Jazzitalia - Duke Ellington: La musica è la mia Signora
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Duke Ellington

La musica è la mia Signora
Prefazione di Franco Fayenz
Minimum Fax 2007
www.minimumfax.it
Pag 462 – prezzo di copertina 17 Euro.

La autobiografie sono, quasi per definizione, un genere letterario suggestivo ma insidioso, affascinante ma anche spesso inattendibile. E' che il punto di vista del narratore, che peraltro domina qualsiasi ricostruzione storica, nelle opere di memorialistica tende a debordare ed a deformare la realtà. Soprattutto quando l'autore è un protagonista assoluto come Duke Ellington e scrive le sue memorie senza collaborazione di uno scrittore professionista, che faccia da mediatore, che incanali la narrazione ed inquadri le vicende personali in un epoca.

I
n effetti chi volesse avvicinarsi al jazz attraverso la lettura di questo libro potrebbe essere portato a pensare che la vicenda storica di questa musica ruoti esclusivamente intorno alla figura di Duke ed alla vicenda della sua orchestra.

Basti leggere i capitoli intitolati "i personaggi del dramma" che scandiscono quasi ritmicamente la narrazione. L' appassionato si aspetterebbe di trovarvi una miniera, se non di spunti e di riflessione critica, di storie e di aneddoti. Invece le figure sono spesso tratteggiate in maniera un po' vacua e poco interessante. Così, ad esempio, le poche pagine dedicate a Coleman Hawkins come "personaggio del dramma" si riducono ad una scombinata storia di ricerca di partiture di standard jazzistici per il re della Thailandia.

Altro esempio. Mingus viene citato solo per le innocue bizze nella storica incisione di "Fleurette Africaine" in trio con Duke stesso e Max Roach, e non ad esempio per la breve militanza del bassista nell'orchestra dello stesso Duca e il memorabile litigio con Juan Tizol.

E' che Ellington tende a dare di sé, della sua orchestra, della sua vita, del mondo che lo circonda, un-idea positiva e rassicurante, Le tensioni razziali come i drammi personali dei grandi musicisti afroamericani vengono relegati su uno sfondo lontano, in una prospettiva offuscata. Il mondo di Ellington è positivo e tende ad avviarsi alla perfezione. Senza tensioni o dolori.

Quella che Duke racconta è la storia di un uomo di immenso successo, consapevole del suo genio e del suo talento e della sua popolarità, che dalla vita ha avuto tutto e non ha voglia di tracciare bilanci critici.

Detto questo, e la bella prefazione di Franco Fayenz mette in luce a perfezione le contraddizioni del personaggio Ellington, il libro è del tutto imperdibile: per svariati motivi.

Il primo è del tutto ovvio. Non si ha conoscenza della musica afro-americana senza quella di Ellington ed il punto di vista del Duca è assolutamente sempre imprescindibile.

Il secondo è che l'opera contiene sì lungaggini e narrazioni inessenziali (la prima edizione italiana fu notevolmente rimaneggiata forse proprio per questo) ma anche momenti di altissima poesia e di grande interesse storico. I ricordi dei grandi musicisti dell'orchestra (Strayhorn, Hodges, Carney in primis) sono improntati a sincera commozione e grande delicatezza. Certe pagine sul valore della musica sono indimenticabili. Come davvero suggestiva è la rievocazione della giovinezza di Duke dominata dalle figure –nume di pianisti come Willie "The Lion Smith" e James P.Johnson. In queste parti del libro il genio di Washington riesce spesso a riportare sulla carta la magia della sua musica. Altrove come nei diari di viaggio, peraltro a volte un po' futili, si colgono, come rapide foto o pennellate (Duke fu anche pittore), immagini davvero nette e belle dei luoghi visitati.

E poi i giudizi sulla sua arte ("diventai compositore perché non avevo sufficiente talento per suonare la musica di altri..."), sui rapporti fra musica e questione razziale ("in teatro è meglio dire e non dire"), sul Bop. Ed ancora il suo ritenere la parola ed il concetto stesso di jazz superati, la storia della nascita di tanti capolavori, lo splendido capitolo intitolato "Menestrello di strada" che precede la lunga autointervista finale. Un libro diseguale, ma pur sempre il libro di colui che della musica che amiamo fu l'interprete più grande. E, come giustamente ripete Fayenz, di uno dei maggiori artisti del '900.
Marco Buttafuoco per Jazzitalia






Articoli correlati:
28/12/2014

Fabrizio Bosso Quartet & Paolo Silvestri Ensemble - Swinging Duke: "Se l'obiettivo era mandare in visibilio il pubblico, ecco che la combinazione dei tre elementi ha assolutamente raggiunto il suo scopo." (Nina Molica Franco)

01/12/2013

Quattro chiacchiere con...Luca Bragalini: "...gli standard appartengono tanto al passato quanto al presente e molto probabilmente rimarranno al loro posto anche nel futuro." (Alceste Ayroldi)

28/02/2010

LEZIONI (chitarra): Terzo arrangiamento di un brano di Ellington: I Never Felt This Way Before (Mario Scottini)

28/02/2010

LEZIONI (chitarra): Quarto arrangiamento di un brano di Ellington: Don't Get Around Much Anymore (Mario Scottini)

23/01/2010

Happy Birthday Django! 23 gennaio 2010: centenario della nascita di Django Reinhardt, il più grande e innovativo chitarrista jazz di tutti i tempi: "Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare - Django" (M. Losavio).

15/11/2009

LEZIONI (chitarra): 10 brani di Duke Ellington in Chord Melody: Boy meets Horn (Mario Scottini)

24/09/2009

LEZIONI (chitarra): 10 brani di Duke Ellington in Chord Melody: Day Dream (Mario Scottini)

02/11/2008

Intermission Riff (Claudio Cojaniz)

18/10/2008

Adorno e il Jazz: "Scorrendo le considerazioni che Theodor W. Adorno ha dedicato alla musica jazz, non si può fare a meno di registrare un'avversione profonda, feroce e, spesso, fondata su imperdonabili pregiudizi. Nei saggi esplicitamente dedicati a questo fenomeno musicale, scopriamo che il filosofo tedesco considerava il jazz in maniera del tutto sprezzante, come una «musica da negri», una componente di quel processo generale di imbarbarimento in cui dovevano essere inscritte anche le forme di regressione dell'ascolto." (Giuseppe Rubinetti)

10/04/2008

Tribute To Duke Ellington - In The Time Forever (The Sax Four Fires Special guest Bob Mintzer)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

27/04/2007

Le Opere in Digital Art di Bruno Pollacci sui grandi del Jazz.

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

23/01/2005

Bagno di folla al Teatro Nuovo di Salerno per la Big Band Swingtime, diretta da Antonio Florio, protagonista del concerto in occasione del trentennale della scomparsa del genio statunitense Duke Ellington.





Video:
Jo Jones, a magician on drums, in Caravan
Jo Jones is one of the greatest drummer in the history of Jazz. Most inventive, he frequently improvises the most unpredictable and bold breaks with a...
inserito il 30/12/2011  da - visualizzazioni: 3729
Duke Ellington & His Orchestra - Satin Doll
In the early 1960s five jazz films were commissioned by a corporate sponsor -- one of which featured the Duke Ellington Orchestra.This piece includes ...
inserito il 13/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 2550
Duke Ellington: Take The "A" Train
Duke Ellington: Take The "A" Train...
inserito il 15/06/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2641
A Dukeish Blues
Guitarist Russell Malone sits in with the Billy Taylor Trio (Dr. Billy Taylor, piano; Chip Jackson, bass; Winard Harper, drums)...
inserito il 23/05/2008  da ToucheTurtle - visualizzazioni: 2637
Duke Ellington - Perdido (1964)
UK TV concert -featured Paul Gonsalves...
inserito il 25/01/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2316
Duke Ellington - It don't mean a thing (1943)
Duke Ellington and his orchestra playing this awesome tune in 1943., , "It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing)" is a 1931 compos...
inserito il 03/01/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 2115
Oscar Peterson: Caravan (Duke Ellington) 1986
Oscar Peterson: Caravan (Duke Ellington) 1986 Il nous a quitté le 26 Decembre 2007...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2061
Oscar Peterson: Take the "A" Train (Duke Ellington)
Oscar Peterson: Take the "A" Train (Duke Ellington)...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2403
OSCAR PETERSON : LUSH LIFE ( Billy Strayhorn-Duke Ellington)
Lush Life Concert Bern 1986 Oscar Peterson Trio...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2523
Duke Ellington - C Jam Blues (1942)
A 1942 recording of C Jam Blues beformed by Duke Ellington and a collection of other Jazz giants in a famous recording called "Jam Session"....
inserito il 07/09/2007  da RCO64 - visualizzazioni: 2340
Charles Mingus Sextet featuring Eric Dolphy Take The A Train
Take The A Train, tune of Billy Strayhorn interpreted by Mingus Sextet in Oslo., Charles Mingus Double Bass, Eric Dolphy Bass Clarinet, Dannie Richmon...
inserito il 01/09/2007  da 27max - visualizzazioni: 2476
Duke Ellington - Flamingo
Duke Ellington Orchestra with Herb Jeffries on vocals...
inserito il 27/10/2006  da janklompstra - visualizzazioni: 2141


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.676 volte
Data pubblicazione: 23/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti