Jazzitalia - Diego Baiardi quartet : Moti ondosi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Paolo di Sabatino con Dominique Di Piazza e Damien Schmitt, Dado Moroni con Peter Erskine ed Eddie Gomez e i francesi Dam'n'Co per la 16ma edizione di Jazz & Vento a Cortale.

Il Peperoncino Jazz Festival diventa maggiorenne. Apre il sipario Steve Gadd.

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Otto concerti internazionali gratuiti nello splendido scenario della piazza Cattedrale sotto il tema "La fisarmonica nel jazz" per la diciannovesima edizione del Beat Onto Jazz Festival..

Riflettori accesi sul Montreux Jazz Festival: un programma da capogiro che coinvolge anche le altre due sedi, un programma vario, variopinto che tiene a mente solo una cosa, la buona musica..

Bari in Jazz: Caetano Veloso, Francesco De Gregori, Paolo Fresu, Andrea Motis, Michel Godard, Redi Hasa, Aziza Brahim, Daniele di Bonaventura, Daniele Sepe, Amaro Freitas, Lucia Carvalho e molti altri per uno degli eventi più attesi dell'estate pugliese .

XI edizione del CEMM Summer Camp aperto a tutti i musicisti professionisti e amatori, iscritti a scuole di musica, istituti musicali e Conservatori all'interno delle prestigiose Fattorie di Celli.

BariJazz: il 22 luglio annunciato a Fasano Caetano Veloso, ultima data del tour italiano.

Cinquant'anni di ECM, al Teatro la Fenice un evento speciale con i tre concerti di Anouar Brahem, Egberto Gismonti, Enrico Rava. .

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Marsicovetere Jazz Contest 2019 - ad agosto il contest riservato a giovani musicisti italiani, gruppi e solisti, di età inferiore a 35 anni.

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Diego Baiardi quartet
Moti ondosi



Incipit records-distribuzione EGEA

1. La première
2. Le tour
3. Le pas du chat
4. La canzone di Marinella
5. Goutes de pluie
6. Gil
7. Sus
8. Revernir chez moi
9. Anna
10. All the things you are
11. Revenir chez moi 2

Diego Baiardi - pianoforte
Andrea Dulbecco - vibrafono
Riccardo Fioravanti - contrabbasso
Stefano Bagnoli - batteria


Diego Baiardi è un pianista dalle molte collaborazioni con artisti di musica leggera, ramo cantautori quali Pacifico, Vecchioni, Origlio. Questo cd segna, però, il suo debutto in ambito jazzistico dove il suo nome, in effetti, è sconosciuto ai più. Per cominciare bene, il musicista vercellese ha scelto tre partners di valore con un pedigree in area jazz, ma avvezzi pure a frequentare compagnie del panorama canzonettistico italiano, quello più raffinato e colto. Il vibrafonista è Andrea Dulbecco, richiestissimo dalle orchestre sinfoniche più prestigiose, ma anche ospite della big band della RAI. Al contrabbasso figura Riccardo Fioravanti, che ha inciso con Ornella Vanoni, Grace Jones, Antonella Ruggiero, tra gli altri. Alla batteria siede Stefano Bagnoli, colonna dei gruppi di Enzo Jannacci e del figlio Paolo, non chè del Devil quartet ti Paolo Fresu. Baiardi ha, poi, elaborato una serie di motivi nella sua casa di Vernazza, nelle Cinque Terre. Da qui il titolo di "Moti ondosi", ispirato al paesaggio osservato dalla finestra della sua camera nella riviera di levante. Con questi ingredienti ha confezionato un disco collegato al filone melodico, permeato da un romanticismo lieve, delicato e prossimo alle esperienze di Danilo Rea o di Roberto Cipelli per trovare un nesso. Il quartetto si presenta con una formazione simile a quella del "Modern Jazz Quartet", ma la vicinanza si ferma a questo dato di fatto. Siamo lontani, cioè, dalle atmosfere vagamente "third stream" o dal clima classico-swing, marchio di identificazione del quartetto di John Lewis-Milt Jackson. E' un disco inequivocabilmente italiano come premesse, prospettive e come sviluppo del repertorio scelto. I brani seguono quasi tutti un andamento analogo. L'introduzione discorsiva e spesso malinconica è del pianoforte a cui succede l'esposizione del tema da parte del vibrafono. A questo punto entrano in gioco il basso profondo e cantabile e la batteria metronomica, ma fantasiosa. Ogni passaggio è svolto con stile ed eleganza. E' un jazz aggraziato, di incontro, piacevole, ma mai dolciastro, esile o epidermico. Il merito principale della riuscita di questa incisione va a quattro musicisti poliedrici a loro agio in queste situazioni. Il leader si rivela autore attento alle sfumature e pianista che ama i chiaroscuri e l'accompagnamento incalzante, ma discreto allo stesso tempo. Dulbecco è sempre più convincente con il suo vibrafono acuminato, percussivo quando occorre e melodico, descrittivo in altre composizioni. Fioravanti si produce in assoli precisi e appassionati, esponendo il tema, quando è chiamato in causa, con garbo e misura. Bagnoli si conferma maestro nell'uso delle spazzole e si distingue per alcuni interventi apparentemente in contrasto con quanto elaborato dagli altri. In realtà il batterista provoca, a volte, discontinuità che si ricompongono sorprendentemente. Sono sfasature sotto controllo. E' una disomogeneità apparente, a conti fatti.

I brani migliori del cd sono una versione inconsueta de "La canzone di Marinella", titolo piuttosto usurato dalle più diverse interpretazioni, qui reimpastato, rimodellato con cambi di tempo, di ritmo, un intervento solitario della batteria e pungenti sottolineature del motivo base da parte di Andrea Dulbecco. Fra gli "originals" si fa raccomandare "Revenir chez moi", in due versioni, E' un tema che si gira e si aggroviglia intorno, caratterizzato da un bel botta e risposta di piano e vibrafono. E' l'unica occasione in cui i due, suonando, ricordano per certi versi i dialoghi fra Chick Corea e Gary Burton.

Per finire un disco inequivocabilmente "made in Italy" come concezione e come svolgimento. L'unica incursione al di là dell'oceano è costituita, infatti, da "All the things you are", ma è un viaggio che ci riporta lo standard in una dimensione domestica, familiare o universale, se si preferisce.

Gianni B. Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/04/2017

Ugly Beauty (Collettivo T. Monk)- Gianni Montano

19/07/2015

Messina Sea Jazz 2015: "Quattro serate all'insegna del jazz, otto formazioni, una grande orchestra e un unico prezioso fil rouge: la Sicilia." (Nina Molica Franco)

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

15/09/2013

Desertico (Paolo Fresu Devil 4et)- Alceste Ayroldi

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2013

Un Altro Viaggio (Stefano Bagnoli We Kids Trio)- Marco Losavio

21/04/2013

Paolo Fresu Devil Quartet: "...una formazione che si conferma ai massimi livelli del jazz italiano e internazionale, riuscendo a coniugare una ricerca musicale raffinata ed innovativa con la capacità di catturare emotivamente un vasto pubblico." (Roberto Biasco)

24/02/2013

Intervista con Arianna masini: Arianna Masini presenta il nuovo album "Perchè io non potevo dimenticare le rose" al Blue Note. (Eva SImontacchi)

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

07/10/2012

Portraits (Fabio Crespiatico)- Matteo Mosca

07/07/2012

Red Inside (Antonella Catanese)- Francesco Martinelli

12/02/2012

'S Wonderful (Lara Iacovini Quartet)- Rossella Del Grande

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

24/04/2011

Harmonitaly (Federico Bertelli - Riccardo Arrighini trio)- Gianni B. Montano

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

06/03/2011

Intervista a Diego Baiardi: "...il mondo in questo momento abbia bisogno di forme artistiche che elevino, dunque se un disco ti eleva a livello vibrazionale, ti porta su di un piano di pace e apertura spirituale. Un disco ha la possibilità di modificare delle vibrazioni e di riportare l'ascoltatore su di un piano più positivo, meditativo." (Eva Simontacchi)

07/11/2010

Intervista con Andrea Dulbecco: docente di percussioni al Conservatorio G.Verdi di Milano, è considerato fra i più importanti esponenti del vibrafono a livello internazionale: "...il jazz per le istituzioni non esiste e vive grazie solo all'intervento di privati o di chi ha una personale simpatia per la nostra musica...Oggi giorno avere solo tecnica non basta. Nel panorama musicale attuale ci sono tantissimi artisti che posseggono una tecnica fantastica e grandi doti virtuosistiche, ma, quello che davvero conta, è avere un proprio linguaggio riconoscibile e soprattutto suonare con anima e cuore." (Alessandro Carabelli)

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

23/10/2010

La vita è bella (Mintzer / Moroni / Fioravanti /La Barbera)- Alessandro Carabelli

18/09/2010

Canzoni (Andrea Dulbecco)- Morena Ragone

19/06/2010

Say The Truth (Gabriele Boggio Ferraris Quartet)- Rossella Del Grande

15/05/2010

Arriving Soon (Soul 4 & Mattia Cigalini) - Marco Buttafuoco

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

23/04/2010

Il Mio Giardino (Toni Melillo)- Rosanna Perrone

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

19/04/2009

"Let's Get Lost: Chet Baker ed il Messaggio nella Bottiglia" nell'ambito del Piacenza Jazz Fest ideato da Luca Bragalini con conferenza e concerto con il Paolo Fresu. (Stefano Corbetta)

08/03/2009

Sunday Afternoon (Andrea Dulbecco Trio )

08/03/2009

Appunti di viaggio (Marco Brioschi)

25/08/2008

Liquid Places (Mauro Negri Quartet)

23/08/2008

From east to west (Menconi, Fioravanti, Bagnoli)

21/06/2008

Note Basse (Riccardo Fioravanti Quartet)

24/03/2008

Identità (Massimo Manzi)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

16/03/2008

The Cube (The cube & Tom Harrell)

19/03/2007

Mauro Negri Quartet al Paprika di Dalmine: "Si ha la netta sensazione che il gruppo abbia una forte identità e voglia creare un proprio sound che si discosta dai deja-vu del quartetto classico..." (William Cigarini)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

14/01/2007

Aphrodite (Alessandro Carabelli Group (featuring Franco Ambrosetti))

01/05/2006

Italian Trumpet Summit a Chiasso: "L'evento ha indubbiamente rappresentato una evidente dimostrazione dell'ottimo livello raggiunto dai jazzisti italiani che meritatamente si sono imposti in ambiti internazionali, riscuotendo i meritati riconoscimenti e consensi." (Bruno Gianquintieri)

14/07/2005

Bill Evans Project (Riccardo Fioravanti Trio)

05/07/2004

Around Satchmo (Stefano Bagnoli Brushtime Trio)

21/06/2003

Super Star Triok (Moroni - Moriconi - Bagnoli)

03/07/2002

A Jazz Story di Stefano Bagnoli con la Dream Band (Abeat records)





Video:
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti pt. 2
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 27/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3568
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3581
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 4315
Have you met Miss Jones - Hart & Rodgers - Francesco Arzani & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a second year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The J...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3716
Straight, no chaser - Thelonious Monk - Daniele Cortese & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a first year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The Ja...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3963


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.571 volte
Data pubblicazione: 04/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti