Jazzitalia - Recensioni - Giancarlo Tossani & Big Monitors: Knots And Notes
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Giancarlo Tossani & Big Monitors
Knots And Notes



AUAND (2021)

1. Slipped
2. In Order To Survive
3. Binding
4. Hunk Pappa Blues Junk Meal
5. Dream Flag
6. Sennit
7. Old Tears Fall Down
8. Lashing
9. Autumn Leaves Vermeer
10. Mr Reeve
11. Whipping
12. ONeals Porch
13. Hitch

Tobia Bondesan - alto sax
Gabriele Mitelli - pocket trumpet, alto flugelhorn, synths
Giancarlo Tossani - piano, wurlitzer, virtual synths
Michele Bondesan - double bass
Andrea Grillini - drums

feat.Amanda Noelia Roberts - voice (07, 09), lyrics (09)


Debutta con il cd "Knots and Notes" la nuova formazione di Giancarlo Tossani "Big Monitors", costituita da strumentisti di generazioni differenti, uniti in un progetto incentrato sulla musica di William Parker. I pezzi originali, principalmente del band-leader, però, si alternano nel disco alle composizioni del contrabbassista afro-americano e fanno da intercapedine virtuosa fra un brano e l'altro, derivati dal songbook parkeriano. La musica dell'album racchiude, in tutto e per tutto, le stimmate del mondo espressivo di William Parker, personaggio dalla visione estetica apertissima, dal jazz alla musica contemporanea, con un background che affonda le sue radici sul versante etnico. Così si possono riconoscere lo spirito del blues, profondo e terrigno, nel mood complessivo dell'album, i procedimenti tipici del free con il vociferare contrastato, irsuto, fra tromba e sassofono, il retrogusto popolare, nelle melodie semplici e iterate che si affacciano dopo introduzioni informali, in via di definizione, di passaggio in passaggio. Sì, perché, solitamente, ad un inizio astratto, privo di un polo di attrazione, si avvicendano un ritmo, una forma distinta, a cui tutti contribuiscono a concedere carattere e risalto.
 
Ancora una volta, poi, Giancarlo Tossani ha visto giusto nella scelta dei suoi partners. Il sassofonista Tobia Bondesan e il trombettista Giancarlo Mitelli sono dotati di un linguaggio articolato fra tradizione e avanguardia, libero da qualsiasi tipo di remora o di laccio, allo stesso tempo in continuità con la lezione dei maestri del jazz, soprattutto con la scena di Chicago, vicino, cioè, alle peculiarità idiomatiche dei maestri dell' AACM. La batteria di Andrea Grillini, per contro, opera in modalità assolo-permanente, disseminando colpi sparpagliati ad arte negli incipit, dando sfogo ad una energia svincolata da obblighi di accompagnamento in certe sequenze, o marcando il tempo, quando tutti eseguono i temi regolarmente, seguendo, cioè, un'idea melodica e lavorandoci attorno senza digressioni estemporanee.

Michele Bondesan, impegnato al contrabbasso, lo strumento principale di William Parker, assolve al suo compito garantendo un supporto flessibile e solido. Il giovane Bondesan dimostra di non avere soverchi timori, cioè, per il confronto con il gigante.
E' veramente sorprendente, inoltre, l'apporto, in due brani, della vocalist Amanda Roberts, che canta strascinando i versi con un pathos affiorante a pelo d'acqua e con eguale incisività si adopera nella modulazione delle parole nei recitativi. Una vera scoperta! Il pianoforte di Tossani, da parte sua, annuncia gli spunti motivici e regge l'intera impalcatura del quintetto (più una ospite) fungendo da regista delle operazioni. Il sintetizzatore del leader, infine, punteggia i momenti meno strutturati dell'opera, realizzando effetti elettronici (in)congruenti con il timbro della band.

Giancarlo Tossani, dopo le brillanti imprese con "Synapser" e un capitolo in solitaria, viene fuori con un disco di pregio similare, omaggiando a modo suo la figura di William Parker, evitando una pura riproposizione filologica, per entrare dentro quelle partiture e scoprire quanto possano le medesime offrire stimoli per crescere individualmente come musicisti e globalmente come gruppo.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/08/2018

Scilla Jazz Festival: "Una formula semplice ma vincente, quella prescelta dal giovanissimo festival calabrese: un luogo suggestivo ove tenere i concerti, l'attenzione per il jazz di qualità e l'entusiasmo contagioso del direttore artistico." (Vincenzo Fugaldi)

27/11/2016

Multikulti Cherry On (Cristiano Calcagnile)- Enzo Fugaldi

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

09/11/2014

Hymnus Ad Nocturnum (Gabriele Mitelli)- Gianni Montano

08/09/2013

Enter (Bad Uok)- Enzo Fugaldi

28/01/2007

Coherent deformation (Giancarlo Tossani Synapser)

22/01/2005

Beauty Is a Rare Thing (Giancarlo Tossani Synapser)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 243 volte
Data pubblicazione: 04/09/2021

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti