Jazzitalia - Francesco Cusa 'Skrunch': L'arte della Guerra
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Improvvisatore Involontario 2008
Francesco Cusa "Skrunch"
L'arte della Guerra


1. Prologo
2. Afrodionisiaco
3. Escare from Pussyland
4. Quel giorno in cui J.J.Cale si sveglio senza una gamba
5. Alljazzera
6. Opinioni di un clown
7. Epilogo

Francesco Cusa - drums, composition
Carlo Natoli - chitarra baritono
Paolo Sorge - chitarra elettrica
Beppe Scardino - sax baritono
Tony Cattano - trombone
Riccardo Pittau - tromba
Dario De Filippi - percussioni





P
otrebbe essere riduttivo o limitante definire Francesco Cusa esclusivamente musicista innovativo del panorama jazzistico italiano, il batterista siciliano è in effetti qualcosa di più, una sorta di faro illuminante, un divulgatore di una cultura musicale che va oltre la contaminazione con altri generi musicali e nella direzione di una espressività complessa e per certi versi dissacratoria di certezze e ambiti oramai standardizzati. Questo suo cd "L'arte della guerra" ad opera dell'ensemble Skrunch che lo vede affiancato ad altri sei frementi musicisti quali: Carlo Natoli chitarra baritono, Paolo Sorge chitarra elettrica; Beppe Scardino Sax Baritono, Tony Cattano trombone; Riccardo Pittau tromba, Dario De Filippi percussioni, è una delle produzioni discografiche più dirompenti e intriganti di questi ultimi anni.

Un'opera che se ascoltata con certosina attenzione e paziente interesse riesce a farsi apprezzare in pieno dando l'esatta dimensione del ricco bagaglio tecnico-espressivo di questi sette musicisti e del linguaggio jazzistico di Cusa che è anche il solitario autore delle sette tracce in essa contenute. L'apertura e la chiusura della selezione musicale hanno una caratterizzazione insolita perché totalmente dedicate alla declamazione in lingua italiana, con opportuno sottofondo musicale, di alcuni versi tratti da un testo di strategia militare di cui è autore un generale cinese vissuto tra il VI e V secolo a.c., Sun Tzu, e da cui è stato chiaramente ereditato il titolo del cd.

L'essenza vera e propria dell'album è però contenuta nei cinque brani che si frappongono al prologo e all'epilogo, come sono definiti i due episodi di apertura e chiusura, e che condensano in un flusso sonoro nervoso e incessante, in cui predomina un'attività ritmica in continuo mutamento ricca di elementi di fatto musicalmente contrapposti ma in costante intreccio. Il tutto ispirato dal testo che da il titolo al cd e dalla proiezione nella realtà di oggi, così come interpretata da Cusa. Il dettaglio dei passaggi salienti non può fare a meno di evidenziare i pregevoli fraseggi sonori della sezione dei fiati del settetto, intrisi di piroettanti escursioni che si avvinghiano su se stesse, rinforzate dall'energia elettricamente tesa e impregnata di hard rock, che le due chitarre di Sorge e Natoli sono magnificamente capaci di sprigionare. E' questo il layout di brani quali Afrodionisiaco e degli altri due ad esso susseguenti. E' invece dalla quinta traccia Alljazzera, che si fa spazio un godibile infuso di jazz- rock, spumeggiante e vigoroso, che per qualche attimo riporta anche al fiorente passato di gruppi come i Chicago Transit Authority.

E' nella sua interezza, questa di Cusa & Company, un'opera di assoluto valore artistico, capace di spezzare orizzonti ormai insipidi e scontati e tracciare percorsi densi di stimoli per il jazz italiano ancora tutti da scoprire, ma sui quali il nostro sembra trovarsi proprio a suo agio.

Giuseppe Mavilla per Jazzitalia







Articoli correlati:
23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

18/09/2016

Oltremente Festival. Itinerari di Jazz Contemporaneo: "La terza edizione del festival si è svolta in tre serate al Molo di Levante, affiancata da un laboratorio musicale sull'improvvisazione e la musica d'insieme condotto da Giancarlo Schiaffini." (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2016

Southeast of my dream (Alessandro Nobile)- Niccolò Lucarelli

24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

13/12/2015

Sphere (Try Trio)- Niccolò Lucarelli

11/10/2015

Love (Francesco Cusa & The Assassins)- Antonella Chionna

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

05/01/2015

A World Apart (Stefano Maltese Open Sound Ensemble)- Francesco Favano

29/11/2014

Oltremente Festival 2014 : "Jazz d'avanguardia e rivisitazione del passato, improvvisazione istantanea e composizione contemporanea (ma molto altro ancora)..." (Gianmichele Taormina)

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

19/10/2014

Meets Mahler (Sonata Islands (Giovanni Falzone))- Valeria Loprieno

24/08/2014

The Fourth Door (Tan T'ien)- Gianni Montano

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

19/05/2014

Il Mandorlo (Silvia Bolognesi Almond Tree)- Monica Mazzitelli

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

06/04/2014

Flowers In The Garbage (Francesco Cusa 'Vocal Naked Musicians')- Gianni Montano

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

17/06/2013

La Società Delle Maschere (Dinamitri Jazz Folklore)- Gianni Montano

07/04/2013

The American Dream (Marco Cappelli’s Italian Surf Academy)- Gianni Montano

23/12/2012

Saragolla (Test Quintet)- Gianni Montano

23/12/2012

Altai (Skinshout & Xabier Iriondo)- Gianni Montano

14/05/2012

Vocione (Toni Cattano - Marta Raviglia)- Gianni Montano

10/03/2012

Sweet Dream Baby (Baap!)- Rossella del Grande

22/02/2012

D'onde (Aurora Curcio)- Gianni Montano

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano

29/08/2011

Intollerant (Mr. Rencore + Tim Berne)- Vincenzo Fugaldi

02/05/2011

Elegy For The Punk Movement (Orange room)- Gianni B. Montano

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

31/07/2010

Col fiato sospeso (Rural Electrification Orchestra) - Alceste Ayroldi

06/03/2010

This Floating Space Suite (Stefano Maltese as Sikilli) - Giuseppe Mavilla

01/02/2010

The Spiritual Man (Open Orchestra Featuring John Tchicai) - Giuseppe Mavilla

06/01/2010

Nineteen Plus One (Colours Jazz Orchestra & Kenny Wheeler) - Alceste Ayroldi

03/01/2010

Francesco Cusa, Gianni Gebbia, Alessandro Salerno a Roma presso Il Baffo della Gioconda: "Questi tre giovani musicisti dimostrano di saper rimanere sempre "dentro" alla performance, sfruttando in modo innovativo le potenzialità dei loro strumenti, dandosi ciascuno il turno nel "trascinare" gli altri, senza perdere mai concentrazione e l'interplay è davvero grandioso." (Laura Mancini)

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

13/09/2009

Una proposta interessante e innovativa dall'inedito duo Cusa-Matteuzzi: "Un canto che si fa strazio, grido, sofferenza, gioia, tenerezza assumendo un'infinità di sembianze e di plastiche evanescenze..." (Giuseppe Mavilla)

12/09/2009

Due serate dedicate alla musica jazz al Cortile Pandolfi Art Pub di Pozzallo anche se in ambiti antitetici dal punto di vista del linguaggio espressivo. La prima serata ha visto esibirsi l'inedito quartetto del chitarrista Paolo Sorge, la seconda un altro quartetto con l'armonicista Angelo Adamo.

27/12/2008

VARIi (Silvia Bolognesi Living Quartet)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

17/03/2007

Improvised music for imaginary films (Nursery Four)

05/10/2003

Trinkle Trio (Paolo Sorge)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.483 volte
Data pubblicazione: 18/10/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti