Jazzitalia - Recensioni - Mathias Eick: Midwest
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia.

Il sassofonista Roberto Ottaviano, a Tel Aviv per un omaggio al compositore Sasha Argov.

E' morto Roy Hargrove!! Il geniale trombettista statunitense è deceduto il 2 novembre 2018. Il cordoglio dei musicisti e della comunità tutta in ricordo del suo grandioso talento..

Giordano in Jazz Winter 2018: Bollani, Cincotti, Level 42, Alex Han e il gospel natalizio per l'edizione winter 2018, nella stupenda cornice del Teatro Umberto Giordano e non solo..

26ma edizione di Umbria Jazz Winter: nel cartellone i più bei nomi del jazz italiano e personaggi di culto del jazz americano. Una edizione che si segnala anche per alcune esclusive. .

Jazz Concept: Forme e Linguaggio Moderno del Jazz. workshop intensivo dedicato allo studio melodico del linguaggio jazzistico a cura del CEMM.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Mathias Eick
Midwest



ECM (2015)

1. Midwest
2. Hem
3. March
4. At Sea
5. Dakota
6. Lost
7. Fargo
8. November

Mathias Eick - tromba
Gjermund Larsen - violino
Jon Balke - pianoforte
Mats Eliertsen - contrabbasso
Helge Norbakken - percussioni


Per chi volesse una colonna sonora per un viaggio, "Midwest" è il disco perfetto. Quello capace di creare immagini, colori, profumi e anche sapori: un album sinestetico. Mathias Eick non ha mai difettato in narrativa, ma con questo lavoro tocca la vetta in termini compositivi ed esecutivi, per la cura del suono, per la capacità di parlare con le note, e nel dialogare con i suoi accoliti, tra i migliori in circolazione per creatività e impegno. Racchiude nello stesso grembo gli accenti del jazz europeo, paradigmi della musica rinascimentale quasi occultati in passaggi estetizzanti e lirici sottolineati dal pianoforte di Balke. E non tradisce i suoi natali, spennellando il tutto con striature folcloriche norvegesi che guardano fisso verso il Midwest d'oltreoceano al quale il lavoro è tributato (il brano eponimo ne è una bella prova, così come "Hem"). Misture che ci dicono meglio del talento del giovane violinista norvegese Gjermund Larsen, che mette un po' di acidità nei passaggi più accorati. La tromba di Eick è crepuscolare. Si badi bene: non calante o tenebrosa, ma da allegri tramonti, rossi e vaporosi che lasciano respirare le note, che rendono agili e scattanti gli accordi. Ben lontana dall'obsoleta muscolarità a tutti i costi. E' capace di parlare il suo idioma, senza dover scimmiottare nessuno. Padroneggia tempi, passaggi, note fantasma e pause con un volume sempre opportunamente moderato, ma capace di lasciare l'impronta ("March"). Le composizioni hanno una marcia in più anche per essere vivificatrici dei titoli, che rispecchiano appieno. Come "At Sea" dove la risacca si muove tra contrabbasso, percussioni e pianoforte, con Eick che soffia gentile.

Il trombettista norvegese continua a farsi largo nella scena internazionale, cooptando nuovi compagni di viaggio e guardando verso orizzonti sempre diversi. E lo fa con acume, bravura e cuore. E senza recitare alcuna parte, a dispetto di coloro i quali lo vorrebbero inscatolare con qualche paragone "a tutti i costi".

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

10/03/2013

Jon Balke piano solo: "Balke, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono." (Nina Molica Franco)

24/07/2011

Mario Laginha e Convidados a Jazz no parque: "...promosso dalla Fondazione Serralves nella sua splendida area verde a poca distanza dalle scoscese stradine del centro storico di Oporto, Jazz no Parque è uno dei più longevi festival jazz portoghesi, celebrando quest'anno la sua ventesima edizione. Ha presentato quattro concerti di livello assoluto: il quartetto di Charles Lloyd, Bigmouth di Chris Lightcap, un inedito incontro tra le tre trombe di Dave Douglas, Avishai Cohen ed Enrico Rava, e il trio con Mario Laginha, Julian Arguelles e Helge Norbakken." (Francesco Martinelli)

12/08/2009

Siwan (Jon Balke – Amina Alaoui) - Alceste Ayroldi

14/04/2009

Last Night The Moon Came Dropping Its Clothes In The Street (Jon Hassell)

11/11/2007

Playground (Manu Katchè)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 502 volte
Data pubblicazione: 20/09/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti