Jazzitalia - Alberto Mandarini/Phoebus Quartet + Strings: Love Songs
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

DDE Records
Alberto Mandarini/Phoebus Quartet + Strings
Love Songs


1. Gli Occhi dei Bambini
2. Parlami d’amore Mariù
3. Ba…Ba… Baciami
4. Come mi Vuoi?
5. Non Gioco Più
6. Vedrai, Vedrai
7. Almeno Tu nell’Universo
8. Tema di Nanà

Aberto Mandarini - Trumpet, Flugelhor e Piccolo
Fabrizio Trullu - Piano
Stefano Profeta - Acoustic Bass
Cesare Petrelli - Drums
featuring Gianluigi Trovesi - Alto Saxophone

Strings Orchestra "Enea Salmeggia"



Se numerose rappresentazioni del jazz nel mondo, da quello sudamericano a quello scandinavo, hanno spesso fatto uso dei propri brani tradizionali, ritmi e feeling autoctoni, perché anche l'Italia non dovrebbe ripensare la musica afroamericana, mescolando insieme ad essa i caratteri musicali che culturalmente le appartengono?

Un qualcosa che forse sta già avvenendo… Vediamo infatti sempre più spesso, sparsi fra le tracce degli album dei nostri jazzisti, brani italiani d'autore trattati come veri e propri standards statunitensi: da Bollani a Fresu, fino a Rava e Gatto, per citare solo i più famosi.

Le canzoni di Tenco, Lauzi, Conte – naturalmente insieme a quelle di molti altri autori (Endrigo, De André…) – hanno tracciato un solco definitivo tra la canzone tradizionale italiana e quella moderna con la figura del cantautore: che scriveva e allo stesso tempo interpretava i propri brani portando nell'Italia del boom "…una carica di anticonformismo spregiudicatezza" (Gianni Borgna Storia della canzone italiana Mondadori). E questo lavoro parte proprio da qui per rinnovare il significato di questo nostro passato musicale-culturale.

Veniamo ora al disco: due brani originali del leader Alberto Mandarini, come inizio e fine di un disco dedicato alla canzone d'autore italiana. Arrangiamenti a più facce: soffici ed eleganti sui tempi lenti con gli archi dedicati a un grande lavoro di riempimento; accesi e incalzanti invece sui ritmi più veloci, in cui tendono ad emergere le voci dei due fiati.

Se da una parte sembra quindi di assistere a riletture – come in Parlami d'amore Mariù e Almeno Tu Nell'universopiuttosto tradizionali, dall'altra, ascoltando alcuni passaggi di Ba-Ba-Baciami e Non gioco più, si è invece portati e ricredersi; e la verità, come spesso avviene, è probabile che si trovi nel mezzo.

"Love songs" è un disco raffinato che esplora in sostanza due registri stilistici: quello melodioso proprio dei temi delle nostre canzoni, e un secondo invece di stampo jazzistico. Un disco che per la sua veste può rimanere nascosto all'attenzione del jazzofilo purista, ma che risulta invece molto interessante per la varietà dei linguaggi che elabora ed assembla, e per la forza con cui riesce coinvolgere ed emozionare (sarà anche perché risuonano melodie legate in un modo o nell'altro alla vita di ciascuno di noi).

La forte carica espressiva della musica di Alberto Mandarini sta tutta nella rilettura del brano di Tenco Vedrai,Vedrai: dove si alternano momenti lirici, in cui la melodia del sax del sempre ottimo Trovesi vola sui tappeti tessuti dagli archi, a passaggi più arditi e divagazioni – anche di matrice free – che completano un quadro ricco di stili diversi ma assolutamente complementari.
Marco De Masi per Jazzitalia







Articoli correlati:
18/12/2017

Où sont les notes d’antan? (Dino Betti van der Noot)- Alceste Ayroldi

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

18/09/2016

Notes are but wind (Dino Betti van der Noot)- Gianni Montano

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

10/08/2015

Resalio (Zeitgeber Ensemble)- Nicola Barin

01/03/2015

Gigiabbo (Claudio Bianzino 4et feat. Alberto Mandarini)- Alessandra Monaco

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

21/09/2014

Gianluigi Trovesi, il risotto allo zafferano ed il suono del melograno: "E' il mio piatto preferito in assoluto perchè fin da bambino era il piatto domenicale per antonomasia, servito prima del bollito misto" (Davide Ielmini)

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

29/12/2013

Shibui (Enrico Fazio Critical Mass)- Gianni Montano

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

20/01/2013

Musica ai Frari 2012 - Duets: La voglia di suonare di Gianluigi Trovesi & Gianni Coscia e l'unicità auditiva di Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura ai Frari per la serie "Duets"

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

07/10/2012

Quiet Journey (Antonio Jasevoli Chamber Project) - Alceste Ayroldi

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

11/12/2011

September's New Moon (Dino Betti Van Der Noot)- Gianni Montano

27/08/2010

In the Mean Time (Marco Detto)- Alessandro Carabelli

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

06/01/2010

L'Opera va/Carmen (Enrico Rava)- Marco Buttafuoco

22/11/2009

God Save the Earth (Dino Betti van der Noot)- Enzo Fugaldi

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

09/02/2009

TotoCorde (Alberto Mandarini / Daniele Tione)

12/01/2009

Profumo di Violetta (Gianluigi Trovesi all'Opera)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

15/09/2007

Vaghissimo Ritratto (G. Trovesi - U. Petrin - F. Maras)

26/05/2007

Intervista e recensione del concerto dei "Quadrivision", ovvero Marco Ricci, Massimo Manzi, Alberto Mandarini e Roberto Cecchetto. Un nuovo progetto nato principalmente attraverso un rapporto di amicizia e stima reciproca e che mira alla ricerca di un suono amalgamanto ma costituito da elementi individuali chiaramenti distinguibili. (Eva SImontacchi)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

09/04/2006

Ottetto di Gianluigi Trovesi + Stefano Bollani al Piacenza Jazz fest: "Il semplice simbolo matematico ha trasformato un dimenticabile lunedì sera in un qualcosa che si deve tentare di raccontare..." (Alessandro Armando)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

02/04/2004

Gianluigi Trovesi Ottetto special guest Louis Sclavis: "...la contaminazione tra generi musicali così diversi non diventa mai provocazione sonora, anzi ogni brano sembra costruito in modo che l'amalgama non risulti mai forzata, né tanto meno kitsch..." (Dario Gentili)





Video:
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(2/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 09/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 4206
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(1/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 08/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3739
Gianluigi Trovesi e Dave Douglas al Roccella jazz festival 2008
"DEDALO" BJO BRUSSELS JAZZ ORCHESTRA con il grande Gianluigi Trovesi, il percussionista Fulvio Maras e con special guest Dave Douglas al Roc...
inserito il 28/11/2008  da ipazia99 - visualizzazioni: 3208


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.133 volte
Data pubblicazione: 25/02/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti