Jazzitalia - Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.): Live In Hamburg
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

ACT, 2008 (distribuzione EGEA)
Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.)
Live In Hamburg


CD1:
1. Tuesday Wonderland
2. The Rube Thing
3. Where We Used to Live
4. Eighthundred Streets of Feet
5. Definition of a Dog

CD2:
1. The Goldhearted Miner
2. Dolores in a Shoestand
3. Slipping on the Solid Ground
4. Goldwrap
5. Behind the Yashmak

Esbjörn Svensson - pianoforte
Dan Berglund - contrabbasso
Magnus Oström - batteria



Davvero una brutta notizia quella dell'improvvisa tragica scomparsa di Esbjörn Svensson. Giuntaci come un macigno che ha colpito tutti di sorpresa in un momento in cui il trio degli E.S.T. si apprestava a festeggiare degnamente il ventennale della sua avventurosa attività. Da poco i tre musicisti erano tornati sulla scena con questo bel doppio live registrato ad Amburgo nel novembre 2006. Un lavoro antologico potremmo definirlo, che raccoglie il meglio dell'ultima produzione discografica della formazione, proprio ora che l'emozione all'ascolto di questo elettrizzante doppio cd si fonde con quella della consapevolezza di non poter più ascoltare un magnifico musicista come Svensson. Pianista dotato di una scrittura "jazzisticamente pop" sovvertita da irregolari innesti elettronici, sempre ben calibrati e mai abusati, arricchito da un eccezionale ed unanimemente riconosciuto virtuosismo pianistico. Pianismo del quale di certo Svensson mai ne abusò per stupire facilmente l'ascoltatore. Privo nondimeno di quel certo citazionismo autoreferenziale che lo poneva invece sempre al servizio della musica, della perenne costruzione di quell'interplay che si relazionava costantemente all'interno dell'economia del trio.



L
'incessante pulsare della ritmica, sempre fantasiosa e innovativa, formano alcuni dei riconoscibili tratti distintivi dell'energica band scandinava. Le loquaci morbidezze, cantabili e solari di Eighthundred Streets By Feet, The Goldhearted Miner oppure dell'arcinota Tuesday Wonderland (riconoscibilissima hit del trio), si fondono con quelle più happiness quasi bop, della spigliata ed energica The Rube Thing (notevole ed efficace è qui l'intervento poderoso del contrabbassista).

Ma l'elemento più emozionante dei concerti dal vivo degli E.S.T. era quello dell'atmosfera ipnotica, tendenzialmente metafisica che avvolgeva il loro incredibile live act. Anche quando i tre, privandosi delle consuete pedaliere elettroniche non disdegnavano di scendere dentro ballad docili e sognanti come le incantevoli Where We Used To Live e Sipping On The Solid Ground. Il funky-rock austero e ipnotico di Definition Of A Dog (caratterizzato da un tema che è quasi un omaggio consapevole al Jarrett anni Settanta del periodo Atlantic, completato da un agile e corrosivo assolo di Berglund), chiude felicemente la prima parte del concerto.

Le aperture "spaziali", fantascientifiche di Goldwrap, il trascinante romanzetto di diciassette minuti di Dolores In A Shoestand vivificato dal narrativo contrabbasso di Oström, (protagonista del magnifico intro in Behind The Yashmak) completano un doppio disco davvero formidabile. E ciò al di là del giudizio "di parte" che si potrebbe esprimere adesso che l'assenza di Svensson si fa sentire ancor più enigmatica e dolorosa.

Poesia e trasgressione, dolcezza e rabbia innovativa. C'è di tutto in questo delizioso live ricco di grande intensità espressiva e di irrefrenabile magia scenica.

E in attesa della pubblicazione il prossimo settembre dell'ultimo cd della band che dovrebbe intitolarsi "Lencocyte" ci si chiede cosa faranno i due eterni ragazzi degli E.S.T. ora che il loro amico leader non sarà più sul palco a raccontarci ancora quel bellissimo pezzo di storia del jazz che tanto ci ha fatto sognare e "cantare" in questi ultimi anni…
Gianmichele Taormina per Jazzitalia

 

Comunicato: E' morto a soli 44 anni il pianista Esbjorn Svensson.







Articoli correlati:
28/10/2017

Intervista a Monica Mazzitelli - "The Coltrane Code": "Il jazz è il mio grande amore, e anche se attualmente ascolto solo nuovo jazz europeo ho voluto nel mio piccolissimo omaggiare Coltrane, che resta per me uno dei più grandi di tutti i tempi." (Marco Losavio)

12/05/2017

Magic Moments 9 - In the spirit of the Jazz (AA.VV.)- Alceste Ayroldi

04/05/2014

Daniel Karlsson Trio al Fasching di Stoccolma: "Grandissime aspettative per questo quasi debut-live del trio del pianista svedese...si è potuto anche apprezzare una sensazione di intensa e allegra complicità tra i tre musicisti..." (Monica Mazzitelli)

27/04/2014

JK3 ovvero Jacob Karlzon Trio: il meglio del crossover contemporaneo in scena a Essen: "...a prescindere da qualsiasi gusto personale sulla musica, questi tre signori la sanno veramente suonare con elegante perfezione, raggiungendo una, strana a definirsi, "semplicità complessa"..." (Monica Mazzitelli)

30/03/2014

Magnus Öström Live a Istanbul, energia bollente e liquida: "Concerto sold out per una città dove il jazz davvero pulsa come in pochi altri luoghi europei e mondiali; una scena da tenere bene d'occhio e che si guarda avidamente intorno." (Monica Mazzitelli)

08/02/2014

Ane Brun e Tonbruket: ...energica raffinatezza scandinava all'Auditorium di Roma (Monica Mazzitelli)

19/01/2014

Magnus Öström, "Searching for Jupiter": "...la bellezza che resta dopo l'Esbjörn Svensson Trio..." (Monica Mazzitelli)

17/08/2011

Dig It To The End (Tonbruket) - Alceste Ayroldi

07/11/2010

Jazz Is Cool – Magic Moments 4 (AA.VV.) - Alceste Ayroldi

21/03/2010

Retrospective - The Very Best Of E.S.T. (E.S.T.) - Alceste Ayroldi

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

22/08/2003

Intervista ad Esbjorn Svensson: "...penso che l'improvvisazione sia un modo naturale di suonare uno strumento, e non l'improvvisare in sè. Per improvvisare non è indispensabile suonare il jazz. Lo puoi fare con qualsiasi tipo di musica...." (Marco Losavio)





Video:
Fragile - Pat Metheny and Friends
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 30/04/2012  da osvaldo manzanero - visualizzazioni: 3766
Esbjörn Svensson Trio - Leverkusener Jazztage (2002, 2005)
Leverkusener Jazztage 2002, , 1. Serenade For The Renegade, 2. Behind The Yashmak, 3. Car Crash, , Leverkusener Jazztage 2005, , 4. When God Created T...
inserito il 14/01/2012  da KizCat - visualizzazioni: 3019

Jazz Baltica Salzau 2003, the Improvisations about the Svensson-title "Impressions". Absolut fantastic playing from Esbjörn and Pat wit...
inserito il 22/04/2011  da joeblanke - visualizzazioni: 3243
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 1
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3640
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 2
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3701


Invia un commento



COMMENTI
Inserito il 25/6/2008 alle 20.44.07 da "marco.desantis"
Commento:
A Esbjörn Svensson


Come avvolgere nella notte dell’acqua la forma insolita degli occhi, incredibilmente felici di vivere nella musica dolce e feroce di un’ ossessione ritmica costante e indelebile.
Un agire artistico nel non ritenersi grandi, eppure esserlo, giocando con gli sguardi di un pubblico attento e inconsapevole di ogni attimo infinito del suono.
Un suono di una mano ora assente ma che mi ha dato uno degli attimi più felici della mia vita nel vedere che con la musica tre esseri erano una cosa sola, quando a stento nella vita normale nemmeno un amore raggiunge a volte quell’interezza dei corpi e del suono.
Che possiamo fare noi quando più volte abbiamo guardato una persona negli occhi vedendo e rifiutando di vivere il suo amore e la sua morte.
Io ricordo tutti gli occhi delle persone che mi sono state care, ognuno di noi a suo modo li ricorda o ha paura di non averne memoria.
La musica e l’arte penetrano più di ogni amore nelle cose, è inutile cercare nello spazio fisico occupato da un corpo l’intensità spaziale del desiderio di assoluto, l’assoluto è solo in quell’attimo di infinito che va oltre la vita e che rimane del nostro desiderio costante di dare e ricevere.
Un uomo che non sa dare e darsi è già morto prima di esserlo, e nella musica dei grandi questo non accade mai.
Ho visto negli occhi di questo musicista e dei suoi compagni quello che io non potrò mai avere dentro di me, la consapevolezza del fare agendo sul tempo interiore delle persone regalando e regalandosi vita e musica nella testa, nei pensieri per sempre, all’infinito.
Angela
 
Inserito il 16/7/2008 alle 22.42.53 da "cinemalubitsch"
Commento:
Ho finito di vedere il video, degli E.S.T : "live in Burghausen" del 2004 .si prova emozione e rabbia assieme.
Grazie Esbjorn per le emozioni che mi hai regalato.Come tutti i "Grandi" hai attraversato.... "il Tempo", troppo velocemente.....A te dedico questa massima di "Confucio"....."Più elevo lo sguardo,più è irraggiungibile.Più tento di penetrarvi,più è impenetrabile. L'osservo e pare innanzi a me, ma all'improvviso è alle mie spalle"......
 

Questa pagina è stata visitata 4.002 volte
Data pubblicazione: 22/06/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti