Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Splasch(H) Records
Nat Trio
Nat Trio


1. N1
2. La Jalousie
3. Thank’s for Food
4. Leila
5. Bosimaya
6. Variazione 8
7. A1
8. Ipnosi
9. Il giardino incantato
10. Svolazzando
11. Fellini
12. Song for my Father
13. T1

Elisabetta Lacorte - Basso elettrico
Marcella Carboni - Arpa
Simone Dionigi Pala - sassofono (tenore e soprano)


Sorprendente è l'esordio del Nat Trio!



Perché sorprendente? Innanzitutto per la formazione: Marcella Carboni all'arpa, Elisabetta Lacorte al basso elettrico e Simone Luigi Pala al sax. Un organico insolito, strumenti così musicalmente distanti tra loro, che danno luogo ad una grande molteplicità d'espressioni in un mood spesso lirico, a volte veemente, che sembra districarsi abilmente e con grande originalità sia in repertori classici, riprendendo l'highlight di H. Silver Song for My Father, sia attingendo ad autori contemporanei come Fresu, Tonolo e Cipelli, che firmano tre dei 13 brani del disco, artefici dei restanti nove brani i Nat Trio stessi.

Per ben comprendere la prova dei tre, illuminanti sono le parole di Paolo Fresu il quale scrive nelle liner notes del booklet: "l'arpa non suona gli accordi politonali del jazz come invece sa fare benissimo Marcella Carboni che presta il suo ingombrante strumento alla sfida di un progetto, quello del trio con sassofono e basso elettrico, intenso e colorato". E' difficile aggiungere qualcosa a quanto detto dalla sensibile e colta voce del trombettista.

Il disco tutto è, in effetti, un progetto condotto all'insegna della ricerca del suono puro, libero da qualsiasi forma di legame musicale (se non di riflesso), stimolando in tal modo un'intensa sollecitazione emotiva in chi ascolta. Tutto è perfettamente organizzato, la scrittura così come l'improvvisazione, allo stesso modo l'esecuzione. La band conferma ad ogni brano di avere molto da dire, dimostrando una maturità dove ognuno dei tre musicisti si concede totalmente in un progetto universale e vigorosamente partecipe, evidenziando grandi voci strumentali, fraseggi morbidamente tortuosi, quasi eterei, che rendono questo album vibrante di musica moderna, fresca e vitale. Ritengo inutile ogni commento sui singoli musicisti o sui brani; si consideri, se lo si vuole, l'acquisto del disco come un investimento!

Pulizia del suono, il buon gusto nella scelta delle architetture musicali, il garbo con cui le stesse vengono proposte, spesso in un'atmosfera lirica e notturna. La track 6 Variazione 8, di Roberto Cipelli, è probabilmente la più significativa in questo senso: bella prova nei soli in uno spazio sonoro quasi indefinito, che tende a sollecitare l'emozione pura, con vera eleganza nel sussurro delle note, che ricorda le produzioni ECM.

Ottimo il lavoro svolto dai Nat Trio. Come poteva essere altrimenti per un gruppo nato - come nelle migliori tradizioni jazz - sui marciapiedi, stavolta di Nuoro!
Franco Giustino per Jazzitalia







Articoli correlati:
28/04/2014

Pop Harp (Max De Aloe - Marcella Carboni)- Francesco Favano

20/01/2013

Kandinsky (Massimo Barbiero, Marcella Carboni e Maurizio Brunod)- Andrea Gaggero

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.699 volte
Data pubblicazione: 26/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti