Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Due libri su Miles…
di Gianmichele Taormina


Quincy Troupe
Io & Miles Davis
(PeQuod, Ancona 2003, pag 160 - € 14,00)


Ashley Khan
Kind Of Blue
(Il Saggiatore, Milano 2003, pag. 224 - € 29,00)

 Escono in Italia - quasi contemporaneamente ed entrami a ridosso del 2004 - due interessanti libri di diversa valenza storica e musicologica sulla figura artistica (e non solo) di Miles Davis.
Di questo avvenimento ne abbiamo fatto una piccola riflessione critica recensendo insieme i due volumi.

__________________________________________

"Quando ascolto Miles vedo cose. Sento il canto degli uccelli. Vedo e sento fiumi e treni notturni attraversare un paesaggio deserto nella notte. Vedo donne bellissime che galleggiano, nude e vestite; vedo uomini eleganti, ruffiani e gangster impomatati. Vedo fantasmi a ogni accordo, e sento giovani e anziani che parlano in veranda dopo che il sole è tramontato."

Così si chiude uno degli ultimi capitoli di "Io & Miles Davis - Vita e musica di un genio", libro scritto da Quincy Troupe e recentemente uscito per i tipi della PeQuod.

Poeta e scrittore, docente di letteratura presso diversi atenei di New York, Troupe aveva già pubblicato nel 1989, proprio insieme a Davis, la tanto celebre quanto polemica e discussa autobiografia dell'immortale trombettista di St. Louis, intitolata "Miles" (inizialmente uscita in Italia per la Rizzoli, è stata poi ristampata dalla Minimum Fax nel 2001).

In questo nuovo libro su Miles si leggono taluni aneddoti e alcuni particolari interessanti rimasti esclusi dalla precedente biografia co-firmata da Troupe (ovvero i tre anni mancanti prima della morte di Davis e altri "episodi" in un primo momento esclusi dall'autore proprio per il diniego di Miles il quale era ancora in vita). Troupe racconta così, con dettagli passionali e incredibili retroscena, il proprio personale rapporto con The Prince Of Darkness (soprattutto la burrascosa conoscenza, e poi la sincera amicizia che si concretizzò nel tempo).

Di Miles ne esce fuori un profilo docile e violento, caparbio e talvolta inaspettatamente sconcertante. Scontroso e diabolico con gli sconosciuti, irascibile ed esigente con i musicisti, sapeva con i pochi amici essere generoso e magmatico, estroso e burlone, incredibilmente buono infine, come un indifeso e fragile angioletto.

La lettura del libro poi, è resa scorrevole - pur andando avanti e indietro nel tempo - con l'analisi di alcune tappe importanti del Davis musicista. Tra queste - ma non poteva essere altrimenti - manca tutta la "fetta" del periodo riguardante gli anni Sessanta, quello risalente all'epoca dell'ultimo quintetto acustico del trombettista. Troupe aggiunge qua e là solo brevi cenni (non c'è la benchè minima traccia di riferimenti a capolavori come " E.S.P.", "Miles Smiles" o "Nefertiti"), che comunque non sconvolgono per la loro incompletezza, i tratti distintivi del Miles uomo, eroinomane, amante, pittore, musicista, celebre razzista "al contrario". Anzi: il libro di Troupe mette voglia di ascoltare almeno tre dischi pubblicati dal trombettista durante la seconda metà degli anni Ottanta ovvero "Aura", "Tutu" e "Amandla". Altra analisi approfondita, soprattutto sotto l'aspetto evidenziato dal Troupe in qualità di appassionato di musica, è invece un altro trittico immancabile, costituito da In A Silent Way, Bitches Brew e On The Corner, capitoli fondamentali per comprendere appieno il cosiddetto "periodo elettrico" di Davis.

Quanto ad alcune manchevolezze dell'autore, vanno segnalati invece i soliti errori anagrafici che, proprio uno statunitense come Troupe, non doveva assolutamente commettere. Gil Evans è scomparso infatti nel marzo del 1988 e non l'anno precedente. Impossibile quindi che Miles abbia dedicato il disco "Siesta" alla sua memoria (semmai alla memorabile musica di Gil Evans il quale aveva notevolmente contribuito alla stesura di "Sketches Of Spain" disco "padre" della colonna sonora di "Siesta"), così come l'erronea datazione della scomparsa di Charles Mingus, il quale è morto nel 1979, non certo nel 1980.

Miles sospettato di omosessualità con il batterista Tony Williams, sofferente di una grave forma di diabete e forse, infine, di AIDS, sconvolge non poco. L'identikit del "Divino" è poi mixato, nella sua essenza vaporosa ed evanescente, quando Troupe parla invece del trombettista ipnotico, dell'inarrivabile musicista che ha regalato al jazz e all'intera musica del Novecento, momenti di enorme genialità creativa.

Altro volume avvincente, che nello specifico coglie un'attenta visione storiografica di Miles è senza dubbio "Kind Of Blue". Scritto dal critico e giornalista statunitense Ashley Kahn, il libro si sofferma in particolare nella gestazione e nella conseguente realizzazione di uno dei capolavori indiscussi della musica afroamericana. Kahn, affrontando un'indagine non senza qualche difficoltà, si mette sulle tracce del celebre disco inciso nel 1959, scavando su molti particolari rimasti "sotterranei". Assieme ai tecnici della Sony/Columbia il giornalista ha riascoltato i master originali delle due sedute di registrazione, trascrivendo interamente i dialoghi tra Davis, i suoi musicisti e tra quest'ultimo e il produttore Irving Townsend. Si scopre così che Miles smorzava i toni con battute e sketch che ammorbidivano quei pochi momenti di tensione nel reincidere una versione. Incoraggiava e spiegava tecnicamente e nei dettagli (Davis non lo faceva quasi mai) gli intro e le sequenze degli assoli nelle varie tracce, tranquillizzava un vero fuoriclasse come Paul Chambers che in più di due occasioni sbagliava i suoi ingressi su Flamenco Sketches. È insomma un libro quello di Kahn (belle le foto delle due session, quasi tutte inedite), che riporta il lettore ad essere ascoltatore di se stesso nella memoria. Impossibile non ricordare in che modo e in quale esatto momento abbiamo ascoltato per la prima volta un indimenticabile monumento di storia come "Kind Of Blue". Quante serate abbiamo trascorso, magari in compagnia di amici, a commentare le turbinose sheets of sound di Coltrane, i delicati bisbiglii di Evans, l'archettato e le colorazioni ritmiche di Chambers, i voli pindarici di "Cannonball" e lo scattante swing trattenuto di un favoloso drummer (l'unico della seduta ancora in vita al quale va la stesura della prefazione) che risponde al nome di Jimmy Cobb.

Ai margini della ricerca su "Kind Of Blue", Kahn aggiunge saggiamente una necessaria introduzione storica che permette di far giungere il lettore ad una maggiore comprensione del disco analizzato, mentre, dopo aver snocciolato lo spirito e la sostanza concettuale del lavoro, il critico espone - un po' noiosamente, ma ci si passa volentieri sopra - quella che è stata la sostanziale eredità di "Kind Of Blue" e i consequenziali processi di assimilazione nel mondo del jazz contemporaneo di questa, che risulta un'incisione storica di portata ancora adesso universale.

Ma mentre sono davvero ottime - diremmo fondamentali - gli studi e le teorie elaborate sul rapporto tra Davis e la tematica del modale - elemento centrale e costitutivo dell'intera opera - svogliata e leggermente pressappochista ci è sembrata l'esclusione di altra parte importante della composizione di Flamenco Sketches. Diretta conseguenza della celebre Peace Piece di Evans, a sua volta derivante dalla trasposizione della composizione di Leonard Bernstein Some Other Time, Kahn dimentica che quest'ultima nasce dall'altrettanto celebre Barceuse (la Barcarola) composta da Fryederyk Chopin intorno al 1832. Proprio questa composizione apre le porte alla corrente del preimpressionismo, inaugurando, di fatto una ricerca che coinvolse tra i pochi il grande Claude Debussy. Fra l'altro gli esperimenti di Evans su tecniche compositive eurocolte si possono trovare anche in altri standard come Time Remebered. In quel caso Evans sviluppa il concetto di enarmonia assai caro a Scriabin. In poche parole Bill Evans elabora una serie di modulazioni sfruttando una nota comune che nella tonalità di partenza potrebbe essere poniamo un fa diesis, e in quella d'arrivo un sol bemolle. Oppure, nel caso invece di un'altra famosa composizione come Twelve Tone Tune - lo dice il titolo stesso - Evans elabora e lo rappresenta in modo lampante, un esempio jazzistico della cosiddetta dodecafonia.

Ultimi appunti vanno inoltre ai consueti errorini di storia del jazz cui anche Kahn non è immune (Bill Evans è scomparso nel 1980 e Julian Cannonball Adderley nel 1975, non al contrario. L'orchestra citata era quella di Gil e non di Bill Evans).

Plauso infine va alla bella traduzione di Francesco Martinelli (docente di storia del jazz presso i Seminari Senesi e valente critico della nostra penisola) che ha reso affascinante l'andatura espressiva del libro di Kahn, il quale ha già assistito negli States (e speriamo presto anche in Italia) alla pubblicazione di un libro della medesima importanza creativa, stavolta su un altro indimenticabile capolavoro: "A Love Supreme" di John Coltrane.
Gianmichele Taormina per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/08/2017

Around Jazz: intervista a Papa Dj: "...la musica è la protagonista principale della nostra comunicazione, riesce ad abbattere barriere politiche, sociali e religiose, un pezzo bello diventa collante tra popoli e culture, questa è la potenza della musica." (Alceste Ayroldi)

24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

06/01/2010

Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis (Merlin Enrico - Rizzardi Veniero)- Franco Bergoglio

13/12/2009

The Complete Columbia Album Collection (Miles Davis)- Vittorio Pio

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)





Video:
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 4596
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4333
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 3399
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 3306
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 3562
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 3440
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3729
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3990
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3781
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3467
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 3415
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3434
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 4241
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 3464
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da caoamarelo - visualizzazioni: 3887
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3771
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3565
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3588
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3421
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3518
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 3418
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 3407
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3437
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 3126
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 3643
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3716


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 14.622 volte
Data pubblicazione: 21/03/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti