Jazzitalia - Faden Piano Trio: Mehr Als Leben
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Faden Piano Trio
Mehr Als Leben



Blue Tatoo Music (2012)

1. Cumbre del doblar
2. Zagare
3. Più che vita
4. Orizzonte d'aspettativa
5. Arjuna's First Battle
6. Una certa nota grave
7. Cronoterapia

Pier Marco Turchetti - pianoforte
Adriano 'Rujio' Rugiadi - basso fretless
Stefano Calvano - batteria


Viene da chiedersi: dove sono nascosti questi tre discoli? Sono tedeschi? A dispetto del nome e del titolo, no: italiani doc. E, per l'esattezza, romagnoli. Il maitre a penser, Pier Marco Turchetti pianista che firma i sette brani (con la complicità degli altri due compagni) è di Bagnocavallo (vicino Ravenna), così come Adriano "Rujio" Rugiadi, mentre del capoluogo di provincia è Stefano Calvano. Anagrafica a parte, tocca capire perché questo disco suoni nelle lettere così tedesco. In fondo, la colpa si dovrebbe addebitare a Turchetti: filosofo (con tanto di laurea e non per scherzo), germanista (traduttore di Franz Kafka), pittore e poeta, nonché esperto di arti marziali. E, guarda un po', la sua tesi di laurea verteva su Paul Celan, poeta rumeno francofono che compose anche "Fadensonnen", letteralmente "soli di filamento" (dovrebbe essere una metatesi di "Sonnenfaden" filamenti di soli). Di qui ecco spiegato il nome del trio.

"Mehr Als Leben", il titolo affonda le radici nel pensiero di Georg Simmel, anch'egli ebreo come Celan, ma berlinese di nascita (chi mastica d'economia potrà ricordare la sua opera "Filosofia del denaro").

Be' in questo disco di vita ce ne è tanta, a iosa. Parte dalla musica classica più "ribelle", quella percussiva di Bela Bartok, che fa capolino in "Zagare" tornita dall'incisività del basso senza tasti di Rugiadi, pastoso, elastico che contrappunta, cesella e spinge Turchetti sul perfetto timing di Calvano.

Si menziona il romanticismo russo, veemente fuso con l'improvvisazione più fantasiosa nel periodare ritmico ispanico di "Cumbre del doblar". I cambi di struttura e la metrica sempre in bilico, ma lineare e senza inutili colpi di scena, sono nel dna del trio, che ordisce una musica penetrante, ricca di tensioni ("Una certa nota grave"). Si aprono spazi sempre nuovi e freschi nel crescendo ritmico di "Cronoterapia" con il timbro che sembra esplodere e va a chiudersi con una gioiosa e martellante improvvisazione collettiva, a suggellare un disco piovuto da un altro pianeta.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
31/08/2014

Seducendo (Faden Piano Trio)- Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.515 volte
Data pubblicazione: 02/09/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti