Jazzitalia - Franco D'Andrea: Live At Radio Popolare
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizioni Ishtar - SSB 027 - 2006
Franco D'Andrea
Live At Radio Popolare


1. Freely 4.58
2. Bluesy 5.07
3. I Got Rhythm 4.12
4. Naima 5.47
5. Quickly 8.03
6. roots 3.29
7. Two Colors - Epistrophy 6.09
8. I've Found A New Baby - Misterioso - Savoy Blues 8.07
9. Fascinating Rhythm - Turkish Mambo 5.16
10. M2 6.15
11. Lover Man 8.47
12. C Jam Blues - W.R.U. - Like Sonny - Six Bars 8.38

Franco D'andrea - piano




La confidenza che oramai Franco D'Andrea possiede per le registrazioni di piano solo è tale che verrebbe quasi da dire che sia in assoluto questa la condizione a lui più congeniale. Dopo il progetto con la Philology che lo ha portato ad una monumentale registrazione di ben otto volumi in cui D'Andrea ha utilizzato il materiale più disparato, è davvero difficile non domandarsi, ogni volta che lo si ascolta da solo, quali saranno i suoi nuovi approdi musicali.

Il suo pianismo è giunto ad un livello di maturità straordinario, con un sound ed un linguaggio originale ed inconfondibile. Sotto questo profilo Franco D'Andrea è uno dei pochi pianisti italiani davvero di qualità e di spessore internazionale, a cui va concesso l'onore (ma chiaramente anche l'onere) di un confronto diretto con i grandi della musica jazz. Il suo pianismo non si muove sulla base di quella matrice evansiana che in Italia caratterizza, ad esempio, l'approccio di Enrico Pieranunzi (né tocca i vertici compositivi, davvero notevoli, di quest'ultimo) così come non è caratterizzato dallo straripante ed impetuoso stile di Stefano Bollani (in assoluto il più talentuoso ed estroso dei pianisti italiani) ma si definisce soprattutto per le sue straordinarie linee d'improvvisazione che nascono da un perfetto equilibrio tra creatività (a tratti illogica, come affermò nel 2002 lo stesso Bollani nelle note di copertina di Solo 1) e rigore. La grande libertà espressiva che consente il piano solo diviene – come in questa bellissima registrazione – anche il segno di una "responsabilità" maggiore per il musicista, il cui grado di consapevolezza incide in maniera determinante sull'esito del lavoro.

Nella cristallizzazione dei suoi stilemi linguistici Franco D'Andrea sintetizza in modo straordinariamente organico (e, aggiungerei, in questa registrazione, incredibilmente privo di sbavature) elementi molto diversi. Se si confronta il susseguirsi di grappoli di note e la velocità improvvisativa della sua Freely con il lirismo elegante e "morbido" della reinterpretazione della coltraniana (ed incantevole) Naima o ancora con la rivisitazione personalissima di I got rhythm si rimane sbalorditi da come il pianista di Merano mantenga intatta l'impronta fondamentale del suo stile. L'osservazione non è poi tanto banale se si valuta attentamente il percorso che viene affrontato in questo Live. Le inflessioni classiche rintracciabili, ad esempio, proprio in I got rhythm – la cui versione pare, nei suoi passaggi più lirici, ammiccare a quella, per l'appunto classica, data da André Previn – o anche in Fascinating Rhythm (entrambe, come è noto, composizioni di Gershwin) sono integrate perfettamente con i chiari elementi monkiani dello stile di D'Andrea.

Il medley, davvero singolare, tra la splendida Misterioso di Thelonius Monk, la I've found a new baby di Spencer Williams e, soprattutto, la Savoy Blues di Kid Ory può essere, in un certo modo, paradigmatico. D'Andrea pare qui attingere a piene mani dal grande stile pianistico di Art Tatum, uno degli esempi più eccellenti di coniugazione tra linguaggio jazzistico e linguaggio classico. Le citazioni pianistiche contenute nella registrazione sono d'altronde numerose: Tatum, Monk, Tristano, Ellington sono punti di riferimento espliciti. Credo tuttavia si possa affermare che nello stile e nel linguaggio pianistico di Franco D'Andrea si trovi soprattutto una attenta disamina del linguaggio monkiano ed una sua matura metabolizzazione. L'approccio "cubista" della musica di Monk – della sua singolarissima concezione armonica, del suo sezionalismo ritmico – è ampiamente sedimentato nel piano di Franco D'Andrea. Il modo in cui rivede la bellissima composizione di Lennie Tristano Turkish Mambo (scelta assai significativa), miscelata non a caso con Fascinating Rhythm, è esemplificativa di questo lavoro di rielaborazione del pianismo di Monk. Ancora la sua composizione M2 sembra rispondere alla stessa logica. Ancor più, la migliore esplicitazione di tale legame mi pare possa rintracciarsi nel bellissimo ed efficacissimo medley tra la sua composizione Two colors e la meravigliosa Epistrophy (ancora uno splendido esempio della grande genialità monkiana).

In sintesi, l'originale linguaggio di D'Andrea si esprime qui (come altre volte) in tutta la sua maturità ed in modo decisamente ispirato. Le sue straordinarie doti improvvisative e le splendide costruzioni delle frasi musicali rendono senza dubbio il Live at Radio Popolare un disco di notevole bellezza.
Alessandro Giamatti Fubini per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/01/2018

Trio Music Vol. 1 (Franco D'andrea Electric Tree)- Gianni Montano

21/02/2016

Roccella Jazz Festival - II Edizione Jazzy Christmas: L'evento più importante del festival calabrese è stato il concerto del trio di Ches Smith con Mat Maneri e Craig Taborn...composizioni di intensa bellezza, complesse e articolate, che nelle mani di questo trio danno risultati eccelsi..." (Vincenzo Fugaldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

05/01/2015

Monk and the Time Machine (Franco D'Andrea Sextet)- Nina Molica Franco

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte: "Michele Rabbia ed Eivind Aarset, Franco d'Andrea Trio, Factor-Y Trio, Evelina Petrova Duo" (Nina Molica Franco)

21/12/2013

Intervista con Simona Premazzi: "Il mood di Simona Premazzi oggi è mutevole, ma anche curioso, affamato di conoscenza ed equilibrio..." (Marco Losavio)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

16/02/2010

Half The Fun (Franco D'Andrea Quartet) - Gianmichele Taormina

17/08/2009

The Siena Concert (Franco D'Andrea Quartet) - Alceste Ayroldi

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

13/04/2009

Franco D'Andrea Quartet a Marghera: "D'Andrea suona al solito in maniera elegante, rifuggendo la minima ridondanza e, soprattutto, stimolando i suoi attenti e concentrati partners. Si dimostra per di più un maestro nell'allineare frasi significative, nel farsi da parte per far emergere il solista di turno e nell'usare con sapienza le pause..." (Giovanni Greto)

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

22/11/2008

Intervista a Luca Bragalini: "Forse ci siamo abituati ad ascoltare musica che difficilmente osa. Io amo la musica in cui percepisco rigore, dedizione, ironia... Quando senti Tommaso che usa l'archetto in realtà sta simulando una porta che cigolando si apre...e c'è del surrealismo." (Stefano Corbetta)

15/11/2008

No Border, il trio di Franco D'Andrea con Fabrizio Bosso e Trilok Gurtu al 52° Festival Internazionale di Musica Contemporanea. A completare la serata, due gruppi provenienti dalla Sardegna: i "Cantadores a chitarra de Deris, de Oe e de Sempre" e i "Concordu di Castelsardo". (Giovanni Greto)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

24/04/2006

Enrico Rava e Franco D'andrea La Palma: "Se Rava ama la melodia nel fraseggio ... D'Andrea procede dal piccolo al grande con la curiosità di scoprire anche in un frammento di tema l'occasione per una proliferazione di variazioni o suggestioni..." (Daniele Mastrangelo)

09/04/2006

Franco D'Andrea Quartet a Padova: "...la musica si sviluppa delicatamente, in un clima molto rilassato, ma con intelligenza, alternando momenti energici ad altri di estrema delicatezza..." (Giovanni Greto)

23/03/2006

Franco D'Andrea Eleven all'Aiditorium Parco della Musica di Roma: "...si diverte procedendo per brevi pennellate o infiorettando un tema con abbellimenti o sottoponendolo a variazioni, il tutto retto da una tecnica superba..." (Daniele Mastrangelo)

22/03/2006

Le foto di Franco D'Andrea ed Enrico Rava a La Palma

17/12/2005

Intervista a Franco D'Andrea: "Il jazz italiano va in tutte le direzioni possibili. Non è un male, ma non basta. La qualità è alta e anche tutte le cose che stanno accadendo lo dimostrano..." (Dino Plasmati)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

25/05/2003

Intervista ad Franco D'Andrea e Luis Agudo: "...Tante volte si pensa al giro armonico, all'armonia, come fosse una cosa importante...però si può pensare anche agli elementi melodici del brano, quindi il diagramma melodico, gli intervalli, come il brano è caratterizzano, sfruttare nell'improvvisazione anche gli aspetti che arrivano dalla curva melodica, che arrivano dal discorso ritmico, da come il brano è ritmicamente." (Antonio Terzo)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.109 volte
Data pubblicazione: 25/02/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti