Jazzitalia - Mike Barone Big Band: Metropole
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rhubarb Recordings 2006
Mike Barone Big Band
Metropole


1. Metropole (M. Barone)
2. Yes Sir, That's My Baby (G. Kahn / W. Donaldson)
3. Blues In The Night (H. Arlen / J. Mercer)
4. Grand Central (J. Coltrane)
5. Nobody Else But Me (J. Kern / O. Hammerstein)
6. We'll Be Together Again (F. Laine / C. Fischer)
7. Dat Dere (B. Timmoms / O. Brown)
8. Passe (C. Sigman / J. Meyer / E. DeLange / Sablon / Gerringer)
9.Flatfoot (M. Barone)
10. I Won't Dance (J. Kern / J. McHugh / O. Hammerstein / O. Harbach / D. Fields)

Mike Barone - leader, composer, arranger, trombone solo (“Passe”)
Lee Thornburg, Pete Desiena, Bob Summers, Steve Huffsteter - trumpet
Kim Richmond, Keith Bishop - alto sax
Ernie Watts, Vince Trombetta - tenor sax
Brian Williams - baritone sax
Charlie Loper, Dick Hamilton, Bill Booth - trombone
Craig Gosnell - bass trombone
John Proulx - piano
Joel Hamilton - bass
Paul Kreibich - drums



Mike Barone, figlio del trombettista Joe (attivo fra il '20 ed il '60 con la Bob Crosby Orchestra ed altri gruppi di assoluto rilevo), dopo le prime esperienze di alto rango con Louis Bellson, Lalo Schifrin, Dizzy Gillespie, Pete Jolly, Oliver Nelson, nel 1964 crea la sua prima band, inizia a comporre e ben presto molti suoi brani divengono themes di spettacoli televisivi; nel 1987 inizia a collaborare con Ernie Watts, tenorsassofonista influenzato da John Coltrane, maestro nell'improvvisare e dotato di una timbrica luminosa e personale: dall'incontro, la svolta melodica ed il "passo" che distingue lo stile di entrambi, versatile, intuitivo, brillante, segnato da un sound deciso ed esuberante, in grado di coniugare in modo convincente le tinte naturali dello strumento con le più attuali sonorità jazzistiche.



Registrato dal vivo al "LA. Valley Recording Workshop", Metropole segna uno dei momenti più interessanti della carriera del trombonista e della sua ottima Big Band.

L'album è il secondo realizzato con la propria label: 10 brani che rendono conto con chiarezza delle sue scelte sia come leader che come arrangiatore – da "Grand Central" di Coltrane a "Blues in the night" di Harlen e Mercer fino alla magnifica "Dat Dere" di Bobby Timmons e Oscar Brown e alla track che opportunamente sembra chiosare l'esibizione live, "I Won't Dance", popolare e raffinato pentagramma eseguito con gusto e meticolosamente arrangiato.

Metropole è una prova cristallina di quanto lo stile di Mike riesca sempre a destare interesse senza ricorrere ad inutili e ritriti artifici, di quanto la carica energetica del suo modo d'intendere la musica non abbia bisogno di tecnicismi esasperati ma, anzi, proprio nella linearità delle improvvisazioni trovi il suo punto di forza, la propria eleganza e quella raffinatezza tecnica, anche in termini di orchestrazione, che ne svolge le evoluzioni tematiche secondo un linguaggio mai spinto all'eccesso né tanto meno banalmente avveniristico, nel ricordo e nel rispetto dei canoni espressivi della big band, dalla Swing era all'attuale mainstream. Di ciò sembrano prova i due brani da lui composti, ricchi di varietas cromatica e coerenza stilistica.

I 17 musicisti paiono muoversi in assoluta padronanza di tutta la gamma strumentale, lasciando che le note scorrano, velocissime o impressionistiche, in forme godibili, coniugando la tradizione con una "personalità collettiva" ben strutturata, fresca e familiare nei momenti di maggiore creatività. Così è in "We'll be together Again", dove gli ottoni – e particolarmente Ernie Watts – privilegiano un linguaggio comunicativo e piacevole nel dialogo, mostrando in modo felicemente disinvolto una preparazione tecnica davvero notevole così come un'intenzione di divertissement che raggiungono il fine per cui, probabilmente, ogni big band esiste: colorare le atmosfere di ciò che si suona di sinuosità intriganti, coinvolgere e far ritmare all'unisono chi è sul palco e chi ascolta.

E Mike in questo, ancora una volta, è, a parere di chi scrive, indiscusso maestro.
Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/06/2012

Song For Shirley Horn (Terez Montcalm) - Alceste Ayroldi

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

27/08/2010

The New Continent (Dizzy Gillespie) - Alceste Ayroldi

12/09/2009

Debandade (Bettina Corradini Jazzen Group) - Alceste Ayroldi







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 1.926 volte
Data pubblicazione: 16/06/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti