Jazzitalia - Don Immel: Long Way Home
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Elemental Music, DTI 1001 - 2007
Don Immel
Long Way Home


1. Long Way Home 3:58
2. Fool's Full Quiver 4:30
3. See The Memo 5:07
4. Whole Lotta 5:23
5. Still In Love 4:48
6. Lemonade Alchemy 4:45
7. Leaving Paradise 4:21
8. Dualife 6:08
9. Charm Offensive 3:47
10. Last Dance 3:02

Don Immel - trombone
Marc Seales - pianoforte
Andrew Nelson - tastiere
Chris Spencer - chitarra
Dave Captien - basso
Ben Thomas - percussioni, vibrafono
Gary Hobbs - batteria



Con "Long way home", album d'esordio del trombonista Don Immel uscito nel 2007 per l'etichetta Elemental Music, il musicista statunitense dà dimostrazione delle numerose e affascinanti sonorità di questo strumento, rendendolo il principale esecutore di pezzi dal fraseggio fermo e potente e dalle linee melodiche ben definite.



I
l disco è composto da dieci brani che affondano le loro radici oltre che nel jazz classico anche nel rock e negli stili chillout e longue. I brani sono scritti - tranne due eccezioni - e arrangiati da Immel stesso ed eseguiti con noti artisti del panorama musicale di Seattle come: Marc Seales al pianoforte, Andrew Nelson alle tastiere e sintetizzatori, Chris Spencer alla chitarra, Dave Captien al basso, Ben Thomas alle percussioni e al vibrafono e Gary Hobbs alla batteria. Un lavoro che possiede un suono caldo ed evoca atmosfere da film noir.

Tra le tracce che compaiono in questo cd, tutte dallo stile molto soft, sono degne di nota: "Long way home", brano che dà il titolo al disco, dove il suono armonioso del trombone di Don Immel affiancato dal pianoforte di Marc Seales affascina e trascina l'ascoltatore in un'atmosfera ipnotica e meditativa, "Fool's full quiver" in cui si può apprezzare la voce e la tromba di Jake Bergevin, famoso cantante e musicista americano, e "See the memo" in cui spiccano le performance di Marc Seales al pianoforte e di Andrew Nelson alle tastiere e al sintetizzatore.

Lascia a bocca aperta poi la rivisitazione operata da Immel e dalla sua band di "Whole lotta (love)", una delle più famose canzoni del gruppo hard rock dei Led Zeppelin in cui, sullo sfondo di una struttura musicale complessa, la fa da padrona la voce calda e sensuale della cantante Chandry Moore.

Colpiscono, infine il contemplativo e rilassante "Still in love", "Duallife" in cui sembrano essere state inserite sonorità orientali e "Last dance", brano scritto da Ben Thomas che in questo pezzo suona anche la fisarmonica.

E' un album il cui ascolto è consigliato agli amanti della buona musica in generale. Don Immel ha raggiunto il suo scopo: fornire al trombone, come strumento solista, un ampio spettro interpretativo e sonoro.

Elio Marracci per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.232 volte
Data pubblicazione: 14/09/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti