Jazzitalia - Recensioni - Melissa Aldana: Back Home
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Melissa Aldana
Back Home



WOM Music (2016)

1. Alegria (Melissa Aldana)
2. Desde la lluvia (Pablo Menares)
3. Obstacles (Jochen Rueckert)
4. En otro lugar (Pablo Menares)
5. My Ship (Weill-Gershwin)
6. Servant (Jochen Rueckert)
7. Before You (Melissa Aldana)
8. Time (Melissa Aldana)
9. Back Home (Melissa Aldana)

 

Melisa Aldana - tenor saxophone
Pablo Menares - bass
Jochen Rueckert - drums

Recorded at Sear Sound Studio A on June 6 & 7, 2015


La carriera della sassofonista di Santiago del Cile Melissa Aldana, oggi alle soglie dei trent'anni, è iniziata prestissimo, nella sua città natale, negli anni dell'adolescenza. In seguito a un incontro con Danilo Perez, la giovane ha poi frequentato il Berklee College of Music, diplomandosi nel 2009, e si è quindi trasferita a New York, dove suona da professionista. Ha inciso quattro dischi, due per l'etichetta Inner Circle di Greg Osby, uno per la Concord e il presente per la World of Mouth. Il suo gruppo, il Crash Trio, le accosta il contrabbasso del connazionale Menares e la batteria del tedesco Rueckert, che ha preso il posto di Francisco Mela. Prima donna e prima sudamericana a vincere la prestigiosa Thelonious Monk Competition, figlia d'arte (il padre è il sassofonista Enrique Aldana), predilige, da rollinsiana convinta, la formazione in trio senza pianoforte, che se da un lato lascia il suono del sax indifeso, dall'altro consente una libertà armonica altrimenti irrealizzabile.

Un cd tutto di brani originali dei componenti del trio, tranne la gershwiniana My Ship, nel quale la ritmica, elastica quanto basta, sostiene adeguatamente la sonorità della leader, che appare per la verità ancora alla ricerca di una sua voce peculiare, fra tradizione e modernità, ricordando a tratti Mark Turner, senza trascurare il riferimento di Rollins, specie nell'ultimo brano.

Vincenzo Fugaldi per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 130 volte
Data pubblicazione: 23/09/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti