Jazzitalia - Cinzia Tedesco: Like a Bob Dylan
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Paolo di Sabatino con Dominique Di Piazza e Damien Schmitt, Dado Moroni con Peter Erskine ed Eddie Gomez e i francesi Dam'n'Co per la 16ma edizione di Jazz & Vento a Cortale.

Il Peperoncino Jazz Festival diventa maggiorenne. Apre il sipario Steve Gadd.

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Otto concerti internazionali gratuiti nello splendido scenario della piazza Cattedrale sotto il tema "La fisarmonica nel jazz" per la diciannovesima edizione del Beat Onto Jazz Festival..

Riflettori accesi sul Montreux Jazz Festival: un programma da capogiro che coinvolge anche le altre due sedi, un programma vario, variopinto che tiene a mente solo una cosa, la buona musica..

Bari in Jazz: Caetano Veloso, Francesco De Gregori, Paolo Fresu, Andrea Motis, Michel Godard, Redi Hasa, Aziza Brahim, Daniele di Bonaventura, Daniele Sepe, Amaro Freitas, Lucia Carvalho e molti altri per uno degli eventi più attesi dell'estate pugliese .

XI edizione del CEMM Summer Camp aperto a tutti i musicisti professionisti e amatori, iscritti a scuole di musica, istituti musicali e Conservatori all'interno delle prestigiose Fattorie di Celli.

BariJazz: il 22 luglio annunciato a Fasano Caetano Veloso, ultima data del tour italiano.

Cinquant'anni di ECM, al Teatro la Fenice un evento speciale con i tre concerti di Anouar Brahem, Egberto Gismonti, Enrico Rava. .

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Marsicovetere Jazz Contest 2019 - ad agosto il contest riservato a giovani musicisti italiani, gruppi e solisti, di età inferiore a 35 anni.

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Cinzia Tedesco
Like a Bob Dylan



CNI Music 2010

1. Lay Lady Lay
2. Mr Tambourine
3. To Make You Feel My Love
4. I Shall Be Released
5. Just Like a Woman
6. Knocking on the Heaven's Door
7. Like a Rolling Stone
8. Meet Me in the Morning
9. Hurricane (instrumental)
10. Blowing in The Wind

Cinzia Tedesco - voce
Stefano Sabatini - arrangiamenti e pianoforte
Luca Pirozzi - contrabbasso
Pietro Iodice - batteria e direzione musicale
Giovanna Famulari - violoncello


Vocalist e compositrice, in possesso di una salda cultura jazz ma anche soul, blues e latina, Cinzia Tedesco ha all'attivo numerose esibizioni live sia in radio (come "In diretta da Via Asiago" su Radio 1) che in televisione (come "Numero 1" su RAI 1, "Il piacere dell'Estate" su RAI 2), tanto che venne chiamata a rappresentare le blue notes italiane in occasione della visita romana di Bill Clinton.
Nel 1998 registra il suo primo CD ,"Vento d'Africa" (AD Records), con artisti del calibro di Pietro Iodice, Rosario Giuliani e Giovanni Amato. La prova seguente l'avvicina più decisamente al mondo del jazz ("Rite Time", UM Record) in cui presenta brani originali di propria composizione. Molte le sue esibizioni dal vivo, al Festival di Spoleto, a Villa Celimontana in Roma, A Umbria Jazz Winter, a PugliaJazz, alla Casa del Jazz, all'Auditorium romano, al SALT Jazz Festival, al Teatro Sistina…
Collabora stabilmente con La "Roma Jazz Ensemble" di Pietro Iodice e Mario Corvini, nota come Pmjo ("Parco della Musica Jazz Orchestra"), lavora nel musical "Fin de Siécle" con Piera Degli Esposti, collabora con Carl Anderson, Javier Girotto, Maurizio Giammarco, Stefano Sabatini.
Particolarmente coinvolta in progetti ONLUS, nel 2004 è stata nominata "Ambasciatore di Pace" dal Centro Internazionale di Pace di Assisi per il suo impegno artistico a favore di iniziative a sostegno di popolazioni disagiate e soprattutto dei bambini in zone di guerra.
Nel 2008 incide "Ballata per i bambini di Nassiriyya" a supporto del progetto di scolarizzazione per l'infanzia coinvolta dal drammatico conflitto in terra irachena.

Nel 2010 arriva per Cinzia Tedesco il momento di interpretare Bob Dylan nel modus delle blue notes, di farne divenire le canzoni "songs" o "ballads", operazione del resto da sempre congeniale al mondo del jazz.

Ciò che sorprende è la capacità di Stefano Sabatini di cogliere il senso profondo della sensibilità del musicista statunitense ed interpretarla secondo armonie intense e luminose, pensarle per l'intimismo di un trio di strumentisti davvero creativi e molto attenti ed affidarle, attraverso una cura melodica fine e moderna, al vocalismo di una singer né folk né rock né pop. Operazione temeraria solo ad immaginarla, oggettivamente difficile da realizzare, non fosse altro per il ricordo indelebile che la voce pastosa e nasale di Dylan o dei suoi tanti interpreti (e dei suoi tanti epigoni) ha lasciato nel corse di un cinquantennio. A rendere apparentemente ancor più ardua la rilettura è forse la definizione stessa di folk-blues, che qualcuno ancora si ostina ad usare pensando ai suoi accordi come ad un archetipo di genere, in un mondo sempre alla ricerca di definizioni, o forse la sua singolare e dissacrante capacità di assorbire ed assimilare tutto quel che è accaduto prima e intorno a lui.

In ogni caso fu l'american minstrel (ma quanto poco gli piacque questo epiteto…) a dare indicazioni sul caso: "non hanno importanza tutti i nomi che la gente e la critica inventano per la musica; potrebbe chiamarsi musica arsenico o musica di Fedra…io per la mia musica non posso usare alcun termine…penso che sia più esatto parlare di musica e basta" (Intervista di Nat Hentoff, Playboy 1966). Tant'è. Ed allora, non più inaspettatamente, ci si accorge quanto gli arrangiamenti non tradiscano mai l'inconfondibile pathos del one man band del Minnesota, inquieto nei suoi pentagrammi, ruvido e lirico allo stesso tempo: la scelta è quella di renderne intense le tonalità più profonde sottolineate da un violoncello, per sua natura strumento adatto e versatile nel descrivere la vocalità più distesa in modo vibrante.

I cambiamenti improvvisi dello slang styling, il peso delle sue intenzioni, i balzi d'immaginazione divengono una prerogativa della rilettura della vocalist in una deframmentazione versatile capace di adattare evocazioni provenienti dalle più diverse tradizioni culturali (non ultima quella klezmer, peraltro, guarda caso,da sempre viva nel jazz) in un sofisticato amalgama melodico, esattamente come Dylan stesso volle nella maggior parte della sua produzione discografica.

Ottima la scelta dal repertorio dylaniano, ottimo il risultato, raffinato, caldo ed accurato nel fraseggio della Tedesco, cui non difetta coloritura o morbidezza vocale (specie nei medio-acuti) né affabilità né tanto meno passionalità nelle curvature più meditanti: un'ampiezza di pensiero musicale notevole, di grande significato estetico e, soprattutto, gradevole e di profondo spessore umano.

Ne parliamo con Cinzia.

Cosa spinge una jazz singer ad accostarsi al songbook di Bob Dylan, la matrice blues, la malleabilità armonica dei pentagrammi o semplicemente il riconoscimento della completezza artistica della sua opera?

All'inizio ho solo pensato che la proposta che mi era stata fatta dalla Giampiero Turco Production fosse una sfida emozionante e l'occasione di realizzare un progetto che poteva davvero essere caratterizzato da elementi di originalità grazie alla voce femminile ed al mood interpretativo moderno con cui pensavo di affrontare questo repertorio. Con un po' di "timore reverenziale" ho iniziato lo studio del songbook di Dylan che, confesso, non conoscevo bene, ed ho felicemente scoperto che la matrice blues è uno dei pilastri su cui Dylan ha costruito il suo mondo, un pilastro su cui naturalmente fondo la mia musica. Con Stefano Sabatini, che ha curato gli arrangiamenti, ho lavorato per sfruttare quella che correttamente chiami "malleabilità armonica" senza però snaturare il significato originale dei brani, navigando nel brano guidata dal testo, dalle parole scarne e spesso durissime, dalle frasi idiomatiche che poeticamente disegnano il mondo di Dylan. Ho cercato di rispettare il significato di ciascun brano e di vivere sul palco l'emozione che quelle parole suscitano quando vengono capite a fondo. Per questo ho voluto realizzare un CD live, per registrare l' "emozione del momento" e non filtrarla in studio, per avere più che la "perfezione dei suoni" quella che amo definire 'la potenza del feeling". E sono felice che Paolo Dossena abbia voluto stamparlo e distribuirlo con la sua CNI Music.

Cosa senti di attuale nelle canzoni di Dylan?

Dylan è assolutamente moderno perché ha raccontato la disperazione, la durezza del mondo, la difficoltà di vivere, la necessità di dire "no" alla guerra, l'amore...la vita. I suoi personaggi sono drammaticamente veri ed attuali. E' sorprendentemente "Jazz" perché profondo e creativo nei suoi testi. Anche la sua musica,apparentemente "semplice" nei suoi costrutti, si rivela difficile da interpretare per un cantante che non sia '"cantautore". Credo infatti che per chi canta pensando più alle note che al testo rischia di non rendere un buon omaggio al grande menestrello di Duluth.

Quale emozione ti ha spinto ad affrontare i versi di "Blowin' in the Wind", "Knocking on the Heaven's Door" o "Like a Rolling Stone", versi che potremmo considerare patrimonio della poesia moderna?

L'emozione di vivere, quasi fossero "le mie", storie toccanti come quella del pistolero che in punto di morte, mentre '"bussa alla porta del Paradiso", rinuncia e quasi rinnega il suo passato di violenza e chiede alla madre di seppellire le sue pistole, o quella della donna benestante che a causa dell'alcool finisce per diventare homeless, vivendo le sue giornate lasciandosi trascinare dalla forza nefasta del suo destino, come una "pietra che rotola"...per non parlare dei brividi che sento nelle vene quando lancio l'urlo disperato di Dylan che recita 'how many deaths will it take till he knows that too many people have died?'...risposte nel vento...Per non parlare del momento in cui, in "Just Like a Woman", rimango sola con il drumming incisivo di Pietro Iodice a creare l'atmosfera giusta per sottolineare la difficoltà di una ragazzina che vende l'amore come fosse una donna ma ne soffre come una bimba... Questi brani, se si vivono intensamente, sono emozione pura.

La natura di una formazione jazzistica è assolutamente differente da quella di una rock band; quanto ha influito questo nella tua scelta interpretativa, nel tuo modo di affrontare e riflettere sul brano?

Il Jazz è per me libertà di espressione, creatività che si esercita però all'interno di un quadro d'insieme che vede tutti i musicisti compartecipi e protagonisti, libertà dunque nel rispetto degli altri e dell'autore della musica che si esegue. Con jazzisti del calibro di Stefano Sabatini al piano, Luca Pirozzi al contrabasso e Pietro Iodice alla batteria avevo l'ambizione di raggiungere in questo progetto un punto di equilibrio tra jazz e blues, equilibrio difficile e che spero di aver trovato, necessario a mio parere per non snaturare l'opera di Dylan. L'inserimento di Giovanna Famulari, con il suo violoncello, ha dato poi un tocco particolare e caldo al suono d'insieme, un calore che amo particolarmente. Sono felice di aver creato una squadra che si muove compatta, dove ciascun musicista poggia la sua creatività non solo sul proprio talento ma anche su quello degli altri. Sul palco può succedere di tutto quando si fa jazz, ma l'incertezza, che poi rende questa musica così affascinante, è pari alla certezza che tutti si ascoltano e costruiscono una storia comune. Di questo lavoro musicale e della registrazione live del CD "Like a Bob Dylan" sono davvero soddisfatta non solo perché è "molto mio", ma anche perché i miei amici e compagni di palco hanno dato molto del loro talento al progetto e di questo li ringrazierò sempre.

Potresti immaginare di rileggere l'opera di un altro musicista non jazz?

Ti rispondo dandoti una notizia in anteprima...sto già lavorando in questa direzione con l'arrangiatore e direttore d'orchestra Luigi Giannatempo. Nel 2011 debutteremo con Il "James Taylor Songbook"per voce ed orchestra...sono molto emozionata perché amo particolarmente la big band ed ho lavorato molto in passato con la Corvini&Iodice RJE di Mario Corvini e Pietro Iodice e con la Pmjo, big band stabile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Sarò felice di avere gli amici di Jazzitalia quando debutteremo e vi informerò per tempo... A te Fabrizio un grazie di cuore per questa intervista. Buona Vita!

Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/08/2018

Scilla Jazz Festival: "Una formula semplice ma vincente, quella prescelta dal giovanissimo festival calabrese: un luogo suggestivo ove tenere i concerti, l'attenzione per il jazz di qualità e l'entusiasmo contagioso del direttore artistico." (Vincenzo Fugaldi)

18/07/2017

Verdi's Mood (Cinzia Tedesco)- Gianni Montano

05/11/2016

Psychedelic Light (Antonio Tosques & Pietro Iodice Lithium J Quartet)- Gianni Montano

12/10/2014

Thematico Quartet : "Un tema per ogni brano e il Thematico Quartet tesse le fila di una costante linea melodica che nonostante i diversi stili che caratterizzano i brani, si mantiene come tratto comune e peculiare." (Nina Molica Franco)

02/02/2014

Intervista a Luca Pirozzi: "L'importante è avere voglia di esplorare, di giocare con la musica, e cercare di non mettere dei paletti che escludono visioni più ampie e rischiano di auto-ghettizzarsi in ambiti particolari di genere." (Alceste Ayroldi)

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

19/05/2012

Precipitevolissimevolmente (Stefano Scarfone)- Gianmichele Taormina

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

18/08/2011

Challange (Eugenia Munari)- Alessandro Carabelli

24/12/2010

#2 (Alessandro Gwis) - Alceste Ayroldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

28/07/2010

Megalitico (Gavino Murgia 5tet) - Alceste Ayroldi

22/11/2009

Melodies (Stefano Sabatini)- Stefano Corbetta

21/11/2009

Testasghemba (Germano Mazzocchetti Ensemble) - Cinzia Guidetti

06/09/2009

Ispani Jazz 2009, "Una coraggiosa svolta internazionale" con Bob Mintzer, John Abercrombie, Flavio Boltro: "La macchina organizzativa dell'Ispani Jazz Festival ha rivelato, in questa settima edizione 2009, una concreta ed encomiabile evoluzione che, tanto nella coraggiosa, quanto interessante svolta internazionale, ha riscosso un palpabile gradimento dei numerosi appassionati accorsi." (Francesco Peluso)

05/09/2009

Que la Fete Commence (Gianni Savelli Media Res)- Gianni B. Montano

14/02/2009

Gotha 17 (Lusi / Masciari Quartet)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

13/08/2008

High Tension (PJ5et Special Project )

28/01/2007

Argentina: escenas en big band (Javier Girotto, PMJO Parco della Musica Jazz Orchestra)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

29/06/2006

Pietro Condorelli Quintet e il trio formato da Roberto Gatto, Daniele Scannapieco e Julian Oliver Mazzariello allo Ueffilo Jazz Club: "Due grandi eventi in meno di una settimana: in totale, 8 tra i migliori musicisti attualmente presenti nel circuito nazionale..." (Alberto Francavilla)

04/06/2006

Three-Dimensional (Gianluca Lucantonio Quartet)

14/12/2005

Easy (Pietro Condorelli)

18/12/2004

Intervista a Cinzia Tedesco: "...Faccio jazz a tempo pieno da una decina d'anni, ma i primi tempi sono stati anni di studio, di confronto e di crescita con molti musicisti..." (M. Lombardi)

17/12/2004

Intervista a Pietro Iodice: "...Il mio obiettivo, il mio sogno, è quello che la gente ascoltandoti possa dire: "lo riconosco". Credo sia la meta per tutti i musicisti..." (Franco Giustino)

18/01/2004

Rite Time (Cinzia Tedesco Voice Project)





Video:
Cinzia Tedesco - Intervista a Rainews 24
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 03/10/2012  da iodix - visualizzazioni: 2625
Gavino Murgia Sardicity - Su gabilli ? - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Su gabilli ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruffcamera...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3441
Gavino Murgia Sardicity - Non ho tempo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Non ho tempo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3358
Gavino Murgia Sardicity - Chi ha fatto miao - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Chi ha fatto miao ? - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruf...
inserito il 09/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3364
Gavino Murgia - Il Dio del Buon Frate - Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Il Dio del Buon Frate - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gr...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3588
Gavino Murgia Momak Dj Gruff Sardicity European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity Gavino Murgia Momak Dj Gruff Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3379
Gavino Murgia Sardicity - Senza Titolo - European Jazz Expo 2009
EJE 2009 Sardicity - Senza Titolo - Gavino Murgia Pietro Iodice Michel Godard Fabio Morgera Luciano Biondini Massimo Ferra Menhir Momak Dj Gruff...
inserito il 05/01/2010  da documentispartani - visualizzazioni: 3366
Gavino Murgia Trio -Intrighinu- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 3054
Gavino Murgia Trio -Pane Caiente- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 19/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2972
Gavino Murgia Trio -Mamuth Stones- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 3038
Gavino Murgia Trio -Adarre- European Jazz Expò 2007
GAVINO MURGIA TRIO Gavino Murgia . sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers Marcello Peghin . chitarra Pietro Iodice . batteria...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2944
Gavino Murgia Trio -Part A- European Jazz Expò 2007
Gavino Murgia (sax soprano, tenore, flauti, voce e samplers) Marcello Peghin (chitarra) Pietro Iodice (batteria)...
inserito il 18/10/2009  da documentispartani - visualizzazioni: 2830
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 2796
Cinzia Tedesco in Like Bob Dylan - Lay Lady Lay
Jazz Project dedicated to Bob Dylan. Produced by Giampiero Turco Family Force. On stage with Cinzia (voice & project art director): Stefano Sabati...
inserito il 29/03/2009  da CinziaTedesco - visualizzazioni: 3076


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.327 volte
Data pubblicazione: 18/11/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti