Jazzitalia - Marco Lo Russo: Mediterranean Accordion...Live
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nelson Records
Marco Lo Russo
Mediterranean Accordion...Live


1. Tango Antiguo
2. Obsession
3. Red Tango
4. Caravan
5. Solo Contigo
6. The Light reality
7. Delfin
8. Camel
9. Carillon
10. T 22
11. Largo al Factotum
12. Cin Cin
13. Shadow
14. Obsession
15. Camel
16. Red Tango (Bonus Track)

Marco Lo Russo - Accordion/Diamonica
Fabrizio Mocata - Piano
Tiziano Zanotti - double bass
Claudio Trotta - drums

Kuasar String Kuartet:
Luca Campioni - Violino
Mattia Martorano - Violino
Aldo Zangheri - Viola
Enrico Guerzoni - Violoncello





A
ssociare il jazz alla fisarmonica è sempre stato un azzardo o una sfida. Per Marco Lo Russo, musicista e compositore pontino, è una luminosa vittoria. Il disco live "Mediterranean Accordion", nel quale il quartetto dell'artista laziale è accompagnato anche dall'ensemble di archi Kuasar, è una solida testimonianza della vena compositiva intensa e sentimentale di Lo Russo, che non incappa nell'errore di rinnegare la natura del suo strumento inseguendo clichè jazzistici di maniera ma ne asseconda l'attitudine alla melodia e al cantabile.

Quello che di più riconduce alla matrice afroamericana è invece l'inusuale capacità percussiva che il fisarmonicista conferisce al suo strumento, scandagliandone in profondità le possibilità ritmiche e delineando un'estetica che è un ottimo melange di Arabia, Africa ed Europa.

Negli immancabili tanghi gli archi cantano vibranti, struggendosi sulla solida spalla ritmica offerta dalla batteria di Claudio Trotta, dal piano di Fabrizio Mocata e dal contrabbasso di Tiziano Zanotti. Piazzolla scalpita dietro le quinte di "T 22" e Ravel ispira una beguine in "Solo Contigo", dando vita a un continuum sensuale ed avvolgente, privo di turbolenze ed asperità. I tamburi isterici di "Camel" sono il traghetto verso un territorio esotico, suggestivo, denso di echi magrebini, invidiabile per energia e compattezza sonora.

E' lo stesso territorio di "Cin Cin", dove il suono fast della metropoli si fa largo nel bridge, in stile bop, sgomitando tra i panciuti timpani dell'incontenibile Trotta, vero mattatore nella variopinta arena di Lo Russo. Alla fine della corrida, il toreador ammicca nella Bonus Track "Red Tango", tributo ai salotti elettronici dei Gotan Project e dei St.Germain, occhio interessante verso un continuo e ulteriore approfondimento delle possibilità di incontro fra generi musicali lontani.

Augusto Pallocca per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/03/2018

Free The Opera: A Bari, in esclusiva per il Sud Italia, il progetto italo-americano, già candidato ai Grammy Award di Fabrizio Mocata, Gianmarco Scaglia e Paul Wertico.

29/12/2013

Shibui (Enrico Fazio Critical Mass)- Gianni Montano

25/04/2011

Diecistorie (Ettore Martin) - Alceste Ayroldi

01/01/2011

The Next (Guido Premuda) - Cinzia Guidetti

15/05/2010

A time remembered (Roberto Mattei Octet) - Gianni B. Montano

26/12/2009

Blem blem fiu fiu dum dum! (Orchestra Maniscalchi) - Cinzia Guidetti

21/01/2009

Gestire lo Spazio (Tiziano Zanotti)

23/12/2007

Influences (Tiziano Zanotti e Alessio Alberghini)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.661 volte
Data pubblicazione: 03/02/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti