Jazzitalia - Dede Priest: Kinky At The Root
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Dede Priest
Kinky At The Root



Creeping Fig Records (2011)

1. Lips Of A Friend
2. Chicken On The Eggs
3. Kinky At The Root
4. What Would I Do
5. I Got It
6. Freddie King Way Down Deep
7. Purple & Satin
8. Dandelion In The Breeze
9. Whole Christmas Thing
10. Blues Gipsy
11. Cather Round
12. Freedom Moan
13. Blues Is Running Red
14. Gotta Die To Go To Heaven
15. Judgment Day Bells

Dede Priest - voce
Richard Van Bergen - chitarre (2,4,5,10,13,14,15
Raymond Nijenhuis - chitarre (1,3,7,8,9,11,12)
Jimmy Reiter - chitarre (2,6)
Goyert Van Der Kolm - tastiere (3,4,5,6,8,10,14)
Mike Roelofs - tastiere (1, 7,9,11,12)
Ruud Breuls - tromba (2)
Gait Klein Kromhof - armonica (15)
Roelof Klijn - basso (2,4,5,6,8,10,14)
Jasper Mortier - basso (3)
Jody Van Ooijen - batteria (3,4,5,8,10,14)
Jj Goossens - batteria (2,6)
Erik Spanjers - percussioni (3,5)


Una voce di velluto tagliente. Dede Priest, texana di Dallas, ma con un piede in Europa, ha la straordinaria capacità di addomesticare le note più acri, pur tenendo alta la tensione. La sua voce sa accarezzare ed al contempo graffiare le orecchie, senza fare sconti o cadere nell'imitazione del passato. Una laurea in filosofia nel cassetto ed un grande amore per la musica, hanno spinto la vocalist e compositrice afroamericana verso le ancestrali alchimie del Blues, con un occhio rivolto alla black music: dal jazz al gospel, dal soul all' R & B. Non è nelle sue corde rinchiudersi in stereotipi, forse anche per l'insegnamento della madre che l'ha sempre spinta verso l'esplorazione della vita. Le sue radici, quelle alle quali è "aggrovigliata"(è il senso del termine Kinky), sono nelle mani di Madre Africa, in tutte le sue declinazioni musicali. Dede Priest comunica con naturalezza il suo modo di essere, di pensare. E lo fa attraverso ritmi e strutture differenti, costruendo cantieri nuovi attorno ad edifici antichi. Chiare tinte jazz in Chicken On The Eggs, dove la Priest mette in mostra subito l'ottimo controllo delle dinamiche vocali; episodio che si ripete in Whole Christmas Thing, luminoso brano con ampi e piacevoli echi di jazz della prim'ora. Un incalzante groove, danzante e soulful marchia la title-track e I Got It. Ma la vera essenza più blues, quella da Delta del Mississippi si libera in Gather Round, Freedom Moan e Blues Is Running Red: tutte drumless ed incentrate sul trinomio voce-tastiere/organo-chitarra. Viene fuori tutta la conoscenza della tradizione da parte della cantante texana che, con garbo, riscrive di proprio pugno il pentagramma classico del blues. Non vi sono standard, perché i quindici brani sono tutti originali e firmati dalla Priest (spesso in condominio con altri e con alcuni dei tanti musicisti impegnati); un segno indelebile, personale anche nelle forme più classiche, come il bel blues rurale che chiosa il lavoro: Judgment Day Bells.

Un gran numero di musicisti (perlopiù olandesi), si diceva, tutti all'altezza e che hanno contribuito con il loro fardello d'esperienze a rendere Kinky At The Roots un disco eccellente, che suona bene la trasformazione che blues e jazz hanno subito e subiscono, inevitabilmente e, a parere di chi scrive, per fortuna.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/12/2010

Swingin' in the Swamp (Ron Van Stratum)- Sergio Raffiotta

08/08/2010

Dede Priest a Donne Jazz in Blues di Bertinoro: "Dede Priest sprigiona gioia, ritmo, elasticità dinamica, autoritaria quanto basta ed elegante nei cenni più soul. E' sempre appassionata e, di tanto, il pubblico se ne accorge tributandole un lungo e caloroso abbraccio." (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.273 volte
Data pubblicazione: 22/10/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti