Jazzitalia - Recensioni - Dinamitri Jazz Folklore: La Società Delle Maschere
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tosca al Multiculturita Summer Jazz Festival 2018: una sorta di giro del mondo intorno alla musica e alle parole che si arricchisce di canzoni nuove, scoperte o ritrovate. .

XVIII Edizione per il Beat Onto Jazz Festival: 8 concerti sotto il tema "Le vie del jazz", che mirano a declinare l'ampio vocabolario dell'idioma jazzistico e chiusura con gli Yellowjackets.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Gianicolo in Jazz 2018: Una location straordinaria, la terrazza più esclusiva e famosa di Roma per una rassegna estiva con la direzione artistica di Roberto Gatto.

XV Edizione di Gezmataz Festival & Workshop che ha come tema "La Voce", filo conduttore di tutti gli eventi della rassegna

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Dinamitri Jazz Folklore
La Società Delle Maschere



Rudi Records (2012)

1. Terra 9.50
2. Acqua 6.50
3. Fuoco 6.40
4. Aria 8.14
5. Blues Africane 5.35
6. Bashir 3.30

Dimitri Grechi Espinoza - alto sax
Emanuele Parrini - violin
Beppe Scardino - baritone sax
Pee Wee Durante - hammond organ, Fender Rhodes, Clavinet, electronics
Gabrio Baldacci - guitar
Andrea Melani - drums
Simone Padovani - percussion
Piero Gesuè - voice on #5, 6


Il nuovo disco del gruppo di Dimitri Grechi Espinoza va nella direzione di un jazz primordiale con le radici ben piantate nella "Madre Africa" e gli ultimi rami ad attingere linfa vitale dalla scena chicagoana, dall'Art ensemble in poi. Sembra, infatti, ci sia un salto vertiginoso e voluto su tutto quanto sta in mezzo fra le origini e le avanguardie del collettivo AACM. Il cd ci propone una musica materica forgiata su ritmi ossessivi e tribali su cui si intrecciano, si appigliano le voci delle due ance e del violino. Chitarra e tastiere, dal canto loro, si sistemano vicino a suoni in stile rock pesante o blues di frontiera per aggiungere particolari attualizzanti ad un flusso sonoro di suo arcaico e liberamente derivato dalla New Thing. I brani evolvono come un vero e proprio rito seguendo una procedura similare. Si distingue, inizialmente, una copertura ritmica di stampo africano o africaneggiante. Le percussioni si concentrano su alcune figure fortemente caratterizzate che ripetono con microvariazioni per tutta la durata del brano. Gli interventi dei sassofoni si innervano su una struttura tutto sommato poco elaborata per spostare l'asse in un'orbita free o post-free, senza decisivi sfasamenti nel percorso. I soli si alternano in un'onda sonora polifonica di notevole spessore. Gli strumenti elettrici servono, invece, a sottolineare elementi di pop visionario e vibrante nell'ordito dei vari pezzi.

I titoli richiamano gli elementi costitutivi del nostro pianete: terra, acqua, fuoco, aria. In questo si cela l'intenzione di andare oltre le sovrastrutture intellettuali, per immergere le mani nella sostanza materiale pura e sporcarsele con gusto. Si schierano convinti dall'idea portante del leader il sax baritono e clarinetto basso, profondi e selvaggi di Beppe Scardino.
Il violino di Emanuele Parrini disegna linee oblique, sinuose, memore della lezione di Leroy Jenkins, ma è più europeo nell'approccio agli archi. Gabrio Baldacci e Pee Wee Durante sono importanti per creare un fondale doppio, dopo le percussioni, fra un funky e una fusion poco domestici. Andrea Melani e Simone Padovani risentono eccome del recente viaggio nel Mali. Hanno " sciacquato" i loro tamburi nelle oasi nordafricane e lo si avverte chiaramente. Interviene nelle ultime due tracce il cantante Piero Gesue, in un grammelot italo-maliano (quest'ultimo inventato) curioso ed efficace. La sua voce "black" si riallaccia a quella di Sadiq Bey, collaboratore del DJF nel 2007.

Dimitri Grechi Espinoza dopo essere ritornato ad un jazz più canonico, di impronta cool, nel precedente disco inciso in duo con Tito Mangialajo Rantzer, riprende a viaggiare su coordinate avventurose e impervie e dimostra di trovarsi a meraviglia in questa situazione, anche come solista oltre che da bandleader. Giù le maschere allora, create da F.Biancalani. Questo jazz non ha bisogno di travestimenti: è genuino e colto al tempo stesso, così come si presenta.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/05/2018

Narrafantasmi (Quartetto 19)- Gianni Montano

27/05/2018

Exwide - Live (Dinamitri Jazz Folklore)- Lavinia Testi

18/03/2018

Tenco: Come ti vedono gli altri? (Mauro Ottolini)- Gianni Montano

18/12/2017

Où sont les notes d’antan? (Dino Betti van der Noot)- Alceste Ayroldi

23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

18/09/2016

Notes are but wind (Dino Betti van der Noot)- Gianni Montano

11/09/2016

Undici Cormorani (I Maestri Invisibili)- Gianni Montano

24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2014

Suoni, Parole, Ritmi del mondo - V Edizione: "...quattro appuntamenti dignitosissimi, malgrado l'attuale periodo di crisi generalizzata, collegati dall'idea dell'omaggio a personaggi che hanno fatto la storia della musica afroamericana." (G. Montano - A. Gaggero)

11/05/2014

Dinamitri Jazz Folkore : "...profumo di una ritualità primordiale in cui l'essere e la natura, le ritmiche africane, quelle delle cultura tuareg, e il blues e il jazz si intrecciano tessendo una straordinaria rete sonora." (Nina Molica Franco)

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - Ia Parte: "Tim Berne' Snakeoil Quartet, Jim Black Trio, Slanting Dots, Ricardo Costa, Ruvido Insieme, Artijoke, Luca Savazzi Trio e Alessia Galeotti, Emanuele Parrini" (M. Buttafuoco, N. Molica Franco)

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

08/09/2013

Slight Imperfection (Paolo Botti Quartet with Betty Gilmore)- Marco Buttafuoco

18/03/2012

Figli (Tiziana Ghiglioni)- Enzo Fugaldi

17/03/2012

When We Forgot The Melody (Dimitri Grechi Espinoza, Tito Mngialajo Rantzer)- Gianni Montano

11/12/2011

September's New Moon (Dino Betti Van Der Noot)- Gianni Montano

29/08/2011

Intollerant (Mr. Rencore + Tim Berne)- Vincenzo Fugaldi

02/05/2011

Elegy For The Punk Movement (Orange room)- Gianni B. Montano

02/05/2011

Slaves (Gianluca Petrella Tubolibre)- Enzo Fugaldi

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

27/11/2010

Mingus in Strings Vol. 1 (Musikorchestra di Luca Garlaschelli)- Rossella Del Grande

31/07/2010

Progetto Macchiaioli (Quintetto di Livorno) - Cinzia Guidetti

06/06/2010

Non Sono io (Musiche di Luigi Tenco) (Tiziana Ghiglioni)- Gianni B. Montano

13/05/2010

Supuesto Blue (Marcello Benetti)- Rossella Del Grande

05/04/2010

Cardinal (Grim) - Giuseppe Mavilla

13/02/2010

Are U Standard? (Minardi - Grechi Espinoza - Pintori - Mangialajo Rantzer - Spina)- Rossella Del Grande

06/01/2010

"E Se Domani" – The Carlo Alberto Rossi Songbook (Verona Improvisers Jazz Orchestra) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

18/10/2009

L'arte della Guerra (Francesco Cusa "Skrunch") - Giuseppe Mavilla

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

25/02/2008

Le secolari pietre che formano l'ipogeo della masseria "Il Trappeto" di Monopoli, hanno accolto Irio De Paula, uno dei più grandi chitarristi della cultura brasiliana e il Tubolibre Quartet di Gianluca Petrella. (Mariagiovanna Barletta)

05/01/2007

Congo Evidence (Dinamitri Jazz Folclore & Sadiq Bey)

27/12/2006

Artistic Alternative Music (Dimitri Grechi Espinoza)

05/09/2003

Folklore in black (Dinamitri Jazz Folklore avec Tony Scott)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 823 volte
Data pubblicazione: 17/06/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti