Jazzitalia - Dario Mazzucco 4tet: Light Lunch
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Silta Records 2009
Dario Mazzucco 4tet
Light Lunch


1. 12 bars for M.B.
2. Blume
3. Dolphin Dance
4. IVIIVI?
5. Emina
6. Silver
7. I mean you
8. W Blues
9. How deep is the ocean?

Dario Mazzucco - batteria
Stacy Dillard - sax tenore
Lucio Ferrara - chitarre
Ryan Berg - contrabbasso
ospite:

Antonio Ciacca - pianoforte




Silta Records
email: info@siltarecords.it
web: http://www.siltarecords.it

 


Quando il leader è un batterista, il ritmo – quasi sempre – è il fulcro del brano. Tesi che Light Lunch non smentisce, fors'anche per il fatto che il volume della registrazione gioca in tal senso, dando maggiore fiato a tamburi e piatti che agli altri strumenti.

Un quartetto equamente distribuito tra l'Italia con Dario Mazzucco - che così licenzia il suo primo cd - e Lucio Ferrara, chitarrista d'origini pugliesi, e gli Stati Uniti con Stacy Dillard, trentaduenne di Brooklyn in odore coltraniano e Ryan Berg, contrabbassista di Minneapolis dalla cavata veloce ed incisiva. Ponte sull'Oceano, per identità italica e – oramai – lunga appartenenza americana, è Antonio Ciacca, ottimo pianista che ibrida gli stilemi europei con l'incalzante muscolarità statunitense e qui ospite in I Mean You di Monk e l'evergreen How Deep Is The Ocean di Irving Berlin.

Quasi equamente distribuita la track –list, tra una composizione a firma di Lucio Ferrara (12 bars for M.B.) e quattro autografate dal leader: Blume, IVIIVI?, Emina e W blues) e tre standards di spessore; ai due brani già citati si aggiunge Dolphin Dance di Hancock.

Light Lunch scivola tra mainstream "doc" e hard bop di valore, ben equilibrato e dal suono limpido. Si contraddistingue per uno spiccato senso della costruzione melodico-armonica e per gusto filologico. All'orecchio giunge come un vecchio lavoro pescato in qualche cassetto d'annata, senza alcuna confusione stilistica. I tempi medi la fanno da padrone lasciando a Dillard e Ferrara l'onere della cantabilità, spinti da una ritmica di buon livello.

Un disco che scorre con piacevolezza, però senza colpo ferire.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
02/10/2016

The Men I Love (Mara De Mutis & Antonio Ciacca Quintet)- Alceste Ayroldi

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

04/05/2016

Ctrl Z (Fabio Morgera & NYCats)- Enzo Fugaldi

08/09/2014

BAM, Il Jazz oggi a New York City (Nicola Gaeta)- Marco Losavio

31/07/2011

Intervista a Lucio Ferrara: "...a New York i musicisti caricano contrabbassi e ampli nei metro, partono da Brooklyn o dai Queens solo per farsi un paio di brani in jam. In Italia molti musicisti sono troppo concentrati nel cercare di fare qualcosa di originale a tutti i costi dimenticando che a volte basta fare poco e con swing per fare grande musica, però fortunatamente ci sono degli ottimi musicisti. Mi piacerebbe che in Italia ci fosse più coraggio a far suonare musicisti che non riempiono i teatri." (Alceste Ayroldi)

12/06/2011

Antonio Ciacca Trio: "Fedele interprete del linguaggio bop, Ciacca ci propone una nutrita carrellata di brani, qualche caposaldo tipico del jazz da Monk a Ellington, e brani originali...stupisce per eleganza e senso dello swing, originalità nelle creazioni estemporanee ed un suono estremamente personale...una continua esplorazione della bellezza, ma anche complessità del songbook americano..." (Viviana Falcioni)

12/06/2011

Intervista ad Antonio Ciacca: "Per me la tradizione è il fondamento del futuro. Ci sono grandi musicisti in ogni epoca e io cerco di studiare la loro tecnica il loro concetto. Ellington è un compositore pianista che richiede un impegno diverso dal suonare "Confirmation" di Parker. I pezzi di Ellington sono scritti o trascritti da cima a fondo non come un comune standard da real book. Io studio molto il pianismo di Ellington come progenitore del pianismo di Monk cioè del vero suono del piano Jazz. " (V. Falcioni, M. Losavio)

29/05/2011

It's all right with me (Lucio Ferrara)- Alessandro Carabelli

22/04/2011

Insidein (Simona Premazzi and The Intruders)- Paolo Incani

17/04/2010

Rush Life (Antonio Ciacca Quintet) - Marco Buttafuoco

05/04/2010

Neapolitan Heart (Fabio Morgera)- Roberto Biasco

12/12/2009

Per gli Italian Jazz Days, al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York, il quartetto di Rosario Giuliani con Lucio Ferrara, Nicola Angelucci e lo strepitoso Joey DeFrancesco all'Hammond. (Roberta Zlokower)

29/11/2009

Italian Jazz Days a New York: "Il jazz italiano sbarca a New York in occasione del mese dedicato a Cristoforo Colombo e rende omaggio non solo alla grande tradizione jazzistica ma anche al jazz contemporaneo. Molti gli artisti italiani, e non solo, che hanno preso parte all'Italian Jazz Days, la kermesse musicale che si è tenuta al Jazz Lincoln Center e all'Istituto Italiano di Cultura." (Liliana Rosano)

03/07/2009

Volo Notturno (Andrea Ferrario) - Alceste Ayroldi

24/09/2006

XVII Rassegna Jazz d'Autore ad Orsara tra concerti, seminari e jam session: "...suonare insieme diventa allora un'esperienza creativa ed esplosiva, in grado di muovere energie e mettere in comunicazione le singole sensibilità in un'avventura creativa non ordinaria..." (Michele Ferrara)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.911 volte
Data pubblicazione: 11/04/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti