)





Video:
Promo Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 26/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 2678
Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 17/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 2929
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)...
inserito il 21/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 2571
TINISSIMA_JAM | Terni in Jazz Season 19 Dicembre 2009
Francesco Bearzatti, Giovanni Falzone, Zeno De Rossi, accompagnati al piano eccezionalmente da Alessandro Bravo...
inserito il 20/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 2765
Francesco Bearzatti - Tinissima quartet - 15 0ct 2009 008 -
jazz sur son 31 Toulouse - le quartet de francesco Bearzatti , un super bout d'Italie !...
inserito il 15/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 2386
16 0ct 2009 006 - Francesco Bearzatti "Tinissima quartet"
festival " jazz sur son 31 " à Toulouse - automne club jeudi 15 oct : Francesco Bearzatti " Tinissima quartet " avec Giovan...
inserito il 14/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 2704
Anfiteatro Fausto (Terni)
Sabato 28 - Kenny Werner QuartetDegustazione di Vini: AmaroneDomenica 29 - Francesco Bearzatti Tinissima QuartetDegustazione di Vini: Barolo e Barbare...
inserito il 02/12/2008  da ACUbure - visualizzazioni: 3207
RDV de l'Erdre 2008
Francesco Bearzatti Tinissima Quartet au festival de jazz les Rendez-vous de l'Erdre 2008 à Nantes....
inserito il 27/09/2008  da Lowest0ne - visualizzazioni: 2793


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.571 volte
Data pubblicazione: 23/04/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti