Jazzitalia - Paolo Fresu: Mistico Mediterraneo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
Paolo Fresu
Mistico Mediterraneo



ECM (2011)

01. Rex tremendae
02. Liberata
03. Da tè à mè
04. Le lac
05. Dies irae
06. Gloria
07. Corale
08. La folie du Cardinal
09. U sipolcru
10. Scherzi veranili
11. Figliolu d'ella
12. Gradualis
13. Sanctus

Paolo Fresu - trumpet, flugelhorn
Daniele Di Bonaventura - bandoneon

A Filetta Vocal Ensemble (ex. track 7/13)
Jean-Claude Acquaviva - seconda
Paul Giansily - terza
Jean Luc Geronimi - seconda
José Filippi - bassu
Jean Sicurani - bassu
Maxime Vuillamier - bassu
Ceccè Acquaviva - bassu


È vero che Paolo Fresu ci ha abituati a una sperimentazione costante che ha dato vita negli anni a progetti sempre diversi, ma forse questo Mistico Mediterraneo riesce a ritagliarsi una posizione di rilievo in una pur così variegata discografia. Evidentemente è la presenza del coro polifonico A Filetta – gruppo storico della musica tradizionale corsa, fondato nel lontano 1978 – a conferire a questa seconda registrazione di Fresu a suo nome con la Ecm (dopo il fortunato Chiaroscuro con Ralph Towner) una personalità musicale tutta propria.

Tutto cominciò nel 2006, quando ad Ajaccio Fresu – insieme a Daniele Di Bonaventura, presente anch'egli in Mistico Mediterraneo, e ad altri musicisti – fu chiamato a condividere il palco con A Filetta, in occasione di un concerto che ne celebrava la carriera trentennale e rappresentava la volontà del coro corso, pur nel rispetto della tradizione, di aprirsi a collaborazioni con musicisti provenienti da generi musicali differenti. Non può certo meravigliare che in quell'occasione sia emersa un'"affinità elettiva" tra il "sardo" Fresu e il "corso" A Filetta, spiegabile in base alle due culture musicali – e non solo – a cui appartengono, che affondano in antichissime radici comuni, ben più profonde di quelle che legano Sardegna e Corsica alle rispettive nazionalità statali. Radici mediterranee, come evidenzia il titolo dell'album.

Mistico Mediterraneo – per la collaborazione di musicisti jazz con un coro il cui repertorio è composto anche di canti religiosi – non può non suggerire il confronto con un altro progetto simile, sempre targato Ecm: Officium di Jan Garbarek e The Hilliard Ensemble, che di recente ha pubblicato il suo terzo episodio. Ebbene, proprio tale confronto è utile per evidenziare le peculiarità di Mistico Mediterraneo. Dal punto di vista della selezione dei brani, mentre Officium attinge quasi esclusivamente a un repertorio sacro, Mistico Mediterraneo mescola sacro e profano (ne sono prova Da tè à me e Scherzi veranili, che musicano due testi del poeta corso Santucci), e non mancano composizioni originali del leader di A Filetta, Jean-Claude Acquaviva, e di altri che hanno collaborato in passato con il coro, come Jean-Michel Giannelli e Bruno Coulais; al repertorio di A Filetta si aggiungono poi Gradualis, composta appositamente da di Bonaventura (musica) e Acquaviva (testo), e i due brani strumentali a firma di Bonaventura, Corale e Sanctus. Entrando adesso nello specifico, prima di tutto, a differenza del quartetto vocale The Hilliard Ensemble, A Filetta è un coro polifonico composto di sette voci; ne consegue che, mentre la cifra stilistica di Officium è il contrappunto di voce e sax, qui prevale invece la contaminazione tra il registro vocale e quello strumentale. Alla contaminazione di temi – ma, in fondo, la stessa religiosità mediterranea è una commistione inestricabile di elementi sacri e profani – corrisponde quindi quella musicale, come dimostra l'uso spregiudicato di effetti elettronici da parte di Fresu. Inoltre, la fisarmonica di di Bonaventura aggiunge un calore e un colore che richiama immediatamente l'atmosfera mediterranea. In brani quali Liberata, Da tè à mè, Scherzi veranili non soltanto la comune matrice musicale e culturale mediterranea di tromba, fisarmonica e voci è particolarmente evidente, ma la sintonia tra il lirismo del jazz di Fresu e il canto di A Filetta è addirittura impressionante. Se di un misticismo mediterraneo si può parlare, è certo che la malinconia e il languore del brano strumentale che chiude emblematicamente il cd, Sanctus, hanno ben poco a che fare con una religiosità definita dall'austerità e dalla severità.

Dario Gentili per Jazzitalia











Video:
Paolo Fresu Quintet Live in Mortara 2010
== Top Italian Jazz Music ==PAOLO FRESU: Tromba e FlicornoTINO TRACANNA: Sax Tenore e SopranoROBERTO CIPELLI: PianoforteATTILIO ZANCHI: ContrabbassoET...
inserito il 14/02/2010  da videosasha - visualizzazioni: 2705
Paolo Fresu Trio & Enrico Intra "E se domani" Iseo Jazz 2009
Iseo Jazz 2009, La casa del jazz italiano, , "E se domani", Enrico Intra pianoforte, Paolo Fresu tromba flicorno, Paolino Dalla Porta contra...
inserito il 24/07/2009  da Storieminime - visualizzazioni: 2303
Paolo Fresu Trio - "Ninna Nanna" Iseo Jazz 2009
Iseo Jazz 2009, La casa del jazz italiano, , "Ninna Nanna Jazz", Paolo Fresu tromba flicorno, Paolino Dalla Porta contrabbasso, Bebo Ferra c...
inserito il 23/07/2009  da Storieminime - visualizzazioni: 2039


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.362 volte
Data pubblicazione: 29/05/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti