Jazzitalia - Borah Bergman-Stefano Pastor: Live at Tortona
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Mutable Music - distr. IRD (2009)
Borah Bergman-Stefano Pastor
Live at Tortona


1. Spirit Song - 10:52
2. When Autumn Comes - 06:44
3. Wellspring - 05:51
4. Crescent 03:20
5. The Mighty Oak - 16:37

Borah Bergman - piano
Stefano Pastor - violino





D
esta curiosità la performance della strana coppia formata dal vecchio e irrequieto (artisticamente) pianista americano e dall'altrettanto curioso e inquieto, nella stessa accezione, violinista genovese. Il direttore artistico della manifestazione "Jazz fuori tema", Alberto Bazzurro, abitualmente ha il gusto, l'idea, di far incontrare artisti magari operanti in ambiti diversi o che per svariati motivi non hanno avuto l'occasione di suonare insieme. Qui, invece, ha messo in cartellone un duo non determinato dalle sue scelte, che cominciava, quell'estate, proprio dalla cittadina piemontese, una tournèe in alcune località del nord Italia, dopo aver registrato un disco a Milano per la "Soul note". In verità, di quella matrice si sono perse le tracce. Viene a proposito, quindi, la pubblicazione di questo cd che riproduce una parte dell'esibizione live tortonese. In realtà il concerto, infatti, durava circa 75 minuti. Il disco, invece, contiene 6 brani per un totale di 45 minuti. Borah Bergman, nell'editing, ha sforbiciato una buona mezz'ora di musica. Anche in questa versione "light" si può apprezzare, però, la qualità del dialogo fra violino e pianoforte.

C'è da sottolineare, prima di tutto, come la formula piano-violino non abbia molti precedenti nel jazz. Fra gli esempi più attuali si può annoverare il duo dei coniugi Silvie Courvoisier e Mark Feldman. Direi che è l'unica coppia in attività in questo periodo. La parte del leone nel cd spetta di diritto al formidabile tastierista statunitense. Pastor è meno presente, compare di meno, ma fa comunque la sua figura all'interno del discorso complessivo. Il pianista americano inizia i brani con gruppi di accordi o di note, accostati apparentemente in modo casuale, picchiando sul pianoforte, con un forte impatto percussivo, evidenziando la stupefacente indipendenza della mano sinistra rispetto alla destra. Da questo coacervo di suoni estrae con un effetto sorprendente, quasi una magia, un tema, un motivo riconoscibile su cui, subito dopo, continua a elaborare, a divagare, nascondendolo, riprendendolo, dimenticandosene, per poi ritornarci sopra. Il suo è un procedimento di tipo circolare che prevede tappe obbligate, accanto a sconfinamenti, cambi di rotta repentini. Stefano Pastor, a sua volta, entra in scena, quasi sempre, per ricordare l'oggetto dell'improvvisazione; poi lo semplifica, lo spoglia degli orpelli di cui lo ha arricchito il partner, cioè e lo ripropone, senza innestare, se non in pochi segmenti, una controproposta antagonista. Il violinista, cioè, si pone con dedizione a servizio del maestro che, da parte sua, gli dimostra stima e fiducia, lasciandolo, a volte, condurre il gioco. Il confronto è fra chi semina un numero incredibile di note e chi, invece, le centellina, le amministra con parsimonia. In alcuni frangenti Bergman si abbandona alla melodia, a suoni trattenuti, allungati, con un sapiente uso del pedale, in un pianismo che porta alla memoria quello di Paul Bley dei dischi "ECM", non quello radicale degli anni sessanta. C'è da sorprendersi per queste incursioni in un'area neo-romantica da parte di un artista noto per la sua preferenza per i suoni percussivi e la libertà di andare oltre la tonalità. Un jazzista che è sovente stato avvicinato a Cecil Taylor e ad altri maestri della free music afro-americana. Il disco, perciò, pur potendosi definire in senso largo una produzione di musica d'avanguardia, è piuttosto leggibile e organizzato. Non c'è spazio, se non in pochi frangenti per l'improvvisazione assoluta. C'è totale controllo della materia, insomma. Meravigliano ancora l'energia, la competenza e la passione del pianista americano. Stefano Pastor, da par suo, dimostra che si può dialogare con un mostro sacro con umiltà e deferenza, senza per questo rinunciare alla propria personalità.

E' difficile segnalare un brano migliore fra gli altri. Tutto il disco si fa raccomandare. Da segnalare, fra gli altri, "Spirit song", dedicato ad Arrigo Polillo, non certo un cultore del free jazz, ma che aveva scoperto in Borah Bergman le doti e l'originalità del musicista di valore.

Gianni B. Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
17/02/2013

Narcète (Dagnino - Haslam - Pastor - Waterman)- Gianni Montano

01/05/2012

Per Kelli Fini Que Ki Contene (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Andrea Gaggero

03/07/2011

North South Dial (Stefano Pastor - Ari Poutiainen)- Gianni Montano

26/02/2011

A Cuàntas Paradas De Aqui’? (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Gianni Montano

24/12/2010

Freedom - Bows (Stefano Pastor)- Gianni B. Montano

05/09/2009

Chants (Stefano Pastor) - Marco Buttafuoco

06/06/2009

Luminescence (Borah Bergman)

07/04/2009

Baudrillard Est Mort (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna )

02/11/2008

One More Time (Borah Bergman & Giorgio Dini)

16/03/2008

Uncrying Sky (Stefano Pastor)

02/06/2006

Transmutations (Stefano Pastor Quartet)

19/07/2005

Una Notte in Italia (Stefano Pastor)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.545 volte
Data pubblicazione: 01/02/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti