Jazzitalia - Recensioni - Carlo Aonzo: Mandolitaly
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Carlo Aonzo
Mandolitaly



Felmay, 2019

1. Nel Blu Dipinto di Blues
- Volare (D. Modugno)
2. Ma Se Ghe Pensu (A. Margutti)
3. Baci in Quantità
- Ba Ba Baciami Piccina (L. Astore)
- Un Bacio a Mezzanotte (G. Kramer)
4. Roma
- Arrivederci Roma (R. Rascel)
- Roma Nun Fa la Stupida Stasera (A. Trovaioli)
5. Mazurka Sentimentale (C. Munier)
6. Marcia Eroica (C. Munier)
7. Voce 'e Notte (E. De Curtis)
8. Taranta Steps
- Tarantella (R. Calace)
- Giant Steps (J. Coltrane)
9. Da un Balcone Ungherese (N. Bruzzone)
10. Pagliaccio (Carosello) (traditional)
11. Toccata in La Maggiore (Intervallo) (P. D. Paradisi)
12. Nebbi'a la Valle (Amara Terra Mia) (traditional)
13. Trinacria Suite
- Tarantella (traditional)
- Ciuri Ciuri (F. P. Frontini)
- Vitti na Crozza (F. Li Causi)
14. Madunina On Broadway
- O Mia Bela Madunina (G. D'Anzi)
15. Clara's Suite
- Vulcano (M. Cavallari)
- Oh, Katia! (traditional)


Carlo Aonzo - mandolino
Lorenzo Piccone - chitarra
Luciano Puppo - contrabbasso e basso elettrico

Ospiti:
Claudio Bellato - chitarra e arrangiamento (track14);
Tommaso Bellomore - marranzano(track13);
Rodolfo Cervetto - batteria (track3,14);
Antonio Marangolo - sax tenore (track4);
Ismaila M Baye - percussioni africane (track 8);
Fabio Rinaudo - Cornamuse, flauto dolce e tin whistle (track 12 e 13);
Daniele Sepe - sax soprano (track 8);
Ike Stubblefield - organo hammond (track1);
Riccardo Tesi - organetto diatonico (track 2);
Riccardo Zegna - pianoforte e arrangiamento(track2)


Non capita spesso di imbattersi in dischi come questo, dove la piacevolezza di tratto, la capacità di evitare gli stereotipi senza uscire dal seminato, l'abilità di creare musica gradevolissima, divertente, ma al contempo seria nell'impostazione, convivono adeguatamente. In "Mandolitaly" è racchiuso tutto questo e anche qualcosa di più a saperlo cercare. Protagonista dell'incisione è il trio di Carlo Aonzo, un musicista che ha deciso di fare jazz, e non solo, con il suo mandolino e non si è preoccupato di dover combattere i pregiudizi legati ad uno strumento connesso fortemente ad un certo repertorio sentimentale un po' di maniera. Aonzo ha tirato dritto per la sua strada con convinzione e tenacia, e i fatti gli stanno dando ragione, raccogliendo egli consensi non solo nel suo paese d'origine, ma in tutto il globo.

L'artista savonese ha affrontato in passato le composizioni di Vivaldi con un ensemble allargato e con il trio si è avventurato, poi, in giro per il mondo nel precedente "A Mandolin journey", un viaggio ad ampio raggio, dal vecchio al nuovo continente e ritorno al punto di partenza. Con questo album l'itinerario è più circoscritto. In "Mandolitaly" si omaggiano, infatti, una serie di classici del songbook italiano, alcuni veri e propri inni di città o di regione, altri meno celebri e celebrati, ma sempre assai noti. Per compiere questo affascinante percorso al trio si sono aggregati fior di musicisti selezionati ad hoc, che hanno aggiunto sapori e fragranze ad un menù già di per sé invitante.

In "Nel blu dipinto di blues", brano di apertura del cd, è ospite Ike Stubblefield, un maestro americano dell'organo hammond, che conferisce accenti "reggae" ad una versione condotta per il resto su più registri, con cambi di tempo e di atmosfera di refrain in refrain. Riccardo Zegna, da buon ligure di adozione, da parte sua, aggiunge delicatezza e variazioni sincopate ad una "Ma se ghe pensu" aggraziata e swingante. "Baci in quantità" procede a passo spedito con il propellente ritmico della batteria di Rodolfo Cervetto, che accompagna questi motivi dell'anteguerra con il giusto piglio vintage richiesto.

L'autorevole sax di Antonio Marangolo interviene nel medley dedicato a "Roma", con aria sorniona e passo felpato, perfettamente in carattere con la fisionomia delle canzoni scelte. Riccardo Tesi impreziosisce, invece, con il suo organetto diatonico, un must del ballo liscio come "Mazurka sentimentale", opera di Carlo Munier, famoso mandolinista napoletano dell'ottocento, condotta abbastanza letteralmente, con felici dialoghi fra l'ospite toscano ed il padrone di casa.  Il sax soprano di Daniele Sepe solca con la sua carica prepotente "Taranta steps", un curioso e geniale accostamento, solo apparentemente azzardato, fra la nostra tarantella e uno delle composizioni più note di Coltrane, appunto "Giant Steps". Per procurare sostanza e corpo al pezzo si introduce in questa take pure Ismaila Mbaye, ferrato e fantasioso percussionista senegalese.

Il polistrumentista e studioso del folklore nostrano Fabio Rinaudo, si inserisce con flautini e cornamuse in "Amara terra mia" e in "Trinacria suite", per riaffermare il legame con la tradizione, intendendo, ad ogni buon conto, andare oltre. E' sulla stessa lunghezza d'onda pure Tommaso Bellomore, specialista dello scacciapensieri, impegnato a riproporre il suono tipico dell'isola in questo contesto. Claudio Bellato proietta, per contro,"Oh mia bela Madunina" nella patria del musical, Broadway, per mezzo di un trattamento "old fashioned", molto americano. Nelle altre tracce, prive di guest star, imperversano il mandolino virtuoso di Aonzo e i suoi due partners, abili nello star dietro alle evoluzioni, a volte acrobatiche, dello strumento principale e a garantire un sostegno ritmico e armonico in linea con quanto elaborato dal leader del trio.

Per realizzare "Mandolitaly", come ha confessato Carlo Aonzo, è stato necessario un lavoro lungo e meticoloso, al fine di mettere insieme tutti i tasselli dell'opera ed evitare le soluzioni scontate, sempre possibili dovendo affrontare un repertorio così battuto. Tanta passione per la materia e altrettanta abnegazione hanno contribuito a produrre un lavoro intelligente, fresco e di fruizione sicuramente accessibile a tutti.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/03/2020

Nomos Jazz IX stagione Concertistica 2019/2020: "Per la nona stagione di Nomos Jazz, tredici concerti, di cui undici al Teatro Jolly e due al Teatro Golden quasi tutti in prima siciliana assoluta, come il concerto di apertura del duo Charlie Hunter e Lucy Woodward." (Vincenzo Fugaldi)

22/09/2018

Rumori Mediterranei - XXXVIII Edizione: "Trentottesima edizione del festival di Roccella Jonica dedicata alle tematiche collegate 'Italians' e 'Going west-A ovest di Zappa'" (Vincenzo Fugaldi)

07/08/2016

Antonio Marangolo - Afa: "Marangolo dimostra qui, indubitabilmente, la propria caratura elevata di compositore e autore di musiche originali, quanto siano importanti i musicisti di cui ci si circonda..." (Andrea Gaggero)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

10/08/2015

Spirit Guajira (Guido Russo)- Nicola Barin

25/05/2014

Suoni, Parole, Ritmi del mondo - V Edizione: "...quattro appuntamenti dignitosissimi, malgrado l'attuale periodo di crisi generalizzata, collegati dall'idea dell'omaggio a personaggi che hanno fatto la storia della musica afroamericana." (G. Montano - A. Gaggero)

15/09/2013

'E strade ca portano a mare (Mario Romano Quartieri Jazz)- Gennaro Pasquariello

25/05/2013

Cameristico (Riccardo Tesi)- Gianni Montano

02/09/2012

Volar Por Las Ventanas (Sebastian Coleman Gallery (Antonio Marangolo)) - Andrea Gaggero

13/08/2011

Riccardo Zegna And Mellowtone Orchestra - Ellington Tribute, concerto inaugurale del festival di Clusone. Giunto alla sua trentunesima edizione, continua a rappresentare una tra le proposte più intelligenti e stimolanti nel pur ricco panorama festivaliero italiano. (Andrea Gaggero)

30/05/2010

Come sto bene qui (Marangolo Quartetto Orizzontale)- Enzo Fugaldi

26/07/2009

Nostos (Marangolo, Tavolazzi, Bandini)- Andrea Gaggero

21/06/2009

Antonio Marangolo e Umberto Petrin all'interno della rassegna "L'arte del duo": "Si possono far convivere Debussy e Schoenberg con il pianismo percussivo e febbrile di Cecil Taylor e poi il tutto con il "rumorismo" di Cage? E Wayne Shorter con Sidney Bechet, quest'ultimo con il "belcanto" italiano?" (Andrea Gaggero)

07/08/2007

Da Nord a Sud (Giancarlo Perna)

25/02/2007

Un lupo in Darsena (Danila Satragno)

28/05/2006

Carillon (Riccardo Zegna)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.075 volte
Data pubblicazione: 19/01/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti