Jazzitalia - Miles Davis: The Complete Columbia Album Collection
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Miles Davis
The Complete Columbia Album Collection

Dopo averne sezionato la carriera con una serie di box tematici, la Sony ha deciso di rimontare il puzzle, allineando in un lussuoso cofanetto di 70 cd in mini replica cartonata e un dvd, l'intero output discografico (52 titoli) del divino Miles. nei suoi anni Columbia, ovvero quelli più sfavillanti e sempre presi a paragone. Davis ha rappresentato un caso a parte nella storia del jazz, per quel coacervo di intuito, genio e carisma che nel corso di una carriera davvero incomparabile, gli ha consentito almeno tre rivoluzioni, passando dal bop al modale fino alle contaminazioni con il rock e l'elettronica, salvo provare la stessa ammirazione per figure estreme come Charlie Parker, Jimi Hendrix e addirittura Michael Jackson.



C
ambiando uomini e coordinate, il mercuriale trombettista ha celebrato l'epifanìa del suo mito, conquistando una fama planetaria e una ricchezza da vera superstar, come mai nessuno avrebbe più fatto. Il limpido fraseggio della suo prezioso strumento, poggiato su imperscrutabili linee melodiche di verso ascendente che scolpivano lo spazio sonoro, l'indiscussa capacità nel motivare i suoi uomini di pregio, spesso leader di altrettanti gruppi che con lui davano sempre il massimo, la capacità di leggere il suo tempo e di anticipare le tendenze, lo pongono come un iconoclasta assoluto, mai pago di allori e consensi. In questo caso la saga parte dal 1956, con alcuni incontri fondamentali ormai alle spalle, compresa la registrazione del seminale "The Birth Of The Cool", il primo capolavoro registrato per la Capitol: Miles aveva formato un primo grande quintetto con l'ancora acerbo John Coltrane, il gruppo comunque possedeva tiro e capacità, dividendosi le attenzioni insieme agli altrettanto imprescindibili Jazz Messengers, quelli guidati da Art Blakey. Liquidato alla svelta un primo soddisfacente impegno discografico con la Prestige, il trombettista entrò in studio per incidere il suo rutilante debutto per la Columbia che gli fece i ponti d'oro persino nella promozione, circostanza praticamente mai avvenuta prima nel jazz: "Round About Midnight", raccoglie una manciata di standards interpretati allo stato dell'arte con l'ausilio di una ritmica efficacissima composta Red Garland (piano), Paul Chambers (contrabbasso) e Philly Joe Jon (batteria). In particolare il celeberrimo tema monkiano rilascia uno stato di eccitante tensione emotiva, tale da consegnarne la sua magnificenza assoluta per l'eternità. Problemi legati alla dipendenza da stupefacenti vari che imprigionavano quegli uomini così talentuosi ma fragili, costrinsero Davis a scioglierne repentinamente le fila, salvo legarsi quasi subito alla geometrica perfezione di Gil Evans, un arrangiatore supremo che gli confezionò addosso lo stupendo "Miles Ahead" (1957), un lavoro per tromba e orchestra di ottoni. Era una suite raffinatissima che per una parte della critica era un tentativo di ascesa all'estasi, un work in progress capace di un ulteriore sviluppo in altri due album pensati bene e suonati con qualche umana imperfezione, sopratutto per la necessità di contenere il budget gravato dalle costose ore di registrazione.

"Porgy & Bess" (poggiato sul capolavoro Gershwiniano) e il complicato "Sketches Of Spain", un affresco etnico in cui blues e flamenco si inseguono nella magistrale scrittura di Evans abbinata allo stato di grazia raggiunto da Davis, avrebbero potuto accontentare chiunque, non il nostro uomo, che poco dopo riforma un piccolo organico per registrare "Milestones", prova generale della svolta modale sublimata da "Kind Of Blue" (1959), il disco perfetto sul quale è già stato scritto un fiume d'inchiostro. Qui vale la pena ricordare l'apporto fondamentale di un altro Evans, il pianista Bill e l'assunto alla base di questa teoria, che liberava la musica dalle gabbie forzose del bop, con la possibilità di improvvisare sulle scale in luogo degli accordi. Impossibile fare meglio, se si fosse ritirato già a questo punto, Davis sarebbe comunque rimasto a capo dell'olimpo jazzistico che da quel momento in avanti avrebbe comunque governato a suo piacimento. Se qualcuno dei musicisti entrava nel suo giro, allora voleva dire che la consacrazione personale sarebbe stata imminente e lui sapeva scegliere come nessun altro. Dopo tanto clamoroso successo seguì un periodo di stasi legato soprattutto alla riscoperta dei prediletti standards affrontati con il solito magistero, in più bisognava registrare qualche grave per quanto inevitabile defezione, (era ormai impossibile limitare Coltrane al ruolo di gregario, sia pur di estremo lusso), o fare i conti con l'ascesa di nuove fulminanti idee (da Eric Dolphy a Ornette Coleman che sembrava persino aver influenzato, con la sua totale libertà di pensiero, l'atteso rientro sulle scene di Sonny Rollins dopo il suo clamoroso ritiro) che scossero il mondo del jazz, ma non Miles che proseguiva imperterrito sulla sua strada. Con lui per qualche tempo rimasero il fine pianista Wynton Kelly, l'antico sodale Chambers e il batterista Jimmy Cobb. Il vuoto lasciato da Coltrane fu marginalmente soddisfatto dalla meteora Sonny Stitt e dal più continuo Hank Mobley. Ma si sarebbe trattato di schermaglie. Dopo aver cercato un'ultima (sfuocata) collaborazione con Gil Evans (1962) sulle melodie zuccherose di Antonio Carlos Jobim, Davis era ormai pronto a nuova svolta, per la quale risultò fondamentale la fiducia concessa a due musicisti poco più che adolescenti: insieme al pianista Herbie Hancock segnalatogli dal trombettista Donald Byrd, arrivò il giovane fenomeno della batteria Tony Williams (non ancora maggiorenne) destinato a diventare il perno inamovibile di tutta la straordinaria musica che sarebbe arrivata da lì a poco. In uno stato di conclamata euforia, il "divino" formò il suo secondo grande quintetto completato da Ron Carter (contrabbasso) e George Coleman (sax), destinato presto a cedere il posto a Wayne Shorter, un altro enfant-prodige influenzato da Coltrane che proveniva dai Messengers di Blakey, dove aveva evidenziato un grande talento anche sul fronte compositivo. Il suo ingresso si rivelò fondamentale per innalzare qualità e livello e in tre anni (1963/1967), vennero così realizzati un discreto numero di album ("E.S.P","Miles Smiles", "Sorcerer", "Nefertiti", "Miles In The Sky"), che ribadirono quell'estetica scintillante e vertiginosa, lodata come riferimento assoluto di quel periodo storico. Davis ribadì il suo definitivo affrancamento dagli accordi nella magniloquenza di un fraseggio che si era fatto ancora più sfrangiato, nei guizzi repentini che balenavano da quelle note allungate di proposito.

La spinta del bop per Davis sembrava ormai esaurita: suonare ancora pagine di una bellezza ormai vetusta, non lo poteva certo soddisfare, e così improvvisando su schegge tematiche e appoggiandosi anche all'elettronica che cominciava a fare passi da gigante, (uno scandalo per l'ala purista e conservatrice del jazz), il "divino" riunì una nuova formazione di otto elementi che comprendeva anche il chitarrista John Mclaughlin, Chick Corea al piano elettrico e Joe Zawinul all'organo, aprendosi a una musica che per certi versi richiamava quella del precedente quintetto, schiudendo però l'orizzonte verso nuove contaminazioni con certe forme del pop e rock, di matrice essenzialmente nera. Una musica eccitante, sviluppata intorno a una più che mai rinnovata e totale fiducia concessa ai suoi uomini, in particolare sul fonte ritmico e armonico: a lui era riservata una funzione di regia più o meno occulta, con un ulteriore frammentazione delle linee melodiche, che sembravano originarsi come svanire nel nulla. E se "In A Silent Way" (1969), è un etereo, concettuale e splendido aggiornamento di "Kind Of Blue" (i musicisti convocati in studio non ebbero altro che poche indicazioni su quello che Davis voleva fare, ma dietro sua indicazione i magnetofoni vennero azionati immediatamente registrando ogni sospiro), tutto quello che si poteva intuire in quei solchi si tramuta in vivida realtà per "Bitches Brew", un doppio album il cui titolo è astutamente passibile di censura, ma fiammante nell'energia selvaggia che lo pervade, con altri nuovi innesti (menzione d'onore per Jack De Johnette a Larry Young), in cui è ancora Davis ad emergere come supremo deus ex machina, capace di ordinare ogni cosa con interventi pregni di turbine e pathos, illuminando le già fascinose atmosfere in cui è Shorter (soprattutto al sax soprano), ad assumere un ruolo fondamentale negli spigoli fascinosi del suo personalissimo stile. L'album scosse e divise, ma vendette clamorosamente bene. Miles si era ancora una volta proiettato verso aree dal confine incerto e (anche) per questo straordinariamente affascinanti. In un battito di ciglia divenne l'idolo di gran parte dei giovani che ascoltavano il rock, restando un testo sacro per tutti quelli che si sarebbero avventurati nei dintorni di queste perigliose coordinate: di sicuro "Bitches Brew" è anche il suo ultimo capolavoro in casa Columbia, cui è riservato qualche altro bagliore ("On The Corner", 1972), prima del provvisorio ritiro che avvenne nel 1975, in seguito a problemi di salute abbinati a una più o meno latente crisi artistica. Quando rientrò con regolarità solo 5 anni dopo, il nostro sembrava aver smarrito il suo immarcabile furore creativo: da quel mucchio meritano il live "We Want Miles", l'ottimo gruppo che lo seguì in studio per realizzare "Decoy" (1984) e la suite "Aura", commissionatagli in Danimarca e rimasta a lungo inedita.

Si tirano così le somme di un operazione monumentale, proposta però a un prezzo competitivo, sigillata da un bel libro di 250 pagine che ne cesella minuziosamente altri dettagli. Nel dvd a corredo una performance rimasta inedita ripresa tra la Svezia e la Germania nel 1967, con Shorter nel ruolo di co-leader. Altre bonus track di medio interesse si abbinano alla performance (audio) integrale registrata al mega raduno dell'isola di Wight nel 1970 con Keith Jarrett sul palco e Jimi Hendrix in prima fila: insieme avrebbero dovuto tornare a Londra per definire i dettagli di un disco da fare in comunione assoluta. Sappiamo poi come è finita, ma la quasi totalità di una saga ai confini della leggenda è qui. Tutta da (ri) scoprire.

Vittorio Pio per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/08/2017

Around Jazz: intervista a Papa Dj: "...la musica è la protagonista principale della nostra comunicazione, riesce ad abbattere barriere politiche, sociali e religiose, un pezzo bello diventa collante tra popoli e culture, questa è la potenza della musica." (Alceste Ayroldi)

24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

06/01/2010

Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis (Merlin Enrico - Rizzardi Veniero)- Franco Bergoglio

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)

21/03/2004

Kind of Blue - Io & MIles Davis (Quincy Troupe - Ashley Khan)





Video:
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 4596
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4333
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 3398
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 3306
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 3562
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 3438
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3727
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3990
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3781
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3467
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 3415
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3434
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 4241
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 3464
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da caoamarelo - visualizzazioni: 3886
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3770
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3563
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3585
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3421
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3518
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 3418
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 3407
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3437
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 3126
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 3642
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3715


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.698 volte
Data pubblicazione: 13/12/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti