Jazzitalia - Recensioni - Walter Beltrami: Looperville
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Walter Beltrami
Looperville



Onmire (2015)

1. Let's get straight to the point
2. Super8
3. Sara's dream
4. Disturbing thought
5. What will be
6. Slightly unbalanced
7. Tweet dance
8. The one and only
9. El barrio
10. Farewell
11. Indian man in Sardinia
12. Ribot robot
13. Back to Lund

Walter Beltrami - guitar, loopers, electronics, voice, percussions and toys


Walter Beltrami approda a un nuovo lavoro in solitudine, dopo aver inciso due dischi in compagnia di un supergruppo con nomi quali Jim Black, Stomu Takeishi, Francesco Bearzatti, Giovanni Falzone, subentrato nel secondo cd a Vincent Courtois, e aver destato l'interesse di critica e pubblico per le sue idee e le sue capacità di compositore e band-leader. Il musicista bresciano, nell'album in esame, si affida integralmente alla chitarra, però rinforzata da accorgimenti tecnologici, al fine di creare una serie cospicua di frasi, che possano fungere da base ritmica e armonica su cui sviluppare, per stratificazione progressiva, un discorso solistico. Beltrami realizza, cioè, delle sequenze che registra nell'immediato con la loop station e rimette successivamente in circolo. In certi brani sono preparati e riprodotti più riff e il gioco si fa ancora più complicato, per la presenza di una serie di input articolati che vanno a incrociarsi, a mescolarsi, mentre la voce solista fa affiorare un motivo ben delineato, ripetuto più volte, su questo ordito accidentato e comunque congruente.

La musica è caratterizzata da un background rock o fusion, ma contiene anche qualche richiamo al country e ad altri generi confinanti con il jazz. Beltrami, dialogando con sé stesso, esprime le sue passioni artistiche, le svolge e le illustra, utilizzando una strumentazione sofisticata allo scopo di rendere orchestrale una registrazione in solitario. E' proprio la pluralità di piste contrapposte, o sovrapposte a determinare un effetto di massa sonora, uno sfondo che occupa la scena ed è, però, al servizio degli interventi tematici del protagonista dell'incisione.

Dopo due prove di assoluto valore, quali Paroxysmal Postural Vertigo (2011) e Kernel Panic (2013), Beltrami volta pagina e confeziona un disco più intimista, perlomeno nella forma, dimostrando di poter fare della buona musica pure senza la presenza di altri competentissimi partner.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
06/07/2014

Walter Beltrami Kernel Panic: "...un concerto energico e travolgente. Un quintetto di forte personalità individuali e con un collettivo animo rock, sperimentale e audace." (Valeria Loprieno)

07/10/2012

Postural Vertigo Quintet: "Bravura, tecnica, rapidità di pensiero e un ardimentoso senso improvvisativo per una musica che sgorga sincera, genuina e che trova uno sviluppo armoniosamente perfetto." (Giovanni Greto)

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

05/09/2009

Timoka (Walter Beltrami) - Marco Losavio

13/09/2005

Intervista a Walter Beltrami: "...canto ogni tema, ogni solo. E' ciò che mi permette davvero di entrare in contatto con quello che percepisco come un flusso melodico interiore. Un modo per assicurarsi che la mente resti fuori dal processo dell'improvvisazione..." (Alceste Ayroldi)

27/03/2005

WB3 (Walter Beltrami Trio)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 461 volte
Data pubblicazione: 26/04/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti