Jazzitalia - Jamie Baum Septet: Moving forward, standing still
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

OMNITONE
Jamie Baum Septet
Moving forward, standing still


1. All Roads Lead To You
2. Spring Rounds
3. In The Journey
4. Clarity
5. Medley: From Scratch/Primordial Prelude
6. South Rim
7. Central Park
8. Bar Talk
9. Spring
10. Rivington Street Blues

Jamie Baum - flauto & alto flauto
Ralph Alessi - tromba & flicorno
Doug Yates - alto sax & clarinetto basso
Tom Varner - corno francese
Gorge Colligan - piano & piano elettrico
Drew Gress - contrabbasso
Jeff Hirshfield - batteria





"Un disco ispirato a Stravinsky, Bartok, Ives e altri compositori classici contemporanei". Così la musicista newyorkese presenta il suo lavoro "Moving forward, standing still" dove è affiancata dalla solita granitica sezione ritmica (Drew Gress e Jeff Hirshfield) e dallo straordinario Doug Yates (sax alto e clarinetto basso) insieme ai suoni della tromba e del flicorno di Ralph Alessi.

Un'opera in cui emergono le doti compositive della Baum insieme alla spiccata e largamente riconosciuta abilità di strumentista.

Il disco inizia con un brano dedicato al compositore russo Igor Stravinsky, All roads lead to you, dove elementi ritmici e melodici, ma soprattutto timbrici, riportano l'orecchio – fatte le dovute proporzioni - ad alcuni lavori dei classici contemporanei e a quelle condotte strumentali vicine alla poetiche dell'immenso Eric Dolphy.

Una musica ispirata nettamente all'ambito colto, che prende spunto anche da piccoli brandelli melodici delle composizioni dei due grandi Maestri – come in Bar Talk e Spring dove si fa esplicito riferimento rispettivamente a Bartok e Stravinsky – per rielaborarli in un sound energico che riesce a mantenere nei suoi riferimenti un'identità tutt'altro che obsoleta.

L'accostamento timbrico degli strumenti risulta quanto mai azzeccato, sia nelle interazioni tematiche che in alcuni intrecci improvvisativi, conferendo alla musica un'identità ben definita che sembra rispecchiarsi in quella logica secondo cui l'arte viene difesa dalle troppe definizioni e soprattutto dai confini stilistici.

Avviene quindi che – per piacere e dispiacere di molti – jazz e musica colta si incontrino cancellando quelle barriere dalle quali per lungo sono state riconosciute come due mondi inavvicinabili.
Consigliato a chi piace una musica che sa coraggiosamente avventurarsi in territori sonori imprevedibili. Ottimo disco.
Marco De Masi per Jazzitalia







Articoli correlati:
13/10/2018

39th International Jazz Festival Saalfelden 2018: "Il festival jazz di Saalfelden, nel Salisburghese, è un festival diventato punto di riferimento mondiale per il jazz di sperimentazione, d'avanguardia o, comunque, fuori dagli schemi del maistream." (Aldo Gianolio)

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

29/03/2015

Only Man (Ralph Alessi - Fred Hersch)- Valeria Loprieno

11/05/2014

Ralph Alessi "Baida" Quartet: "...i quattro musicisti si sono integrati alla perfezione dando vita ad un jazz equilibrato, elegante e a tratti pensieroso..." (Viviana Falcioni)

01/07/2012

Grande creatività e interazione tra musicisti per un concerto-tributo stimolante suonato con convinzione ed entusiasmo. (V. Falcioni, A. Feliziani)

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

02/04/2011

Wrecks (The Angle)- Rossella del Grande

21/03/2010

Ravi Coltrane Trio al Piacenza Jazz Fest: "Ravi Coltrane è musicista dalla solida preparazione e di grande determinazione, il suo gruppo si è mosso con maestria, sapienza ed una sicura proprietà di linguaggio in territori generalmente noti: la musica di Ravi appare radicata in un passato "glorioso" con radici profonde in un mainstream di stampo hardboppistico-modale." (Andrea Gaggero)

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

06/06/2009

Human Activity Suite (Brad Shepik)

09/04/2009

Solace (Jamie Baum Septet )

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

06/04/2008

Jazz & Wine Of Piece: "La X edizione di Jazz & Wine ha confermato la buona qualità della manifestazione che ha spaziato dal jazz al folk fino alla world music, aprendo anche alla New Age." (Giovanni Greto)

11/11/2007

Sightunheard (Jamie Baum )







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.333 volte
Data pubblicazione: 11/11/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti