Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Warner Bros. Records - 13 agosto 2002

Brad Mehldau
Largo

1 - When It Rains (Mehldau) - 6:36
2 - Youre Vibing Me (Mehldau) - 3:28
3 - Dusty McNugget (Mehldau) - 5:43
4 - Dropjes (Brion/Chamberlain/Indizzo/Mehldau/Meldal-Johnsen/Oleszkiewicz) - 3:58
5 - Paranoid Android (Greenwood/Greenwood/O'Brian/Selway/Yorke) - 9:05
6 - Franklin Avenue (Mehldau) - 3:42
7 - Sabbath (Mehldau) - 4:42
8 - Dear Prudence (Lennon/McCartney) - 5:22
9 - Free Willy (Chamberlain/Grenadier/Mehldau/Rossy) - 5:05
10 - Alvarado (Mehldau) - 4:00
11 - Wave/Mother Nature's Son (Jobim/Lennon/McCartney) - 6:28
12 - I Do (Mehldau) - 7:17


Steve Kujala -
Flauto
Jim Keltner -
Percussioni, Batteria, Vibrafono, Pianoforte
Jon Brion -
Chitarra, Pianoforte
Matt Chamberlain -
Percussioni, Batteria, Shaker
Jonathan Clark -
Oboe
Earl Dumler -
Oboe
Gary Gray -
Clarinetto
Larry Grenadier -
Basso acustico
Victor Indrizzo -
Percussioni, Batteria
Ken Kugler -
Trombone
Brad Mehldau -
Percussioni, Pianoforte, Pianoforte Elettrico, Vibrafono
Darek Oleszkiewicz -
Basso acustico
David Shostac -
Flauto
George Thatcher -
Trombone
Joseph Meyer -
Corno
Daniel Kelley -
Corno
Jorge Rossy -
Percussioni, Batteria
William Reichenbach -
Trombone
Emilie A. Bernstein -
Clarinetto
Jerry Folsom -
Corno

Nella carriera musicale di Brad Mehldau "Largo" rappresenta un punto di rottura con le sue precedenti opere. Coloro che lo hanno conosciuto ascoltando i lavori del progetto "The Art of the Trio" o quel piccolo gioiello di solo piano che è "Elegiac Cycle" potranno rimanere alquanto confusi ascoltando le sonorità espresse in "Largo".

Iniziamo dal titolo dell'album. "Largo" è un piccolo pub irlandese di Los Angeles che ospita regolarmente, tra gli altri, musicisti del calibro di Aimee Mann (a proposito se vi capita ascoltate la colonna sonora del film "Magnolia", un album di raffinato pop che porta proprio la sua firma), Beck, Fiona Apple e Jon Brion. Proprio quest'ultimo, noto nell'ambiente musicale principalmente come produttore di musica pop, è il produttore di "Largo" ed interviene come musicista in due tracce ("
Dropjes" e "Paranoid Android").

"Largo", inoltre, vuole dare anche l'idea di spazio, la volontà di Brad Mehldau di allargare i propri orizzonti per offrirsi sotto nuove prospettive. Ed è probabilmente proprio Jon Brion a spingere Mehldau in quest'avventura. Infatti l'unica costante attraverso tutto lo sviluppo di "Largo" è l'accoppiata Mehldau al pianoforte e Brion alla produzione.

Mehldau riesce talmente bene in questa camaleontica operazione da attirare l'attenzione della comunità rock e pop. Giusto per citare un'esperienza personale, quando ho fatto ascoltare "Largo" al chitarrista di una incallita formazione rock ne è rimasto talmente entusiasta da correre subito a comprarlo.

Del resto nella sua discografia precedente si poteva già intravedere, in forma embrionale, un possibile sviluppo in tal senso. Mehldau già in passato si era avventurato nell'interpretazione di classici del pop e del rock: "Blackbird" dei Beatles in "The Art of the Trio Vol.1", "Exit Music (for a Film)" dei Radiohead in "The Art of the Trio Vol.3 e Vol.4", "River Man" di Nick Drake in "The Art of the Trio Vol.3".

La struttura sonora della maggior parte dei brani di "Largo" è molto semplice. Quasi ogni brano, infatti, inizia con un arrangiamento molto orecchiabile ed accattivante. Una volta stabilito il "mood" con l'ascoltatore Mehldau si inoltra nel campo dell'improvvisazione e sviluppa i suoi assolo lungo linee più dissonanti.

L'album esordisce con "
When It Rains", una ballata jazz caratterizzata da un preludio con una semplice linea di piano accompagnata da una sezione fiati su cui poi si sviluppa una ritmica 4/4 molto essenziale ma carica di energia. La successiva "You're Vibing Me" è inizialmente incentrata su una semplice melodia eseguita al vibrafono cui segue una parte molto più intensa non appena Mehldau passa al pianoforte. Si sente, in questa traccia, la presenza dei musicisti che storicamente accompagnano Mehldau, ovvero Larry Grenadier al basso acustico e Jeorge Rossy alle batterie.

"
Dusty McNugget" è uno dei momenti meno felici dell'album. La sezione ritmica sembra essere generata da un sequencer tanto è semplice e regolare. Lo stesso Mehldau si muove pigramente sulla tastiera del pianoforte che, a tratti, non sembra essere lo strumento solista del brano.

La traccia successiva, "Dropjes", esordisce con Jon Brion alla chitarra, o sarebbe meglio dire a quello che resta di una chitarra tanto è trattata con effetti elettronici, e prosegue con una parte di improvvisazione di Mehldau senza però mai raggiungere i livelli a cui ci ha abituato.

Con "
Paranoid Android" la musica ritorna nuovamente. L'interpretazione del brano dei Radiohead si sviluppa per quasi dieci minuti e rende molto bene la struttura originale della composizione che fu ottenuta unendo tre brani che inizialmente separati. Le percussioni forniscono al brano un notevole movimento e dinamismo.

La traccia successiva, "
Franklin Avenue", esordisce con la tipica struttura sonora del Trio e si apre, poi, alla sezione fiati che fa da tappeto ad un sommesso pianoforte.

Con "
Sabbath" si torna al puro sperimentalismo. La traccia è praticamente un duo tra batteria e pianoforte. Quest'ultimo, però, arriva alle nostre orecchie attraverso un distorsore per chitarra.

L'interpretazione della successiva "
Dear Prudence" farà felici i fans dei Beatles. La struttura ritmica è molto semplice ma efficace. Il basso fraseggia accompagnato da una batteria 4/4. Mehldau imposta il motivo principale e poi si muove lasciando spazio all'improvvisazione per poi tornare nuovamente alle note dell'originale.

Si prosegue con "Free Willy", un brano di improvvisazione free che a tratti vede di nuovo il pianoforte passare attraverso effetti elettronici, e con "
Alvarado", tutta dominata dalle percussioni che fanno da tappeto alle note di Mehldau.

La successiva "
Wave/Mother Nature's Son" presenta un felice e molto originale abbinamento di due classici, il primo di Jobim ed il secondo, ancora una volta, del Beatles. La ritmica è molto veloce e presenta forti accenti jungle (anche in questo caso sembra essere generata da un sequencer). Mehldau, in questo caso al vibrafono, si esprime molto semplicemente e su linee fortemente melodiche forse anche per le peculiarità dello strumento che suona.

Infine, l'ultima traccia, "
I Do", propone un bella ballata eseguita al pianoforte accompagnato, in questo caso, esclusivamente da una sommessa sezione fiati.

Che dire di "Largo". Per gli appassionati di Mehldau sicuramente un album da ascoltare che lo propone sotto una veste insolita. Per i puristi del jazz pianistico forse un album che lascia perplessi. Il dubbio che rimane riguarda il suo futuro: "Largo" rappresenta solo una parentesi oppure è l'inizio di qualcosa di diverso?
Alessandro Marongiu






Articoli correlati:
26/11/2017

EFG London Jazz Festival: "Grandi atmosfere per i venticinque anni del prestigioso festival britannico, con ben 350 eventi sviluppati su oltre 60 location..."(Vittorio Pio)

27/08/2017

Rising Grace (Wolfgang Muthspiel)- Alceste Ayroldi

26/11/2016

Brad Mehldau & Joshua Redman: "Apertura di grande richiamo per il Roma Jazz Festival, arrivato al record della quarantesima edizione con i due protagnisti che hanno offerto creatività allo stato puro..." (Roberto Biasco)

10/05/2015

Brad Mehldau Trio: "...inaspettata economia di mezzi espressivi da parte del pianista, che, a dispetto di capacità tecniche superlative, non va mai oltre i limiti, preferendo toni smorzati ed atmosfere allusive." (Roberto Biasco)

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

06/04/2014

Intervista a Matteo Sabattini: "...bolognese, sassofonista, ci racconta la sua permanenza decennale negli States, il suo non facile rapporto con l'Italia, l'incisione dei suoi lavori discografici. Con tanta umiltà, rispetto per il jazz e immensa energia ancora da spendere. Ancora da ascoltare... " (Gianmichele Taormina)

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

11/11/2012

Gezmataz Festival 2012: L'alto tasso elettrico degli Interstatic e dei Planet Microjam contrapposto alla sublime dinamica del Brad Mehldau trio e allo spettacolo musicale di John Scofield con la sua Hollowbody Band. (G. Montano, A. Gaggero)

16/09/2012

Brad Mehldau Trio: "...un concerto jazz tra i più interessanti dell'estate italiana." (Giovanni Greto)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

26/09/2010

The Bright Mississipi (Allen Toussaint)- Roberto Biasco

07/08/2010

Brad Mehldau, Bill Frisell, Joe Henry in Song Conversation: Festival Schlossfestspiele di Ludwigsburger: "Giusto con qualche indicazione di massima, data la coscienza della straordinaria duttilità dei primattori che si erano già sfiorati vicendevolmente in carriera, il magnifico triumvirato si è trovato appena il giorno prima per riordinare le idee in un soundcheck lungo e appassionante. Sebbene le aspettative createsi fossero ben alte, il risultato finale è stato assolutamente clamoroso lungo la triplice serie di duetti che ne ha animato la serie." (Vittorio Pio)

01/08/2010

Brad Mehldau e Joshua Redman all'Auditorium di Roma: "Ci sono concerti che, pur avendo per protagonisti professionisti affermati e rodati, fanno storia a sè: è il caso del concerto di Brad Mehldau e Joshua Redman che all'Auditorium di Roma hanno dato vita a una performance eccezionale e unica..." (Dario Gentili)

13/12/2009

Il 14 novembre 2009 Brad Mehldau regala col suo trio - Larry Grenadier al contrabbasso e Jeff Ballard alla batteria - un concerto unico al numeroso pubblico romano dell'Auditorium Parco della Musica. (Laura Mancini)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

30/07/2004

The Art of trio Vol. 3 (Songs) (Brad Mehldau)

11/04/2004

Brad Mehldau Trio a Musica per Roma: "...Mehldau spesso e volentieri si è avventurato ispirato in lunghi assoli solitari, veri e propri brani nel brano..." (Dario Gentili)

23/07/2003

Brad Mehldau Trio al Dolce Vita Jazz festival: "... i suoi pezzi rompono lo schema classico del jazz tema-assoli-tema, sono fluidi e armonicamente organici, senza decise variazioni di ritmo, e le frequenti concessioni che fa al blues, in particolare nel finale dei pezzi, scaturiscono da passaggi quasi impercettibili..." (Dario Gentili)





Video:
Brad Mehldau Trio - No Moon
Jazz Festival Vitoria-Gasteiz 2006 Brad Mehldau - piano Larry Grenadier - bass Jeff Ballard - drums...
inserito il 10/07/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 2280
Barron/Mehldau - Billie's Bounce
Kenny Barron - left side Brad Mehldau - right side Piano Summit - Umbria 1999...
inserito il 27/06/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 3992
Brad Mehldau Trio - O Que Sera
Jazz Festival Vitoria-Gasteiz 2006 Brad Mehldau - piano Larry Grenadier - bass Jeff Ballard - drums...
inserito il 13/05/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 2316
Brad Mehldau Trio - "All The Things You Are" part 1
Jazz Festival Vitoria-Gasteiz 2006 Brad Mehldau - piano Larry Grenadier - bass Jeff Ballard - drums...
inserito il 08/05/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 2181
Brad Mehldau Trio - "All The Things You Are" part 2
Jazz Festival Vitoria-Gasteiz 2006 Brad Mehldau - piano Larry Grenadier - bass Jeff Ballard - drums...
inserito il 08/05/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 2136
Pat Metheny and Brad Mehldau Duo - All The Things You Are
San Sebastian Jazz Festival (Jazzaldia) 2007 Pat Metheny: Guitar Brad Mehldau: Piano...
inserito il 22/12/2007  da Lassesteff - visualizzazioni: 2118
Exit Music (for a film) - Radiohead cover
I hope Brad Mehldau doesn't mind, but I found this on his site and thought it was BRILLIANT, , http://www.bradmehldau.com/...
inserito il 11/05/2006  da truthgone - visualizzazioni: 2463


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 15.546 volte
Data pubblicazione: 10/02/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti