Jazzitalia - Luca Flores: Love for sale
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasc(h)
Luca Flores
Love for sale


1. Love For Sale
2. Waltz For a Sad Day
3. in a Sentimental Mood
4. Toy Town
5. Angela (Paradiso-Limbo)
6. It a uno (Inferno)
7. Waltz For a Sad Day 2
8. Ask Me Now
9. Sophia
10. Your Blue

Luca Flores - piano, tastiere

Special Guests:

David Murray - sax tenore
Nicola Stilo - flauto
Riccardo Dal Fra - Basso
Giulio Capiozzo - batteria

Inoltre:

Fulvio Sisti - Sax alto
Ilaria Kramer - tromba
Raffaello Pareti - basso
Stefano D'anna - sax alto
Franco Nesti - Basso
Alessandro Fabbri - batteria
Michelle Bobko - Voce
Fabio Morgera - tromba
Barbara Casini, Tiziana Simona - Voce
Nicola Vernuccio - Basso
Stefano Rapicavoli, Valerio Abei, Andrea Melani, Walter Paoli - batteria
Riccardo Bianchi - chitarra





Splasc(h) ripubblica "Love for sale" il disco che Luca Flores incise nel 1991. Una decisione commercialmente giusta in un momento in cui si torna a parlare dello sventurato pianista toscano, a distanza di qualche anno dal commosso omaggio che gli rese Walter Veltroni. Su Flores è appena uscito un film, interpretato da Kim Rossi Stuart ed è anche stato pubblicato un libro scritto a quattro mani da Francesca de Carolis e Michelle Bobko la cantante che di Luca fu compagna e che appare proprio in due brani di "Love for sale". La riedizione di questo bel disco è anche tuttavia l'occasione per riaprire il discorso sul musicista, al di là di quella che fu la sua tragica vicenda umana. E' un opera che si può ascoltare senza cercare, come nel solitario "For Those I Never Knew", inciso pochi mesi prima della fine, i segni della tragedia incombente.

Flores aveva trentaquattro anni nel 1991. Veniva da una lunga e proficua gavetta, da anni di lavoro con musicisti come Tiziana Ghiglioni e Chet Baker, da studi musicali impegnativi ed importanti. Era artista polivalente. La copertina del disco è un suo dipinto dai toni accesi e sognanti. Il libretto reca una sua suggestiva, purtroppo profetica, poesia: unico indizio del fosco futuro. Il Flores di quei giorni era anche affascinato dalla possibilità di utilizzare diversi linguaggi musicali. Love for Sale è un disco nel quale quasi ogni pezzo presenta organici strumentali differenti e paesaggi sonori diversi. Personaggio di spicco della seduta fu indubbiamente David Murray. Il grande tenorista, lasciò il suo marchio graffiante su almeno tre dei quattro brani in cui suonò. Due standard (Love for sale e In the sentimental mood) ed il suo "Your blues", che chiude l' album. Merito del pianista fu indubbiamente quello di lasciare scorrere liberamente il torrente lavico tracciato dal sax, nel quale risuonava la voce di tutti i grandi improvvisatori del passato: Coleman Hawkins e Ben Webster in primis.

Nella canzone di Ellington (al piano elettrico)e nel blues finale Flores seguì Murray come un segugio, volando alle sue altezze: riempiendo, con le sue improvvisazioni, scabre ed essenziali, gli spazi lasciati aperti dal sax. Altro omaggio alla tradizione fu il monkiano "Ask Me Now": un Monk leggero e fluttuante, cantato dalla tromba di Fabio Morgera. Poi pezzi jazzistici improntati, come detto, alla ricerca di nuove soluzioni timbriche, anche se sempre intensamente melodici. Condotti dal leader con fuoco pacato, eleganza inquieta, appassionata misura. Flores usò spesso anche l' elettronica in quelle sedute. Bello in "Waltz for a sad day 2" il suo dialogo con il flauto di Stilo e la chitarra elettrica di Riccardo Bianchi.

In due brani particolari, entrambi dedicati a Chet Baker, Flores volle lasciare un suo segno del tutto personale. In "Angelo (Paradiso- Limbo)", una canzone di Tenco cantata dalla Bobko (proveniente dalla lirica), fece affiorare echi lontani di Monteverdi, sul tappeto di notturne sonorità elettroniche. In "It a Uno (Inferno)" quindici musicisti (con tre voci femminili) dettero vita ad una pagina tempestosa, quasi sinfonica.

Tutto il disco è comunque da ascoltare. Per la ricchezza del leader e la solidità dei suoi partners. Flores andava cercando un suo linguaggio, lo inseguiva con passione ed intensità. Non era un genio, come molti hanno affermato sull'onda di emozioni vere ma altre da quelle musicali. Il suo orribile destino ci ha privato comunque di un musicista che avrebbe potuto lasciare tracce importanti.
Marco Buttafuoco per Jazzitalia

Recensione del libro "Angela, Angelo mio, io non sapevo"







Articoli correlati:
08/01/2017

Why Not? (Lanfranco Malaguti)- Gianni Montano

11/05/2015

Ore Blu (Francesco Aroni Vigone Trio)- Laura Scoteroni

11/05/2015

Stella By Starlight (The Splay Trio)- Laura Scoteroni

19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

28/09/2014

Ankara Live (Odwalla)- Alessandra Monaco

23/12/2013

Danza Pagana (Massimo Barbiero - Claudio Cojaniz)- Marco Buttafuoco

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

22/01/2011

Riddles (Luca Alex Flores – Bruno Marini)- Rossella Del Grande

31/07/2010

Double Face (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

31/07/2010

Visionary (Lanfranco Malaguti Quartet)- Gianmichele Taormina

07/03/2010

Tamed (Antonio Flinta Trio & Quartet) - Alceste Ayroldi

21/02/2010

Southern Avenue Project (Fabrizio Cecca)- Rossella Del Grande

01/11/2009

Piu' Nove (Angelo Schiavi)- Roberto Biasco

03/08/2009

Amigos (Gio' Marinuzzi)- Cinzia Guidetti

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

17/08/2008

Night (Leopoldo Sebastiani)

14/08/2008

en plein air (Fabularasa)

22/06/2008

Firenze 1985 – Luca Flores Suona la Musica di Fabio Turchetti (Luca Flores)

04/05/2008

1 marzo 1984: ricordo di Chet Baker al Naima Club di Forlì: "La sua voce sottile, delicata, sofferta, a volte infantile, mi è rimasta dentro il cuore per molto tempo, così come mi si sono rimaste impresse nella memoria le rughe del suo viso, profonde ed antiche, come se solcate da fiumi impetuosi di dolore, ma che nello stesso tempo mi sembravano rifugi, anse, porti, dove la sua anima poteva trovare pace e tranquillità. La pace del genio, la pace del mito, al riparo delle tragedie che incombevano sulla sua vita." (Michele Minisci)

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

18/02/2008

Trouble Shootin' (Stefano Di Battista)

29/10/2007

Intervista a Nicola Stilo sul film "Piano, solo", dedicato alla vita di Luca Flores: "Il film ha rinchiuso un'altra volta Luca nella prigione, nella tomba della sua malattia. Il modo poi con cui viene descritto il "mondo del Jazz" è caricaturale, senza profondità alcuna...direi che nella sua sciatteria rasenta l'offesa...si capisce che non c'è competenza ne' rispetto..." (Marco Buttafuoco)

21/10/2007

Angela, Angelo, Angelo mio io non sapevo (Francesca De Carolis)

07/05/2007

Immagini (Nicola Stilo)

23/04/2007

Kind Of Illusion (Luca Cacucciolo)

11/03/2007

I Colori del Mare (Daniela Schächter)

19/12/2006

Ampio Respiro (Daniela Panetta, Sandro Cerino)

01/06/2006

Blue Berceuse (Ico Manno)

30/05/2006

Adoration (Chat Noir)

07/05/2006

Ostinato (Paolo Di Sabatino Ark Trio)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

02/05/2006

On Tour - Live 2004 (Actis Band)

31/03/2006

Ancora Sogni (Mario Piacentini Trio)

28/01/2006

Left Hand... Right Hand (Sabino Fino)

01/01/2006

Liricordo (Renato Strukelj )

24/01/2004

Vira Vida (Nicola Stilo featuring Toninho Horta)

31/10/2003

Chiaroscuro (Pierpaolo Manca - Claudio Kettmeier)

02/06/2003

Il disco del mondo - vita breve di Luca Flores (Valter Veltroni)





Video:
Chet Baker live in Isernia 1981 - "Just Friends" (Exclusive - Very Rare Live Version)
La sera del 24 ottobre 1981, presso il Cinema-Teatro "Fasano" di Isernia, Chet Baker si esibì in un memorabile concerto, accompagnato d...
inserito il 04/06/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 5586


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 9.049 volte
Data pubblicazione: 21/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti